Di seguito trovi il testo dell’opera “L’Infinito” di Giacomo Leopardi. Buona lettura!

Giacomo Leopardi
L’infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
De l’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e ‘l suon di lei. Così tra questa
Infinità s’annega il pensier mio:
E ‘l naufragar m’è dolce in questo mare.

Se ti piacciono opere come L’infinito di Giacomo Leopardi e ti piace la nostra biblioteca digitale, supportami sulla mia pagina Instagram e Facebook, grazie!

Continua la tua esperienza su Free Attitude con una delle nostre aree di interesse:

Free Attitude è un sito multi-disciplina. Il mio obiettivo è quello di creare un sito ricco di risorse che possono tornare utili e accessibili a tutti.

Oltre alla volontà di tenere traccia del passato e degli autori che hanno popolato e popolano il mondo, ci stiamo impegnando anche nelle discipline più recenti. Da qui deriva la nostra attenzione per il Digital marketing e la SEO (entrambe necessarie per costruire una tua presenza online).

Spero che il contenuto che trovi su questo sito ti sia d’aiuto nello sviluppo della tua attitudine, affinché tu possa fare nella vita ciò che ti piace di più fare.

Segui la nostra pagina Facebook per rimanere al passo!