Di seguito trovi il testo originale (sulla sinistra) e la traduzione (sulla destra) della Apologia di Apuleio. Inoltre ti ricordo che puoi leggere tantissime altre opere degli autori qui elencati.

Brano 1:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Certus equidem eram proque uero obtinebam, Maxime Cl(audi) quique in consilio estis, Sicinium Aemilianum, senem notissimae temeritatis, accusationem mei prius apud te coeptam quam apud se cogitatam penuria criminum solis conuiciis impleturum; quippe insimulari quiuis innocens potest, reuinci nisi nocens non potest. quo ego uno praecipue confisus gratulor medius fidius, quod mihi copia et facultas te iudice optigit purgandae apud imperitos philosophiae et probandi mei; quanquam istae calumniae ut prima specie graues, ita ad difficultatem defensionis repentinae fuere. nam, ut meministi, dies abhinc quintus an sextus est, cum me causam pro uxore mea Pudentilla aduersus Granios agere aggressum de composito necopinantem patroni eius incessere maledictis et insimulare magicorum maleficiorum ac denique necis Pontiani priuigni mei coepere. quae ego cum intellegerem non tam crimina iudicio quam obiectamenta iurgio prolata, ultro eos ad accusandum crebris flagitationibus prouocaui. ibi uero Aemilianus cum te quoque acrius motum et ex uerbis rem factam uideret, quaerere occepit ex diffidentia latibulum aliquod temeritati.

Traduzione:

Io ero certo e ritenevo per vero, o Massimo Claudio e voi Signori del Consiglio, che Sicinio Emiliano, vecchio di famigerata audacia, a sostenere l’accusa contro di me, prima dinanzi a te intentata che dentro di sé meditata, si sarebbe valso, in mancanza di positive imputazioni, di un cumulo di ingiuriose calunnie. Qualsiasi innocente può essere diffamato, ma convinto di reità non può essere che un colpevole. E in questo solo pensiero confidando, mi rallegro che dinanzi a un giudice come te mi sia data ampia facoltà di difendere presso gli ignoranti la filosofia e discolpare me stesso. In verità codeste calunnie, gravi al primo aspetto, sorte cos? all’improvviso, hanno accresciuto la difficoltà della difesa. Come ricordi, sono quattro o cinque giorni, da che avevo cominciato a difendere nell’interesse di mia moglie Pudentilla la causa contro i Granii, quando, seguendo un loro piano, inaspettatamente gli avvocati di Emiliano mi assalgono con invettive accusandomi di magici malefici e per ultimo della morte di Ponziano mio figliastro. Comprendevo che non eran queste vere e proprie imputazioni prodotte in giudizio, ma schiamazzi ingiuriosi di litiganti: appunto per questo li sfidai, con insistenti richieste, a presentare l’accusa. E qui Emiliano, vedendo che anche tu eri sdegnato e che dalle parole si passava ormai a un’azione giudiziaria, si smarrì e cominciò a cercare un rifugio alla sua temerità.

Apologia (Apuleio)

Brano 2:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Igitur Pontianum fratris sui filium, quem paulo prius occisum a me clamitarat, postquam ad subscribendum compellitur, ilico oblitus est; de morte cognati adolescentis subito tacere[m]. tanti criminis descriptione [ne] tamen omnino desistere uideretur, calumnia[m] magiae, quae facilius infamatur quam probatur, eam solum sibi delegit ad accusandum. ac ne id quidem de professo audet, uerum postera die dat libellum nomine priuigni mei Sicini Pudentis admodum pueri et adscribit se ei assistere, nouo more per alium lacessendi, scilicet ut optentu eius aetatulae ipse insimulationis falsae non plecteretur. quod tu cum sollertissime animaduertisses et iccirco eum denuo iussisses proprio nomine accusationem delatam sustinere, pollicitus ita facturum ne sic quidem quitus est ut comminus ageret percelli, set iam et aduersum te contumaciter eminus calumniis uelitatur. ita totiens ab accusandi periculo profugus in assistendi uenia perseuerauit. igitur et priusquam causa ageretur, facile intellectu cuiuis fuit, qualisnam accusatio futura esset, cuius qui fuerat professor et machinator idem fieri auctor timeret, ac praesertim Sicinius Aemilianus, qui si quippiam ueri in me explorasset, nunquam profecto tam cunctanter hominem extraneum tot tantorumque criminum postulasset, qui auunculi sui testamentum quod uerum sciebat pro falso infamarit, tanta quidem pertinacia, ut, cum Lollius Vrbicus V. C. uerum uideri et ratum esse debere de consilio consularium uirorum pronuntiasset, contra clarissimam uocem iurauerit uecordissimus iste, tamen illud testamentum fictum esse, adeo ut aegre Lollius Vrbicus ab eius pernicie temperarit.

Traduzione:

Egli, che poco prima andava gridando ai quattro venti che Ponziano, il figlio di suo fratello, era stato ucciso da me, appena è sollecitato a sottoscrivere l’accusa, subito se ne scorda: della morte del giovane parente neppure una parola; ma per non sembrare di avere in tutto desistito dalla determinazione di così grave reato, la calunnia di magia, dove è più facile incolpare che provare, questa sola preferì serbare all’accusa. Ma neppure di questo ardiva farsi responsabile; il giorno dopo presenta una querela scritta in nome di mio figliastro Sicinio Pudente, un minorenne, e appone il suo nome come assistente, secondo la bella novità di perseguitare in giudizio a nome altrui; naturalmente perché mettendo innanzi un ragazzo, egli potesse sfuggire alla pena di calunnia. E tu, con il tuo finissimo accorgimento avvertisti la cosa e lo esortasti per la seconda volta a sostenere in proprio nome l’accusa. Promise di farlo, ma nemmeno così fu possibile trascinarlo qui a lottare di persona e, ribellandosi alla tua stessa autorità, egli saetta le calunnie da lontano. Tante volte fuggiasco dinanzi alla pericolosa responsabilità dell’accusatore, ha perseverato nello scusabile ufficio dell’assistente. Così prima ancora che il dibattimento fosse iniziato, chiunque poteva facilmente capire che razza di accusa sarebbe stata quella di cui temeva farsi legale promotore proprio colui che ne era stato il maestro e il macchinatore: specialmente un uomo come Sicinio Emiliano, il quale, se avesse scoperto una qualche prova contro di me non avrebbe davvero esitato a chiamare in giudizio per tanti e così gravi delitti un uomo estraneo a lui: lui che ha impugnato di falso il testamento dello zio pur sapendone l’autenticità, e con tale ostinatezza che, allorquando l’illustrissimo Lollio Urbico, su parere dei consolari, ebbe dichiarato quel testamento autentico e valido, questo mentecatto, contro una sentenza profferita da cos? alto personaggio, osò giurare tuttavia che quell’atto sé, era falso: e a fatica Lollio Urbico si trattenne dal rovinarlo.

Apologia (Apuleio)

Brano 3:

Testo originaleApologia (Apuleio):

quam quidem uocem et tua aequitate et mea innocentia fretus spero in hoc quoque iudicio erupturam, quippe qui sciens innocentem criminatur eo sane facilius, quod iam, ut dixi, mentiens apud praefectum urbi in amplissima causa conuictus est. namque peccatum semel ut bonus quisque postea sollicitius cauet, ita qui ingenio malo est confidentius integrat ac iam de cetero quo saepius, eo apertius delinquit. pudor enim ueluti uestis quanto obsole[n]tior est, tanto incuriosius habetur. et ideo necessarium arbitror pro integritate pudoris mei, priusquam ad rem aggrediar, male dicta omnia refutare. sustineo enim non modo meam, uerum etiam philosophiae defensionem, cuia magnitudo uel minimam reprehensionem pro [ma]ximo crimine aspernatur, propter quod paulo prius patroni Aemiliani multa in me proprie conficta et alia communiter in philosophos sueta ab imperitis mercennaria loquacitate effutierunt. quae etsi possunt ab his utiliter blaterata ob mercedem et auctoramento impudentiae depensa haberi, iam concesso quodam more rabulis id genus, quo ferme solent linguae suae uirus alieno dolori locare, tamen uel mea causa paucis refellenda sunt, ne is, qui sedulo laboro ut ne quid maculae aut inhonestamenti in me admittam, uidear cuipiam, si quid ex friuolis praeteriero, id agnouisse potius quam contempsisse. est enim pudentis animi et uerecundi, ut mea opinio fert, uel falsas uitu[pe]rationes grauari, cum etiam hi, qui sibi delicti alicuius conscii sunt, tamen, cum male audiunt, impendio commoueantur et obirascantur, quamquam, exinde ut male facere coeperunt, consueuerint male audire, quod, si a ceteris silentium est, tamen ipsi sibimet conscii sunt posse se merito increpari; enimuero bonus et innoxius quisque rudis et imperitas auris ad male audiendum habens et laudis assuetudine contumeliae insolens multo tanta ex animo laborat ea sibi immerito dici, quae ipse possit aliis uere obiectare. quod si forte inepta uidebor et oppido friuola uelle defendere, illis debet ea res uitio uorti, quibus turpe est etiam haec obiectasse, non mihi culpae dari, cui honestum erit etiam haec diluisse.

Traduzione:

E un simile decreto, confidando nella tua equità e nella mia innocenza, spero risonerà pure in questo processo, contro un uomo il quale, convinto di mendacio in una causa di gran conto dinanzi al prefetto di Roma, può adesso con più facilità accusare di proposito un innocente. Un onest’uomo, quando abbia peccato una volta, si guarda bene dal ricadere; ma chi ha malvagia natura più sfacciatamente ricomincia: e via via che crescono i delitti, cresce l’impudenza: perché il pudore, come la veste, più è logoro, tanto più è trascurato. E appunto perché il mio pudore è rimasto intatto, prima che io cominci a discutere la lite, ritengo necessario confutare le maldicenze; non soltanto la mia causa io difendo, ma anche quella della filosofia, la cui maestà respinge come gravissima imputazione anche il più lieve biasimo. Gli avvocati di Emiliano hanno testé buttato fuori con prezzolata loquacità tante e tante calunniose invenzioni contro la mia persona ed altre più generiche use a dirsi contro i filosofi. Codeste loro ciance, benché possano apparire utilmente rimunerate e compensate con la paga dovuta all’impudenza, essendo ormai costume di codesti cavalocchi prestare all’altrui rancore il veleno della propria lingua, pure nell’interesse della mia causa devo brevemente rispondere loro perché, se io, che ho tanto scrupolo nell’evitare la benché minima macchia della mia vita, avrò trascurato qualcuna delle loro frivole insinuazioni, non si debba credere che l’abbia accettata per vera anziché disprezzata. E pudore e la verecondia, siccome penso, devono mal sopportare perfino il falso vituperio. Anche quelli che hanno coscienza del delitto commesso, nel sentirsi biasimati provano emozione e collera, benché da quando cominciarono a mal fare dovettero assuefarsi al biasimo, perché se anche gli altri tacciono, essi hanno ugualmente coscienza della loro riprovevole colpa. Con più ragione l’uomo buono e innocente che ha le orecchie inesperte e nuove al biasimo ed è per consuetudine di lode non avvezzo alla contumelia, si contrista che gli sian dette tante di quelle cose che egli stesso potrebbe veracemente rimproverare agli altri. Se dunque sembrerà che io abbia voluto scolparmi da frivolezze e da inezie, ciò sia rivolto a discapito di coloro che vergognosamente anche tali cose hanno imputato, e non sia data colpa a me che onestamente anche tali cose confuterò.

Apologia (Apuleio)

Brano 4:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Audisti ergo paulo prius in principio accusationis ita dici: ‘accusamus apud te philosophum formonsum et tam Graece quam Latine’ — pro nefas — ‘disertissimum’. nisi fallor enim, his ipsis uerbis accusationem mei ingressus est Tannonius Pudens, homo uere ille quidem non disertissimus. quod utinam tam grauia formae et facundiae crimina uere mihi opprobrasset; non difficile ei respondissem quod [H]omericus Alexander Hectori:[ ???] munera deum gloriosissima nequaquam aspernanda; quae tamen ab ipsis tribui sueta multis uolentibus non obtingunt. haec ego de forma respondissem. praeterea: licere etiam philosophis esse uoltu liberali; Pythagoram, qui primum se esse philosophum nuncuparit, eum sui saeculi excellentissima forma fuisse; item Zenonem illum antiquum Velia oriundum, qui primus omnium sollertissimo artificio [argumenta] ambifariam dissoluerit, eum quoque Zenonem longe decorissimum fuisse, ut Plato autumat; itemque multos philosophos ab ore honestissimos memoriae prodi, qui gratiam corporis morum honestamentis ornauerint. sed haec defensio, ut dixi, aliquam multum a me remota est, cui praeter formae mediocritatem continuatio etiam litterati laboris omnem gratiam corpore deterget, habitudinem tenuat, sucum exsorbet, colorem obliterat, uigorem debilitat. capillus ipse, quem isti aperto mendacio ad lenocinium decoris promissum dixere, uides quam sit amoenus ac delicatus, horrore implexus atque impeditus, stuppeo tomento adsimilis et inaequaliter hirtus et globosus et congestus, prorsum inenodabilis diutina incuria non modo comendi, sed saltem expediendi et discriminandi: satis ut puto crinium crimen, quod illi quasi capitale intenderunt, refutatur.

Traduzione:

Hai dunque udito poco fa l’esordio dell’accusa: “accusiamo dinanzi a te un filosofo di bell’aspetto e sé in greco, sé in latino – guarda che delitto! – facondissimo”. Se non erro, proprio con queste parole diede principio all’accusa Tannonio Pudente, uomo quello là davvero tutt’altro che facondissimo. Magari egli fondatamente mi avesse rimproverato tali colpe di bellezza e di facondia. Mi sarebbe stato facile rispondere come l’Alessandro di Omero a Ettore: “non sono da spregiare i doni gloriosissimi degli dei, quanti essi ne accordano; molti li vorrebbero, senza ottenerli”. Questo avrei detto quanto alla bellezza: e avrei aggiunto che è lecito anche ai filosofi essere di nobile aspetto. Pitagora, che primo assunse il nome di filosofo, fu l’uomo più bello del suo tempo; similmente Zenone l’antico, oriundo di Velia, che primo con abilissimo artificio seppe ridurre ogni proposizione a termini contraddittori, anche lui, secondo afferma Platone, fu pieno di leggiadria: e così pure molti filosofi sono ricordati di bellissimo aspetto, i quali la grazia del corpo ornarono con la dignità dei costumi. Ma una tale difesa, come ho detto, è ben lontana da un uomo, come me, di mediocre aspetto, a cui la continuata fatica degli studi toglie ogni grazia alla persona, estenua il corpo, prosciuga il succo vitale, spegne il colorito, debilita le forze. Questi miei stessi capelli, che costoro con spudorata menzogna dissero spioventi a bella posta per vezzoso lenocinio, guarda, guarda quanto siano graziosi e delicati, arruffati e lanosi, stopposi e scarruffati e batuffolosi e impannicciati per la lunga incuria, nonché di acconciarli, di scioglierli almeno e spartirli. Mi pare di aver detto abbastanza circa l’accusa dei capelli, che costoro hanno mosso quasi fosse un crimine capitale.

Apologia (Apuleio)

Brano 5 :

Testo originaleApologia (Apuleio):

De eloquentia uero, si qua mihi fuisset, neque mirum neque inuidiosum deberet uideri, si ab ineunte aeuo unis studiis litterarum ex summis uiribus deditus omnibus aliis spretis uoluptatibus ad hoc aeui haud sciam anne super omnis homines impenso labore diuque noctuque cum despectu et dispendio bonae valetudinis eam quaesissem. sed nihil ab eloquentia metuant, quam ego, si quid omnino promoui, potius spero quam praesto. sane quidem, si uerum est quod Statium Caecilium in suis poematibus scripsisse dicunt, innocentiam eloquentiam esse, ego uero profiteor ista ratione ac praefero me nemini omnium de eloquentia concessurum. quis enim me hoc quidem pacto eloquentior uiuat, quippe qui nihil unquam cogitaui quod eloqui non auderem? eundem me aio facundissimum esse, nam omne peccatum semper nefas habui; eundem disertissimum, quod nullum meum factum uel dictum extet, de quo di[s]serere publice non possim ita, ut iam de uorsibus di[s]sertabo quos a me factos quasi pudendos protulerunt, cum quidem me animaduertisti cum risu illis suscensentem, quod eos absone et indocte pronuntiarent.

Traduzione:

Quanto all’eloquenza, supposto che io ne abbia avuta, non dovrebbe sembrare cosa strana né odiosa, se fin dalla prima giovinezza, dedicatomi unicamente e con tutte le forze agli studi letterari, sdegnato ogni altro piacere, fino a questa età, forse più di ogni altro uomo con accanito lavoro giorno e notte, io abbia cercato di conseguirla, spregiando e sprecando la mia salute. Ma nessun timore da questo lato. Della eloquenza, per quanto io abbia potuto in essa progredire, ho piuttosto il desiderio che il possesso. Certamente, se è vero quanto si dice abbia scritto nelle sue commedie Stazio Cecilio, che l’innocenza è eloquenza, se è vero questo, riconosco e pubblicamente dichiaro che in fatto di eloquenza non la cederà a nessuno. Chi potrebbe essere nella vita più valente espositore di me, che non ebbi mai un pensiero che temessi di esporre? E affermo io stesso di essere facondissimo, perché ogni peccato ho sempre ritenuto nefando; di essere ottimo parlatore perché non esiste nessun fatto o detto mio di cui io non possa publicamente parlare: così come ora parlerò dei versi da me composti che essi hanno creduto di recitare qui quasi a mia vergogna, mentre io, come hai notato, ascoltavo con un riso di sdegno per quegli ignorantoni che li pronunciavano in modo così scorretto.

Apologia (Apuleio)

Brano 6:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Primo igitur legerunt e ludicris meis epistolium de dentifricio uersibus scriptum ad quendam Calpurnianum, qui cum aduersum me eas litteras promeret, non uidit profecto cupiditate laedendi, si quid mihi ex illis fieret criminosum, id mihi secum esse commune. nam petisse eum a me aliquid tersui dentibus uersus testantur: ‘Calpurniane, salue properis uersibus. misi, ut petisti, [tibi] munditias dentium, nitelas oris ex Arabicis frugibus, tenuem, candificum, nobilem puluisculum, complanatorem tumidulae gingiuulae, conuerritorem pridianae reliquiae, ne qua uisatur tetra labes sordium, restrictis forte si labellis riseris.’ quaeso, quid habent isti uersus re aut uerbo pudendum, quid omnino quod philosophus suum nolit uideri? nisi forte in eo reprehendendus sum, quod Calpurniano puluisculum ex Arabicis frugibus miserim, quem multo aequius erat spurcissimo ritu Hiberorum, ut ait Catullus, sua sibi urina ‘dentem atque russam pumicare gingiuam’.

Traduzione:

Essi, dunque, hanno cominciato a leggere tra i miei scherzucci letterari un bigliettino poetico su un dentifricio, indirizzato ad un certo Calpurniano, il quale nell’esibire quella lettera a mio danno, non ha certamente visto, per la bramosia di nuocermi, se egli non fosse per caso responsabile con me di quel delitto, se delitto c’era: perché proprio lui mi aveva richiesto una sostanza per la pulizia dei denti, come attestano i versi. Eccoli. Ti saluto, Calpurniano, con versi improvvisati. Ti ho mandato, come hai chiesto, nettezza di denti, splendori di bocca, fatti con arabici aromi, una tenue candifica famosa polverina che liscia e appiana la gengivetta enfiata che spazza via i resti del pranzo di ieri perché non si veda nessuna traccia impura quando avrai schiuso le labbra al sorriso. Di grazia, qual è in codesti versi il detto, il pensiero, che faccia vergogna e che un filosofo non debba volere far suo? Oppure per questo io sono da riprendere, per avere inviato una polverina tratta da piante arabiche a Calpurniano cui sarebbe molto più adatto, secondo la sporcissima usanza degli Iberi, di servirsi, come dice Catullo, della propria urina: Per lustrarsi i denti e la rossa gengiva.

Apologia (Apuleio)

Brano 7:

Testo originaleApologia (Apuleio):

uidi ego dudum uix risum quosdam tenentis, cum munditias oris uidelicet orator ille aspere accusaret et dentifricium tanta indignatione pronuntiaret, quanta nemo quisquam uenenum. quidni? crimen haud contemnendum philosopho, nihil in se sordidum sinere, nihil uspiam corporis aperti immundum pati ac fetulentum, praesertim os, cuius in propatulo et conspicuo usus homini creberrimus, siue ille cuipiam osculum ferat seu cum qui[c]quam sermocinetur siue in auditorio dissertet siue in templo preces alleget: omnem quippe hominis actum sermo praeit, qui, ut ait poeta praecipuus, dentium muro proficiscitur. dares nunc aliquem similiter grandiloquum: diceret suo more, cum primis cui ulla fandi cura sit impensius cetero corpore os colendum, quod esset animi uestibulum et orationis ianua et cogitationum comitium; ego certe pro meo captu dixerim nihil minus quam oris illuuiem libero et liberali uiro competere. est enim ea pars hominis loco celsa, uisu prompta, usu facunda; nam quidem feris et pecudibus os humile et deorsum ad pedes deiectum, uestigio et pabulo proximum, nunquam ferme nisi mortuis aut ad morsum exasperatis conspicitur: hominis uero nihil prius tacentis, nihil saepius loquentis contemplere.

Traduzione:

Ho visto poco fa alcuni che trattenevano a stento le risate mentre quell’avvocato muoveva fiera accusa contro la pulizia dei denti, e la parola “dentifricio” pronunziava con tanto sdegno quanto nessuno ebbe mai nel dire “veleno”. Perché no? Dev’essere accusa bene accetta a un filosofo, non tollerare su di sé nulla di sordido, non permettere che nessuna parte visibile del suo corpo sia immonda e fetida: soprattutto la bocca che, posta in evidenza, agli occhi di tutti, è l’organo di cui l’uomo si serve più spesso, sia che baci qualcuno o che discorra o parli in pubblico o rivolga nel tempio la preghiera a Dio. Ogni atto umano è preceduto dalla parola che, come dice il massimo poeta, “vien fuori dalla chiostra dei denti”. Immaginiamo un magniloquente oratore: egli direbbe, nello stile che gli è proprio, che chi ha specialmente cura del proprio linguaggio, deve attendere più che al resto del suo corpo, alla bocca, vestibolo dell’anima, porta della orazione, comizio delle idee. Per me, secondo la mia capacità, mi basti dire che a un libero e liberale cittadino nulla sconviene più che la sozzura della bocca. Essa è la parte eccelsa del corpo umano, la prima che si veda, la cui funzione è la parola. Nelle fiere e nelle bestie la bocca bassa e prona giù giù fino alle zampe e atterrata lungo il sentiero o la pastura mai può contemplarsi se non quando siano morte o mordenti per la furia che le assale; nell’uomo nulla tu osservi più presto quand’egli tace, nulla più spesso quand’egli parla.

Apologia (Apuleio)

Brano 8:

Testo originaleApologia (Apuleio):

uelim igitur censor meus Aemilianus respondeat, unquamne ipse soleat pedes lauare; uel, si id non negat, contendat maiorem curam munditiarum pedibus quam dentibus inpertiendam. plane quidem, si quis ita ut tu, Aemiliane, nunquam ferme os suum nisi maledictis et calumniis aperiat, censeo ne ulla cura os percolat neque ille exotico puluere dentis emaculet, quos iustius carbone de rogo obteruerit, neque saltem communi aqua perluat: quin ei nocens lingua mendaciorum et amaritudinum praeministra semper in fetutinis et olenticetis suis iaceat. nam quae malum ratio est linguam mundam et laetam, uocem contra spurcam et tetram possidere, uiperae ritu niueo denticulo atrum uenenum inspirare? ceterum qui sese sciat [o]rationem prompturum neque inutilem neque iniucundam, eius merito os, ut bono potui poculum, praelauitur. et quid ego de homine nato diutius? belua immanis, crocodillus ille qui in Nilo gignitur, ea quoque, ut comperior, purgandos sibi dentis innoxio hiatu praebet. nam quod est ore amplo, set elingui et plerumque in aqua recluso, multae hiru[n]dines dentibus implectuntur; eas illi, cum egressus in praeripia fluminis hiauit, una ex auibus fluuialibus amica auis iniecto rostro sine noxae periculo exculpit.

Traduzione:

Io vorrei pertanto che il mio censore Emiliano mi rispondesse se egli usi qualche volta lavarsi i piedi o, se egli lo afferma, che mi dimostri come mai sia più da curarsi la pulizia dei piedi che quella dei denti. Certamente, se qualcuno come te, Emiliano, apre soltanto la bocca per maledire e calunniare, credo bene che egli non curi né di pulirsi la bocca né di nettarsi con una polvere esotica i denti – che per lui sarebbe più giusto strofinare con carbone di forno crematorio – e neppure di sciacquarli con acqua comune: ma piuttosto la sua lingua malefica, dispensiera di menzogne e di amarezze, si appesti sempre nel suo letamaio. Infatti, ahimè, perché mai una lingua pulita e bella dovrebbe possedere una voce brutta e sporca e a modo di vipera col piccolo niveo dente stillare il nero veleno? Di chi si accinge ad esporre pensieri né disutili né sgradevoli è giusto che sia ben forbita la bocca, come la tazza per una buona bevanda. Ma a che parlare più a lungo dell’essere umano? Una bestiaccia feroce, il coccodrillo che nasce nel Nilo, anch’esso, a quanto ho appreso, sporge senza far male la enorme gola per farsi pulire i denti; infatti poiché ha una bocca ampia ma priva di lingua, che schiude solitamente nell’acqua, molte sanguisughe gli si attaccano ai denti; e quando, arrivato al battito del fiume, ha spalancato la bocca, uno degli uccelli fluviali, compiacente uccello, ficcato dentro il beccuccio, senza pericolo alcuno, gliele cava fuori.

Apologia (Apuleio)

Brano 9:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Mitto haec. uenio ad ceteros uorsus ut illi uocant amatorios, quos tamen tam dure et rustice legere, ut odium mouerent. sed quid ad magica maleficia, quod ego pueros Scriboni Laeti, amici mei, carmine laudaui? an ideo magus, quia poeta? quis unquam fando audiuit tam [ueri]similem suspicionem, tam aptam coniecturam, tam proxumum argumentum? ‘fecit uorsus Apuleius’. si malos, crimen est, nec id tamen philosophi, sed poetae; sin bonos, quid accusas? ‘at enim ludicros et amatorios fecit’. num ergo haec sunt crimina mea et nomine erratis, qui me magiae detulistis? fecere tamen et alii talia, etsi uos ignoratis: apud Graecos Teius quidam et Lacedaemonius et Ciu[i]s cum aliis innumeris, etiam mulier Lesbia, lasciue illa quidem tantaque gratia, ut nobis insolentiam linguae suae dulcedine carminum commendet, apud nos uero Aedituus et Porcius et Catulus, isti quoque cum aliis innumeris. ‘at philosophi non fuere’. num igitur etiam Solonem fuisse serium uirum et philosophum negabis, cuius ille lasciuissimus uersus est: et quid tam petulans habent omnes uersus mei, si cum isto uno contendantur? ut taceam scripta Diogenis Cynici et Zenonis Stoicae sectae conditoris id genus plurima. recitem denuo, ut sciant me eorum non pigere: ‘et Critias mea delicia est et salua, Charine, pars in amore meo, uita, tibi remanet; ne metuas; nam me ignis et ignis torreat ut uult, hasce duas flammas, dum potiar, patiar. hoc modo sim uobis, unus sibi quisque quod ipse est: hoc mihi uos eritis, quod duo sunt oculi.’ recitem nunc et alios, quos illi quasi intemperantissimos postremum legere: ‘florea serta, meum mel, et haec tibi carmina dono. carmina dono tibi, serta tuo genio, carmina, uti, Critia, lux haec optata canatur, quae bis septeno uere tibi remeat, serta autem, ut laeto tibi tempore tempora uernent, aetatis florem floribus ut decores. tu mihi das contra pro uerno flore tuum uer, ut nostra exuperes munera muneribus; pro implexis sertis complexum corpore redde[s], proque rosis oris sauia purpurei. quod si animam inspires donaci, iam carmina nostra cedent uicta tuo dulciloquo calamo.’

Traduzione:

Lasciamo questo argomento. Vengo ad altri versi, ai versi d’amore, come essi dicono, che pure hanno letto in modo così duro e villano da smuovere la bile. Quale rapporto può avere coi magici malefici il fatto che ho composto una poesia in lode dei figli di Scribonio Leto, amico mio? Sono mago perché sono poeta? Chi ha mai sentito parlare di un sospetto così verosimile, di una congettura così fondata, di una prova così calzante? “Fece dei versi Apuleio”: se cattivi, è un delitto e non del filosofo ma del poeta; se buoni, di che mi accusi? “Ma versi leggeri, versi d’amore egli compose”. Ah son questi davvero i miei delitti? E avete dunque sbagliato accusandomi di magia? Ben altri siffattamente peccarono, se anche voi lo ignorate: presso i Greci un tale di Teos, un Lacedemone, uno di Ceos, con innumerevoli altri; anche una donna di Lesbos, voluttuosa quella veramente e con tanta grazia da fare accettare con la dolcezza del canto l’arditezza del linguaggio; presso di noi Edituo, Porcio, Catulo, anch’essi con innumerevoli altri. “Ma non erano filosofi costoro”: e negherai dunque che Solone sia stato un personaggio severo ed un filosofo? Ebbene, quel verso pieno di lascivia è suo: “desiando le cosce e la bocca soave”. E di fronte a codesto solo che hanno mai di tanto sfacciato i miei versi? E non dico nulla degli scritti di Diogene il cinico e di Zenone, il fondatore della setta stoica, che ne hanno scritte molte, di simili cose. Recitiamoli pure quei versi una volta ancora, perché sappiano che non ne ho punto vergogna: Si, Critia è la mia gioia: ma è salva, Carino, la parte che a te rimane, o mia vita, nell’amor mio. No, non temere, fuoco con fuoco a talento mi bruci: io questa doppia fiamma, pur di godervi, sopporterò. Per l’uno e l’altro io sia quel che ognuno di voi è per sé: e voi per me sarete quel che sono due occhi. Recitiamo adesso anche gli altri che essi hanno letto per ultimi, come i più scostumati: Ecco, dolcezza mia, io t’offro ghirlande e canzoni: offro canzoni a te e al genio tuo ghirlande. Cantino le canzoni, o Critia, la luce del grato giorno che ti riporta sette con sette primavere. Fiorisca di ghirlande, nel tempo lieto, la tua fronte, e tu adorna di fiori il fiore di giovinezza. Per i fiori di primavera tu dammi la tua primavera, e supera coi tuoi doni i miei doni. Per gl’intrecciati serdi mi rendi col corpo un amplesso, e per le rose i baci della purpurea bocca. Ma se il tuo fiato spiri nel flauto, tosto i miei canti si taceranno vinti dalla tua dolce zampogna.

Apologia (Apuleio)

Brano 10:

Testo originaleApologia (Apuleio) :

Habes crimen meum, Maxime, quasi improbi comisatoris de sertis et canticis compositum. hic illud etiam reprehendi animaduertisti, quod, cum aliis nominibus pueri uocentur, ego eos Charinum et Critian appellitarim. eadem igitur opera accusent C. Catul[l]um, quod Lesbiam pro Clodia nominarit, et Ticidam similiter, quod quae Metella erat Perillam scripserit, et Propertium, qui Cunthiam dicat, Hostiam dissimulet, et Tibullum, quod ei sit Plania in animo, Delia in uersu. e[t] quidem C. Lucilium, quanquam sit iambicus, tamen improbarim, quod Gentium et Macedonem pueros directis nominibus carmine suo prostituerit. quanto modestius tandem Mantuanus poeta, qui itidem ut ego puerum amici sui Pollionis bucolico ludicro laudans et abstinens nominum sese quidem Corydonem, puerum uero Alexin uocat. sed Aemilianus, uir ultra Virgilianos opiliones et busequas rusticanus, agrestis quidem semper et barbarus, uerum longe austerior ut putat Serranis et Curiis et Fabriciis, negat id genus uersus Platonico philosopho competere. etiamne, Aemiliane, si Platonis ipsius exemplo doceo factos? cuius nulla carmina extant nisi amoris elegia; nam cetera omnia, credo quod tam lepida non erant, igni deussit. disce igitur uersus Platonis philosophi in puerum Astera, si tamen tantus natu potes litteras discere: [???.] item eiusdem Platonis in Alexin Phaedrumque pueros coniuncto carmine: [???.] ne pluris commemorem, nouissimum uersum eius de Dione Syracusano si dixero, finem faciam: [???.].

Traduzione:

Eccoti il mio crimine, o Massimo, come di un incorreggibile crapuIone: un crimine fatto di ghirlande e di canzoni. E qui hai notato che mi si fa un altro rimprovero, perché avendo i fanciulli altro nome, ho continuato a chiamarli Critia e Carino. Per il medesimo fatto accusino Catullo perché nominò Lesbia invece di Clodia, e similmente Ticida per avere scritto Perilla e non Metella, e Properzio che dice Cintia dissimulando Hostia e Tibullo che ebbe Plania nel cuore e Delia nel verso. E io non saprei veramente approvare Lucilio, quantunque sia poeta satirico, per avere esposto a mala fama coi veri nomi, in uno dei suoi carmi, i giovinetti Genzio e Macedone. Quanto più discreto il poeta Mantovano che, lodando, come io ho fatto, il giovane schiavo dell’amico suo Pollione, in una scena bucolica, si astiene dai nomi, chiamando sé Coridone e Alessi il fanciullo. Ma Emiliano, uomo rusticano più dei pecorai e dei bovari virgiliani, zoticone e barbaro sempre, ma di gran lunga più austero, com’egli si crede, dei Serrani e dei Curii e dei Fabrizi, nega che a un filosofo platonico si convengano versi di tal genere. Dimmi, Emiliano: anche se dimostro ch’essi sono fatti proprio sull’esempio dello stesso Platone, del quale non abbiamo altri carmi fuorché elegie di amore? Perché le altre poesie, immagino, non ritenendole altrettanto piacevoli, le diede alle fiamme. Ascolta i versi del filosofo Platone sul giovane Aster, se pure, vecchio come sei, puoi apprendere qualcosa di lettere: Aster, prima splendevi stella dell’alba tra i vivi: ora, che sei morto, splendi Espero tra i defunti. Dello stesso Platone sono questi versi dove sono congiunti due efebi, Alexis e Fedro: Da quando io dissi che Alessi solo è bello, lo guardano tutti, e in ogni luogo gli mettono gli occhi addosso. O cuore mio, perché mostrare un osso ai cani? Te ne pentirai un giorno. Fedro, non l’abbiamo perduto così? E per non citarne di più, eccovi un suo ultimo verso su Dione siracusano e avrò finito: “O Dione, mia frenesia d’amore”.

Apologia (Apuleio)

Brano 11:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Sed sumne ego ineptus, qui haec etiam in iudicio? an uos potius calumniosi, qui etiam haec in accusatione, quasi ullum specimen morum sit uersibus ludere? Catullum ita respondentem maliuolis non legistis: ‘nam castum esse decet pium poetam ipsum, uersiculos nihil necesse est’? Diuus Adrianus cum Voconi amici sui poetae tumulum uorsibus muneraretur, ita scripsit: ‘lasciuus uersu, mente pudicus eras’, quod nunquam ita dixisset, si forent lepidiora carmina argumentum impudicitiae habenda. ipsius etiam diui Adriani multa id genus legere me memini. aude sis, Aemiliane, dicere male id fieri, quod imperator et censor diuus Adrianus fecit et factum memoriae reliquit. ceterum Maximum quicquam putas culpaturum, quod sciat Platonis exemplo a me factum? cuius uersus quos nunc percensui tanto sanctiores sunt, quanto apertiores, tanto pudicius compositi, quanto simplicius professi; namque haec et id genus omnia dissimulare et occultare peccantis, profiteri et promulgare ludentis est; quippe natura uox innocentiae, silentium maleficio distributa.

Traduzione:

Ma sono io forse uno stolto, che parlo di queste cose anche davanti a un tribunale? O non voi piuttosto calunniatori, che cose di tal genere allegate nell’accusa, quasi fossero documenti di moralità alcuni scherzi poetici? Non avete letto la risposta di Catullo ai malevoli? Eccola: “il pio poeta dev’essere casto, lui: i versi non è necessario lo siano”. Il divo Adriano, onorando di un omaggio poetico il tumulo dell’amico poeta Voconio, così scrisse: “il verso tuo lascivo, ma l’anima era pura”. Il che non avrebbe mai scritto se le poesie alquanto voluttuose fossero da ritenere prove di impudicizia. E proprio di lui, del divo Adriano, ricordo di aver letto più cose di tal genere. Ora di’ pure Emiliano, se ne hai il coraggio che è male fare ciò che fece e lasciò alla posterità il divo Adriano imperatore e censore. Del resto, puoi tu pensare che Massimo riterrò colpevole ciò che io ho fatto, com’egli sa, sull’esempio di Platone? i cui versi, or ora citati, sono tanto più puri quanto più schietti, tanto più pudicamente composti, quanto più ingenuamente professati. In siffatta materia dissimulare e occultare è di chi male opera, professare e divulgare è di chi scherza: giacché la natura ha assegnato la voce all’innocenza, il silenzio al maleficio.

Apologia (Apuleio)

Brano 12:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Mitto enim dicere alta illa et diuina Platonica, rarissimo cuique piorum ignara, ceterum omnibus profanis incognita: geminam esse Venerem deam, proprio quamque amore et diuersis amatoribus pollentis; earum alteram uulgariam, quae sit percita populari amore, non modo humanis animis, uerum etiam pecuinis et ferinis ad libidinem imperitare ui immodica trucique perculsorum animalium serua corpora complexu uincientem: alteram uero caelitem Venerem, praeditam [quae sit] optimati amore, solis hominibus et eorum paucis curare, nullis ad turpitudinem stimulis uel illecebris sectatores suos percellentem; quippe amorem eius non amoenum et lasciuum, sed contra incom[i]tum et serium pulchritudine honestatis uirtutes amatoribus suis conciliare, et si quando decora corpora co[m]mendet, a contumelia eorum procul absterrere; neque enim quicquam aliud in corporum forma diligendum quam quod ammoneant diuinos animos eius pulchritudinis, quam prius ueram et sinceram inter deos uidere. quapropter, ut semper, eleganter Afranius hoc scriptum relinquat: ‘amabit sapiens, cupient ceteri’, tamen si uerum uelis, Aemiliane, uel si haec intellegere unquam potes, non tam amat sapiens quam recordatur.

Traduzione:

E tralascio di significare quell’alto e divino concetto di Platone noto, salvo eccezione, alle anime religiose, ma sconosciuto a tutti i profani: che vi siano due Veneri, signora ciascuna di un proprio amore e di amatori diversi; l’una è la Venere popolare che si scalda all’amore volgare e sprona alla libidine gli animi non solo degli uomini ma anche degli animali domestici e selvaggi, avvinghiando insieme in una passione sfrenata e selvaggia i corpi asserviti; l’altra, la Venere celeste, preposta al più nobile amore, ha cura degli esseri umani soltanto, di pochi tra essi, né per impulsi di libidine né per lusinghe abbatte i suoi adoratori; che il suo amore non voluttuoso e sollazzevole, ma disadorno e severo rivolge i suoi amanti alla virtù, colla bellezza morale: e se talora ci richiama alle belle persone, ci distoglie dal far loro oltraggio: e infatti per questo solo è amabile la bellezza dei corpi, perché essi richiamano l’anima divina e quella vera e pura bellezza ch’essa vide prima tra gli dei. Per ciò, sebbene con molta eleganza Afranio abbia lasciato scritto: “amano i saggi, bramano gli altri”, tuttavia, Emiliano, se vuoi saper la verità e se sei capace di comprendere qualche cosa, il sapiente non tanto ama quanto ricorda.

Apologia (Apuleio)

Brano 13:

Testo originaleApologia (Apuleio):

da igitur ueniam Platoni philosopho uersuum eius de amore, ne ego necesse habeam contra sententiam Neoptolemi Enniani pluribus philosophari; uel si tu id non facis, ego me facile patiar in huiuscemodi uersibus culpari cum Platone. tibi autem, Maxime, habeo gratiam propensam, cum has quoque appendices defensionis meae iccirco necessarias, quia accusationi rependuntur, tam attente audis. et ideo hoc etiam peto, quod mihi ante ipsa crimina superest audias, ut adhuc fecisti, libenter et diligenter. Sequitur enim de speculo longa illa et censoria oratio, de quo pro rei atrocitate paene diruptus est Pudens clamitans: ‘habet speculum philosophus, possidet speculum philosophus’. ut igitur habere concedam — ne aliquid obiecisse te credas, si negaro — , non tamen ex eo accipi me necesse est exornari quoque ad speculum solere. quid enim? si choragium thymelicum possiderem, num ex eo argumentarere etiam uti me consuesse tragoedi[i] syrmate, histrionis crocota, orgia, mimi centunculo? non opinor. nam et contra plurimis rebus possessu careo, usu fruor. quod si neque habere utendi argumentum est neque non utendi non habere et speculi non tam possessio culpatur quam inspectio, illud etiam doceas necesse est, quando et quibus praesentibus in speculum inspexerim, quoniam, ut res est, magis piaculum decernis speculum philosopho quam Cereris mundum profano uidere.

Traduzione:

Perdona dunque a Platone filosofo quei suoi versi di amore, perché io non abbia necessità, contro il precetto del Neottolemo enniano, di filosofare con molte parole; se non vuoi, sopporterò facilmente di farmi incolpare per siffatte poesie in compagnia di Platone. A te, Massimo, rendo grazie infinite per la tanta attenzione onde hai ascoltato anche queste appendici della mia difesa, per questo necessarie, perché fanno da contrappeso alle accuse. Ed io ti chiedo di ascoltare ancora, come hai fatto finora, volentieri e attentamente, ci? che mi resta a dire prima ch’io venga alle accuse principali. Segue dunque quel lungo e censorio discorso intorno allo specchio, per cui, dinanzi all’atrocità della cosa, Pudente per poco non è scoppiato schiamazzando: “ha uno specchio il filosofo, possiede uno specchio il filosofo!” Orbene, ammettendo pure di averlo, perché tu non creda di aver mossa, se lo negherò, una seria obiezione, non è tuttavia necessario concludere che io sia solito anche abbigliarmi allo specchio. E che? Se io possedessi tutto un vestiario scenico forse ne argomeriteresti che io sia solito indossare il manto del tragico, la gialla tunica dell’istrione, la variopinta casacca del mimo? Non credo. Così al contrario, moltissime sono le cose che non possiedo ma che adopero. Se il possesso non è una prova dell’uso e la mancanza di possesso non esclude l’uso, giacché non tanto il possesso dello specchio si incolpa, quanto il fatto di specchiarsi, questo è necessario che tu mi provi: quanto e in presenza di chi io mi sia guardato allo specchio. Dico questo perché in realtà tu decreti che per un filosofo la vista di uno specchio è un sacrilegio peggiore che per un profano vedere gli oggetti sacri dei misteri di Cerere.

Apologia (Apuleio)

Brano 14:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Cedo nunc, si et inspexisse me fateor, quod tandem crimen est imaginem suam nosse eamque non uno loco conditam, sed quoquo uelis paruo speculo promptam gestare? an tu ignoras nihil esse aspectabilius homini nato quam formam suam? equidem scio et filiorum cariores esse qui similes uidentur et publicitus simulacrum suum cuique, quod uideat, pro meritis praemio tribui. aut quid sibi statuae et imagines uariis artibus effigiatae uolunt? nisi forte quod artificio elaboratum laudabile habetur, hoc natura oblatum culpabile iudicandum est, cum sit in ea uel magis miranda et facilitas et similitudo. quippe in omnibus manu faciundis imaginibus opera diutina sumitur, neque tamen similitudo aeque ut in speculis comparet; deest enim et luto uigor et saxo color et picturae rigor et motus omnibus, qui praecipua fide similitudinem repraesentat, cum in eo uisi[te]tur imago mire relata, ut similis, ita mobilis et ad omnem nutum hominis sui morigera; eadem semper contemplantibus aequaeua est ab ineunte pueritia ad obeuntem senectam, tot aetatis uices induit, tam uarias habitudines corporis participat, tot uultus eiusdem laetantis uel dolentis imitatur. enimuero quod luto fictum uel aere infusum uel lapide incussum uel cera inustum uel pigmento illitum uel alio quopiam humano artificio adsimulatum est, non multa intercapedine temporis dissimile redditur et ritu cadaueris unum uultum et immobilem possidet. tantum praestat imaginis artibus ad similitudinem referundam leuitas illa speculi fabra et splendor opifex.

Traduzione:

Dimmi: se io confesso di essermi guardato, quale delitto è conoscere la propria immagine e, anziché tenerla racchiusa in un determinato luogo, portarla dovunque tu voglia, visibile e manifesta, in un piccolo specchio? Ignori che per una creatura umana nulla è più degno di essere rimirato che la propria figura? Anche dei figli so che sono più cari quelli che rassomigliano ai genitori; e le città fanno dono ai benemeriti cittadini delle loro immagini, perché possano contemplarle. Altrimenti che significato hanno le statue e le immagini con varia arte rappresentate? A meno che per avventura ciò che è stimato lodevole quando sia elaborato dall’arte, non sia da giudicarsi vizioso quando venga offerto dalla natura, dove è pure assai più meravigliosa la facilità e la somiglianza. Giacché in ogni ritratto si lavora a lungo, eppure la somiglianza non apparisce così viva come negli specchi; manca infatti alla creta il vigore, alla pietra il colore, alla pittura il rilievo e a tutte quante il moto che rende con singolare fedeltà la somiglianza: mentre nello specchio si vede l’immagine mirabilmente riportata, che rassomiglia e si muove e obbedisce a ogni cenno della persona. E quella immagine, di coloro che si rimirano è coetanea sempre, dalla nascente puerizia alla morente vecchiaia; tante mutazioni di tempo essa riveste, così vari aspetti della persona comporta, tante espressioni riflette di letizia e di dolore. Ma ciò che è plasmato o fuso nel bronzo o scolpito nel sasso o impresso nella cera o steso su coi colori o raffigurato con qualsivoglia altro artificio, dopo un breve intervallo di tempo non rassomiglia più e, a guisa di cadavere, serba una sola ed immobile faccia. Di tanto, rispetto alla somiglianza, supera le arti figurative quella modellatrice levigatezza e quella creatrice splendidezza dello specchio.

Apologia (Apuleio)

Brano 15:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Aut igitur unius Hagesilai Lacedaemonii sententia nobis sequenda est, qui se neque pingi neque fingi unquam diffidens formae suae passus est, aut si mos omnium ceterorum hominum retinendus uidetur in statuis et imaginibus non repudiandis, cur existimes imaginem suam cuique uisendam potius in lapide quam in argento, magis in tabula quam in speculo? an turpe arbitraris formam suam spectaculo assiduo explorare? an non Socrates philosophus ultro etiam suasisse fertur discipulis suis, crebro ut semet in speculo contemplarentur, ut qui eorum foret pulchritudine sibi complacitus impendio procuraret, ne dignitatem corporis malis moribus dedecoraret, qui uero minus se commendabilem forma putaret sedulo operam daret, ut uirtutis laude turpitudinem tegeret? adeo uir omnium sapientissimus speculo etiam ad disciplinam morum utebatur. Demost[h]enen uero, primarium dicendi artificem, quis est qui non sciat semper ante speculum quasi ante magistrum causas meditatum: ita ille summus orator cum a Platone philosopho facundiam [h]ausisset, ab Eubulide dialectico argumentationes edidicisset, nouissimam pronuntiandi congruentiam ab speculo petiuit. utrum igitur putas maiorem curam decoris in adseueranda oratione suscipiendam rhetori iurganti an philosopho obiurganti, apud iudices sorte ductos paulisper disceptanti an apud omnis homines semper disserenti, de finibus agrorum litiganti an de finibus bonorum et malorum docenti? quid, quod nec ob haec debet tantummodo philosophus speculum inuisere; nam saepe oportet non modo similitudinem suam, uerum etiam ipsius similitudinis rationem considerare: num, ut ait Epicurus, profectae a nobis imagines uelut quaedam exuuiae iugi fluore a corporibus manantes, cum leue aliquid et solidum offenderunt, illisae reflectantur et retro expressae contrauersim respondeant an, ut alii philosophi disputant, radii nostri seu mediis oculis proliquati et lumini extrario mixti atque ita uniti, ut Plato arbitratur, seu tantum oculis profecti sine ullo foris amminiculo, ut Archytas putat, seu intentu a?eris [f]acti, ut Stoici rentur, cum alicui corpori inciderunt spisso et splendido et leui, paribus angulis quibus inciderant resultent ad faciem suam reduces atque ita, quod extra tangant ac uisant, id intra speculum imaginentur.

Traduzione:

Dobbiamo, dunque, seguire il proposito del solo Agesilao, il Lacedemone, il quale diffidando del suo aspetto non si lasciò mai né dipingere né scolpire o è da mantenere il costume di tutti gli uomini nel bene accogliere le statue e le immagini? E in tal caso, perché ritieni si debba vedere la propria immagine nella pietra e non nell’argento: in un quadro e non in uno specchio? Oppure pensi tu sia brutta cosa studiare con assidua contemplazione la propria figura? Socrate, il filosofo, esortava, come si dice, i giovani a contemplarsi spesso nello specchio perché chi si fosse compiaciuto della propria bellezza badasse attentamente a non disonestare coi mali costumi la dignità del corpo; chi si ritenesse poco raccomandabile nell’aspetto, si adoprasse a nascondere la bruttezza con le qualità morali. Tanto quell’uomo, il più sapiente fra tutti, si valeva dello specchio per la disciplina dei costumi. E Demostene, il principe dell’arte della parola, chi non sa che egli sempre dinanzi allo specchio quasi davanti a un maestro ripeteva le sue orazioni? Così quel sommo oratore, dopo aver attinto da Platone filosofo l’eloquenza e appreso da Eubolide dialettico l’arte dell’argomentazione, chiese per ultimo allo specchio l’armoniosa compostezza della pronuncia. Credi tu dunque che nel far valere la sua orazione debba curare maggiormente il decoro della forma l’avvocato che litiga o il filosofo che ammonisce; colui che discute per un momento davanti a giudici sorteggiati o quello che disserta sempre dinanzi agli uomini tutti? uno che contesta i limiti di un campo o uno che insegna i limiti del bene e del male? Né soltanto per questo un filosofo deve riguardare lo specchio. Spesso è necessario non solo esaminare la propria rassomiglianza, ma considerare anche le ragioni della somiglianza. Bisogna vedere se, come afferma Epicuro, le immagini movendo dai nostri corpi con perenne flusso, come leggeri tessuti, allorché hanno urtato un che di liscio e di solido, schiacciate, si riflettano e risaltino per di dietro rovesciate; o, come sostengono altri filosofi, se i nostri raggi, sia emanati dal centro dei nostri occhi e con la luce esterna commisti e unificati, come pensa Platone: sia semplicemente usciti dagli occhi, senza alcun appoggio di luce esterna, secondo la opinione di Archita, sia condotti attraverso il fluido dell’aria, come pensano gli Stoici; se questi raggi, dunque, quando cadono su un corpo solido e brillante e liscio rimbalzino con angoli uguali all’angolo di incidenza, tornando indietro alla figura donde sono partiti, di guisa che ciò che essi toccano e vedono all’esterno raffigurino dentro lo specchio.

Apologia (Apuleio)

Brano 16:

Testo originaleApologia (Apuleio):

uideturne uobis debere philosophia haec omnia uestigare et inquirere et cuncta specula, uel uda uel suda soli, uidere? quibus praeter ista quae dixi etiam illa ratiocinatio necessaria est, cur in planis quidem speculis ferme pares optutus et imagines uideantur, [in] tumidis uero et globosis omnia defectiora, at contra in cauis auctiora; ubi et cur laeua cum dexteris permutentur; quando se imago eodem speculo tum recondat penitus, tum foras exerat; cur caua specula, si exaduersum soli retineantur, appositum fomitem accendant; qui fiat ut arcus in nubibus uarie, duo[s] soles aemula similitudine uisantur, alia praeterea eiusdem modi plurima, quae tractat uolumine ingenti Archimedes Syracusanus, uir in omni quidem geometria multum ante alios admirabilis subtilitate, sed haud sciam an propter hoc uel maxime memorandus, quod inspexerat speculum saepe ac diligenter. quem tu librum, Aemiliane, si nosses ac non modo campo et glebis, uerum etiam abaco et puluisculo te dedisses, mihi istud crede, quanquam teterrimum os tuum minimum a Thyesta tragico demutet, tamen profecto discendi cupidine speculum inuiseres et aliquando relicto aratro mirarere tot in facie tua sulcos rugarum. At ego non mirer, si boni consulis me de isto distortissimo uultu tuo dicere, de moribus tuis multo truculentioribus reticere. ea res est: praeter quod non sum iurgiosus, etiam libenter te nuper usque albus an ater esses ignoraui et adhuc [h]ercle non satis noui. id adeo factum, quod et tu rusticando obscurus es et ego discendo occupatus. ita et tibi umbra ignobilitatis a probatore obstitit, et ego numquam studui male facta cuiusquam cognoscere, sed semper potius duxi mea peccata tegere quam aliena indagare. igitur hoc mihi aduersum te usu uenit, quod qui forte constitit in loco lumine conlustrato atque eum alter e tenebris prospectat. nam ad eundem modum tu quidem, quid ego in propatulo et celebri agam, facile e tenebris tuis arbitraris, cum ipse humilitate abdita et lucifuga non sis mihi mutuo conspicuus.

Traduzione:

Non pare a voi che la filosofia debba proporsi tutti questi problemi e investigarli e guardare tutti gli specchi liquidi e solidi? E al filosofo, oltre le questioni di cui si è parlato, è necessario altresì considerare perché appunto negli specchi piani apparisce quasi affatto uguale l’immagine di chi si specchia, in quelli convessi e sferici tutto apparisce più impiccolito e nei concavi invece ingrandito; e inoltre per quale ragione negli specchi la sinistra è al posto della destra, e quando la immagine ora resti nascosta nell’interno, ora si manifesti alla superficie del medesimo specchio; perché gli specchi concavi se sono collocati di faccia al sole accendano gli oggetti infiammabili messi davanti al loro fuoco; perché mai si vede lo svariare di un arco tra le nubi e l’emula somiglianza di due soli; e restano moltissimi altri fenomeni di tal genere che tratta in un grande volume Archimede siracusano: uomo certamente in ogni scienza geometrica sopra tutti meraviglioso per acutezza, ma per questo forse massimamente memorabile, per aver saputo veder bene e molte volte nello specchio. E se tu, Emiliano, avessi conosciuto questo libro e ti fossi dato non solo al campo e alle glebe, ma anche all’abbaco e alla rena, credimi pure, anche con codesto tuo mostruoso aspetto da maschera tiestea, saresti, senza dubbio, per la passione dello studio, andato allo specchio e talvolta, smesso l’aratro, avresti rimirato sulla tua faccia i tanti solchi delle rughe. Ma se tu sei contento che io parli di codesta tua raggrinzatissima faccia, dissimulando quella assai più selvaggia indole tua, non ne ho punto meraviglia. Così è: oltre a non essere litigioso, io ho avuto sino a poco fa il piacere di non sapere se tu fossi bianco o nero; e finora, per grazia di Dio, non ti ho conosciuto abbastanza. Ed è avvenuto appunto questo: che tu vivi ignorato nei tuoi campi, ed io vivo occupato nei miei studi. Così l’ombra che ti nasconde ti ha sottratto alla censura e io non ho cercato mai di conoscere le male azioni degli altri, e ho preferito sempre far dimenticare i miei peccati che indagare quel degli altri. Pertanto, dinanzi a te sono nella condizione di chi è vissuto in un luogo tutto pieno di luce e un altro dalle tenebre di lontano lo spia. Così quello che io faccio all’aperto ed in pubblico tu agevolmente riguardi dal fondo delle tenebre tue, mentre la bassa ed occulta oscurità in cui vivi non mi consente di vederti a mia volta.

Apologia (Apuleio)

Brano 17:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Ego adeo seruosne tu habeas ad agrum colendum an ipse mutuarias operas cum uicinis tuis cambies, neque scio neque laboro. at tu me scis eadem die tris Oeae manu misisse, idque mihi patronus tuus inter cetera a te sibi edita obiecit, quanquam modico prius dixerat me uno seruo comite Oeam uenisse. quod quidem uelim mihi respondeas, qui potuerim ex uno tris manu mittere, nisi si et hoc magicum est. tantamne esse mentiendi caecitatem dicam an consuetudinem? ‘uenit Apuleius Oeam cum uno seruo’; dein pauculis uerbis intergarritis: ‘Apuleius Oeae una die tris manu misit’. ne illud quidem credibile fuisset, cum tribus uenisse, omnes liberasse; quod tamen si ita fecissem, cur potius tris seruos inopiae signum putares quam tris libertos opulentiae? nescis profecto, nescis, Aemiliane, philosophum accusare, qui famulitii paucitatem obprobraris, quam ego gloriae causa ementiri debuissem, quippe qui scirem non modo philosophos, quorum me sectatorem fero, uerum etiam imperatores populi Romani paucitate seruorum gloriatos. itane tandem ne haec quidem legere patroni tui: M. Antonium consularem solos octo seruos domi habuisse, Carbonem uero illum, qui rebus potitus est, uno minus, at enim Manio Curio tot adoreis longe incluto, quippe qui ter triumphum una porta egerit, ei igitur Manio Curio duos solos in castris calones fuisse? ita ille uir de Sabinis deque Samnitibus deque Pyrro triumphator paucioris seruos habuit quam triumphos. M. autem Cato nihil oppertus, ut alii de se praedicarent, ipse in o[pe]ratione sua scriptum reliquit, cum in Hispania[m] consul proficisceretur, tris seruos solos ex urbe duxisse; quoniam ad uillam publicam uenerat, parum uisum qui uteretur, iussisse duos pueros in foro de mensa emi, eos quinque in Hispaniam duxisse. haec Pudens si legisset, ut mea opinio est, aut omnino huic maledicto supersedisset aut in tribus seruis multitudinem comitum philosophi quam paucitatem reprehendere maluisset.

Traduzione:

Così, se tu hai degli schiavi per coltivare la terra o se fai scambio di opere mutuarie coi tuoi vicini, non so né mi curo di sapere; tu invece sai che io nello stesso giorno in Oea ho affrancato tre schiavi, e ciò il tuo avvocato, fra le altre rivelazioni che gli hai fatto, mi ha rinfacciato, benché poco prima avesse detto che ero venuto in Oea accompagnato da un solo servo. Ed io vorrei che tu mi rispondessi proprio su questo, come mai con un solo servo io abbia potuto affrancarne tre: a meno che non entri anche qui la magia. Che debbo dire? Può giungere fino a tanto la cecità o la consuetudine della menzogna? “Venne Apuleio in Oea con un solo servo”; e dopo un garrulio di poche parole: “Apuleio in Oea in un sol giorno ne affrancò tre”. Sarebbe già poco credibile che venuto con tre io li avessi tutti e tre liberati; ma se anche così avessi fatto, perché dovresti stimare tre servi indizio di povertà piuttosto che tre affrancati indizio di opulenza? Tu non sai certamente, Emiliano, che accusi un filosofo: tu che hai potuto rimproverarmi quella pochezza di servitù, che invece avrei dovuto inventare io, per farmene un vanto: perché sapevo che non solo i filosofi, dei quali mi dichiaro seguace, ma anche i supremi comandanti del popolo romano si gloriarono della pochezza dei servi. Dunque neppure questo hanno letto i tuoi avvocati, che M. Antonio, dopo il suo consolato, aveva in casa soltanto otto servi; Carbone, quello rimasto a capo della Repubblica, uno di meno, e Manio Curio, famoso per tante vittorie, che passò tre volte per la medesima porta da trionfatore, quel Manio Curio, dico, ebbe nel suo accampamento due soli garzoni. Così quell’uomo che trionfò dei Sabini, dei Sanniti e di Pirro, ebbe più trionfi che servi. E M. Catone, senza aspettare che altri facesse la sua lode, in una orazione lasciò scritto che partendo console per la Spagna, condusse con sé da Roma tre soli servi; giunto alla Villa Pubblica, credendo che non bastassero alle necessità del servizio, ne fece comprare due al pubblico mercato: and? in Ispagna con cinque. Credo che se Pudente avesse letto questi fatti o si sarebbe risparmiata la calunnia ovvero in tre servi che accompagnano un filosofo avrebbe preferito scorgere una colpa di abbondanza anzi che di miseria.

Apologia (Apuleio)

Brano 18:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Idem mihi etiam paupertatem obprobrauit, acceptum philosopho crimen et ultro profitendum. enim paupertas olim philosophiae uernacula est, frugi, sobria, paruo potens, aemula laudis, aduersum diuitias possessa, habitu secura, cultu simplex, consilio benesuada, neminem umquam superbia inflauit, neminem inpotentia deprauauit, neminem tyrannide efferauit, delicias uentris et inguinum neque uult ullas neque potest. quippe haec et alia flagitia diuitiarum alumni solent; maxima quaeque scelera si ex omni memoria hominum percenseas, nullum in illis pauperem reperies, ut contra haut temere inter inlustris uiros diuites comparent, sed quemcunque in aliqua laude miramur, eum paupertas ab incunabulis nutricata est. paupertas, inquam, prisca aput saecula omnium ciuitatium conditrix, omnium artium repertrix, omnium peccatorum inops, omnis gloriae munifica, cunctis laudibus apud omnis nationes perfuncta. eadem est enim paupertas apud Graecos in Aristide iusta, in Phocione benigna, in Epaminonda strenua, in Socrate sapiens, in Homero diserta. eadem paupertas etiam populo Romano imperium a primordio fundauit, proque eo in [h]odiernum diis immortalibus simpulo et catino fictili sacrificat. quod si modo iudices de causa ista sederent C. Fabricius, Gn. Scipio, Manius Curius, quorum filiae ob paupertatem de publico dotibus donatae ad maritos ierunt portantes gloriam domesticam, pecuniam publicam, si Publicola regum exactor et Agrippa populi reconciliator, quorum funus ob tenuis opes a populo Romano collatis [s]extantibus adornatum est, si Atilius Regulus, cuius agellus ob similem penuriam publica pecunia cultus est, si denique omnes illae ueteres prosapiae consulares et censoriae et triumphales breui usura lucis ad iudicium istud remissae audirent, auderesne paupertatem philosopho exprobrare apud tot consules pauperes?

Traduzione:

Egli, Pudente, anche della mia povertà ha fatto un delitto: delitto che un filosofo gradisce e apertamente professa. La povertà è sempre stata domestica ancella della filosofia, onesta, sobria, ricca di poco, gelosa del buon nome, stabile possesso di fronte alle ricchezze, sicura del suo stato, semplice nell’aspetto, provvida di consigli; nessuno ha mai gonfiato di superbia, nessuno ha depravato con la sfrenatezza, nessuno ha imbestiato con la tirannide, le delizie della gola e degli amori non vuole né saprebbe godere. Queste sono vergogne consuete agli alunni delle ricchezze. Se passi in rassegna i più grandi scellerati che la storia ricordi, non troverai tra di essi nessuno povero; e mentre bisogna fare ricerca per trovare dei ricchi fra gli uomini illustri, quanti sono ammirevoli per qualche merito sono stati fin dalla culla nutriti dalla povertà. La povertà, dico, fin dai primi tempi dell’umano consorzio, fondatrice di tutti gli Stati, inventrice di tutte le arti, priva di ogni peccato, larga dispensiera di ogni gloria, operatrice di ogni bene nel mondo. Vedetela presso i Greci: in Aristide giusta, in Focione benigna, in Epaminonda valorosa, in Socrate sapiente, in Omero eloquente; essa stessa, la povertà, è stata dalle origini fondamento di impero al popolo romano, il quale appunto per ciò, ancora oggi, sacrifica agli dei immortali con un ramaiolo e una scodella di argilla. Se dovessero sedere giudici in questa causa Gaio Fabrizio, Gneo Scipione, Manio Curio, le cui figlie per la loro povertà furono dotate a spese dello Stato e andarono alle case dei loro mariti portando la gloria domestica e il denaro pubblico; se Publicola, colui che cacciava i re, se Agrippa, riconciliatore del popolo, i cui funerali a cagion di miseria furono fatti mediante pubbliche offerte; se Attilio Regolo, il cui campicello per simile indigenza fu coltivato a spese dello Stato: se insomma tutte quelle antiche famiglie di consoli, di censori, di trionfatori, potessero ritornare un istante alla luce ed assistere a questo processo, oseresti tu rinfacciare la povertà a un filosofo dinanzi a tanti consoli che furono poveri?

Apologia (Apuleio)

Brano 19:

Testo originaleApologia (Apuleio):

an tibi Claudius Maximus idoneus auditor uidetur ad irridendam paupertatem, quod ipse uberem et prolixam rem familiarem sortitus est? erras, Aemiliane, et longe huius animi frustra es, si eum ex fortunae indulgentia, non ex philosophiae censura metiris, si uirum tam austerae sectae tamque diutinae militiae non putas amiciorem esse cohercitae mediocritati quam delicatae opulentiae, fortunam uelut tunicam magis concinnam quam longam probare; quippe etiam ea si non gestetur et trahatur, nihil minus quam lacinia praependens impedit et praecipitat. etenim [in] omnibus ad uitae munia utendis quicquid aptam moderationem supergreditur, [h]oneri potius quam usui exuberat. igitur et inmodicae diuitiae uelut ingentia et enormia gubernacula facilius mergunt quam regunt, quod habent irritam copiam, noxiam nimietatem. quin ex ipsis opulentioribus eos potissimum uideo laudari, qui nullo strepitu, modico cultu, dissimulatis facultatibus agunt et diuitias magnas administrant sine ostentatione, sine superbia, specie mediocritatis pauperum similes. quod si etiam ditibus ad argumentum modestiae quaeritur imago quaepiam et color paupertatis, cur eius pudeat tenuioris, qui eam non simulata[m], sed uere fungimur?

Traduzione:

E pare a te che Claudio Massimo sia uomo adatto ad ascoltare i tuoi scherni sulla povertà per il fatto che egli ha sortito un prospero e copioso patrimonio? Sbagli, Emiliano: tu sei ben lontano da quest’anima, se la misuri secondo i favori della fortuna, non secondo i severi principi della filosofia; se un uomo di tanta austera disciplina filosofica e di così lunga milizia, non credi sia più amico di una contenuta temperanza che di una raffinata opulenza e si compiaccia della fortuna come di una tunica piuttosto proporzionata che lunga: giacché anche essa, la fortuna, se invece che portata è trascinata, cos? come un lembo che penda già, impaccia e fa cascare. Fra tutte le cose necessarie agli usi della vita tutto quanto sorpassa la giusta misura è piuttosto di aggravio che di vantaggio. Le ricchezze smodate come ingenti ed enormi timoni fanno più facilmente affondare la nave, anzi che dirigerla per la sua rotta, perché hanno un’abbondanza inutile e una sovrabbondanza nociva. E tra la gente più ricca vedo che sono soprattutto lodati quelli che, silenziosi e modesti, dissimulate le loro fortune, vivono amministrando i loro grandi beni senza ostentazione né superbia, per la semplicità delle loro maniere, simili ai poveri. Ora, se anche i ricchi, per prova di modestia, vagheggiano una certa apparenza e un tal colore di povertà, perché dovremmo arrossirne noi che, in più umile condizione, sopportiamo una povertà non simulata ma reale?

Apologia (Apuleio)

Brano 20:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Possum equidem tibi et ipsius nominis controuersiam facere, neminem nostrum pauperem esse qui superuacanea nolit, possit necessaria, quae natura oppido pauca sunt. namque is plurimum habebit, qui minimum desiderabit; habebit enim quantum uolet qui uolet minimum. et idcirco diuitiae non melius in fundis et in fenore quam in ipso hominis animo aestimantur, qui si est auaritia egenus et ad omne lucrum inexplebilis, nec montibus auri satiabitur, sed semper aliquid, ante parta ut augeat, mendicabit. quae quidem uera confessio est paupertatis; omnis enim cupido acquirendi ex opinione inopiae uenit, nec refert, quam magnum sit quod tibi minus est. non habuit tantam rem familiarem Philus quantam Laelius, nec Laelius quantam Scipio, nec Scipio quantam Crassus Diues, at enim nec Crassus Diues quantam uolebat; ita cum omnis superaret, a suamet auaritia superatus est omnibusque potius diues uisus est quam sibi. at contra hi philosophi quos commemoraui non ultra uolentes quam poterant, sed congruentibus desideriis et facultatibus iure meritoque dites et beati fuerunt. pauper enim fis appetendi egestate, diues non egendi satietate, quippe qui inopia desiderio, opulentia fastidio cernuntur. igitur, Aemiliane, si pauperem me haberi uis, prius auarum esse doceas necesse est. quod si nihil in animo deest, de rebus extrariis quantum desit non laboro, quarum neque laus in copia neque culpa in penuria consistit.

Traduzione:

Ed io potrei anche fare con te questione proprio di parola: e sostenere che nessuno è povero il quale rinunci al superfluo ed è provveduto di quel necessario che per natura si riduce a ben poco. Ha il massimo quegli che desidera il minimo; chi vorrà pochissimo avrà infatti quanto vorrà. Le maggiori ricchezze non sono riposte in terre e in capitali, quanto negli appetiti dell’animo nostro, che se dall’avidità è fatto bisognoso e insaziabile ad ogni guadagno, neppur montagne d’oro gli saranno abbastanza: e per aumentare i suoi guadagni avrà sempre qualcosa da mendicare. È questa appunto una vera confessione di povertà: perché ogni desiderio di arricchire viene dal pensiero che ti manchi qualcosa: e non importa quanto sia grande ciò che ti manca. Filo non ebbe un patrimonio così grosso quanto Lelio, né Lelio quanto Scipione, né Scipione quanto Crasso il ricco, ma neppure Crasso il ricco quanto ne avrebbe voluto. Così, mentre superava in ricchezza tutti gli altri, a tutti sembrò ricco, meno che a sé. Quei sapienti invece, che ho ricordati, nulla volendo al di là delle proprie forze e avendo anzi accordati i desideri con le loro facoltà, furono a buon diritto meritamente ricchi e fortunati. Tu sei povero per il continuo bisogno di afferrare qualcosa, sei ricco per la sazietà dell’esser pago. Il distintivo della miseria è il desiderio, quello dell’opulenza è la sazietà. Così, Emiliano, se vorrai che io mi ritenga povero, è necessario dimostrarmi prima che sono un avaro. Ma se l’animo mio non manca di nulla, io non mi da pensiero di quanto manchi dei beni esteriori, dei quali l’abbondanza non è un merito, e la penuria non è una colpa.

Apologia (Apuleio)

Brano 21:

Testo originaleApologia (Apuleio):

sed finge haec aliter esse ac me ideo pauperem, quia mihi fortuna diuitias inuidit easque, ut ferme euenit, aut tutor imminuit aut inimicus eripuit aut pater non reliquit: hocine homini opprobrari, pauperiem, quod nulli ex animalibus uitio datur, non aquilae, non tauro, non leoni? equus si uirtutibus suis polleat, ut sit aequabilis uector et cursor pernix, nemo ei penuriam pabuli exprobrat: tu mihi uitio dabis non facti uel dicti alicuius prauitatem, sed quod uiuo gracili lare, quod paucioris habeo, parcius pasco, leuius uestio, minus obsono? atqui ego contra, quantulacumque tibi haec uidentur, multa etiam et nimia arbitror et cupio ad pauciora me coercere, tanto beatior futurus quanto collectior. namque animi ita ut corporis sanitas expedita, imbecillitas laciniosa est, certumque signum est infirmitatis pluribus indigere. prorsus ad uiuendum uelut ad natandum is melior, qui onere liberior; sunt enim similiter etiam in ista uitae humanae tempestate[s] leuia sustentui, grauia demersui. equidem didici ea re praecedere maxime deos hominibus, quod nulla re ad usum sui indigeant, igitur ex nobis cui quam minimis opus sit, eum esse deo similiorem.

Traduzione:

Ma supponi che la cosa stia altrimenti e che io sia povero perché la fortuna mi ha invidiato le ricchezze, ed esse, come di solito avviene, mi ha accorciate un tutore o mi ha strappate un nemico, o non mi ha lasciate mio padre. Per questa ragione dovrai rinfacciare a un uomo quello che non si rimprovera a nessun animale, non all’aquila, né al toro né al leone? Se un cavallo ha tutte le migliori qualità: uguale andatura, corso veloce, nessuno gli rimprovera la scarsezza del nutrimento; e tu mi attribuirai a colpa non la bassezza di qualche parola o azione, ma la modestia della casa, la pochezza dei servi, la troppa parsimonia degli alimenti, la semplicità dei vestiti, la frugalità della tavola? Eppure, comunque ti sembrino misere queste mie condizioni, io stimo al contrario di avere assai, di aver troppo, e vorrei contenermi ancora di più e godere la maggiore felicità nelle maggiori strettezze. Giacché dell’animo come del corpo la sanità non vuole impedimenti; la debolezza è piena di impicci ed è segno infallibile di infermità aver bisogno di tante cose. La vita è come il mare: nuota meglio chi è leggero, ed anche nella tempesta della umana esistenza, il poco peso regge, il troppo affonda. Ho appreso che appunto in questo consiste la superiorità degli dei sugli uomini, nel non aver bisogno di nessuna cosa per la propria esistenza; fra noi, dunque, chi si contenta del minimo, quegli è più vicino agli dei.

Apologia (Apuleio)

Brano 22:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Proinde gratum habui [obiecistis, cum] ad contumeliam diceretis rem familiarem mihi peram et baculum fuisse. quod utinam tantus animi forem, ut praeter eam supellectilem nihil quicquam requirerem, sed eundem ornatum digne gestarem, quem [so]Crates ultro diuitiis abiectis appetiuit. [so]Crates, inquam, si quid credis, Aemiliane, uir domi inter Thebanos proceres diues et nobilis amore huius habitus, quem mihi obiectas, rem familiarem largam et uberem populo donauit, multis seruis a sese remotis solitatem delegit, arbores plurimas et frugiferas prae uno baculo spreuit, uillas ornatissimas una perula mutauit, quam postea comperta utilitate etiam carmine laudauit flexis ad hoc Homericis uersibus, quibus ille Cretam insulam nobilitat. principium dicam, ne me haec ad defensionem putes confinxisse: [???] iam cetera tam mirifica, quae si tu legisses, magis mihi peram quam nuptias Pudentillae inuidisses. peram et baculum tu philosophis, exprobrares igitur et equitibus faleras et peditibus clipeos et signiferis uexilla ac denique triumphantibus quadrigas albas et togam palmatam? non sunt quidem ista Platonicae sectae gestamina, sed Cynicae familiae insignia. uerum tamen hoc Diogeni et Antist[h]eni pera et baculum, quod regibus diadema, quod imperatoribus paludamentum, quod pontificibus galerum, quod lituus auguribus. Diogenes quidem Cynicus cum Alexandro magno de ueritate regni certabundus baculo uice sceptri gloriabatur. ipse denique Hercules inuictus — quoniam haec tibi ut quaedam mendicabula [a]nimis sordent — , ipse inquam Hercules lustrator orbis, purgator ferarum, gentium domitor, is tamen deus, cum terras peragraret, paulo prius quam in caelum ob uirtutes as[s]citus est, neque una pelli uestitior fuit neque uno baculo comitatior.

Traduzione:

Per ciò godevo quando per oltraggiarmi dicevate che tutto il mio patrimonio era la bisaccia e il bastone. Voglia il cielo che io abbia l’animo così alto da non desiderare mai nulla oltre quel corredo e di portare degnamente quell’apparato che Cratete, abbandonate le proprie ricchezze, volle far suo. Codesto Cratete – puoi crederlo, Emiliano – uomo, tra i grandi signori di Tebe, ricco e nobile, per amore di quest’abito che mi rinfacci, donò al popolo il suo ricco ed opulento patrimonio, e congedati i suoi numerosi schiavi, scelse la solitudine: ai moltissimi alberi fruttiferi preferì un solo bastone, le ville piene di ogni ornamento commutò con una sola bisaccia che poi, sperimentatane la utilità, celebrò in un carme, adattando a questo scopo i versi in cui Omero magnifica l’isola di Creta. Ne citerò il principio perché tu non creda siano queste fantasticherie della mia difesa: In mezzo al fosco oceano dell’orgoglio è una città: la mia bisaccia. E il resto è così stupendo che se tu l’avessi letto mi avresti invidiato la bisaccia più che le nozze di Pudentilla. La bisaccia e il bastone tu rimproveri ai filosofi: allora anche ai cavalieri le loro falere e ai fanti gli scudi e ai vessilliferi gli stendardi e ai trionfatori le bianche quadrighe e la toga palmata. Queste di cui parlo non sono le fogge della setta platonica, ma le insegne della cinica famiglia. Dico dunque che per Diogene e Antistene la bisaccia e il bastone furono quello che è il diadema per i re, il manto per i generali, la calotta per i pontefici, il lituo per gli uguri. Diogene cinico, discutendo con Alessandro il Grande sul vero regno, si gloriava del suo bastone invece dello scettro; e lo stesso invincibile Ercole – giacché per te le virtù morali dei filosofi sono miserabili pitoccherie – lo stesso Ercole, dico, percorritore del mondo, sterminatore delle fiere, domatore delle genti, egli che fu pure un dio, nel tempo in cui vagò per le terre, fin quasi al momento in cui le sue virtù lo innalzarono al cielo, non ebbe che una sola pelle per veste e un sol bastone per compagno.

Apologia (Apuleio)

Brano 23:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Quod si haec exempla nihili putas ac me non ad causam agundam, uerum ad censum dis[s]erundum uocasti, ne quid tu rerum mearum nescias, si tamen nescis, profiteor mihi ac fratri meo relictum a patre |HS XX| paulo secus, idque a me longa peregrinatione et diutinis studiis et crebris liberalitatibus modice imminutum. nam et amicorum plerisque opem tuli et magistris plurimis gratiam retuli, quorundam etiam filias dote auxi; neque enim dubitassem equidem uel uniuersum patrimonium impendere, ut acquirerem mihi quod maius est contemptu patrimonii. tu uero, Aemiliane, et id genus homines uti tu es inculti et agrestes, tanti re uera estis quantum habetis, ut arbor infecunda et infelix, quae nullum fructum ex sese gignit, tanti est in pretio, quanti lignum eius in trunco. at tamen parce postea, Aemiliane, paupertatem cuipiam obiectare, qui nuper usque agellum Zarathensem, quem tibi unicum pater tuus reliquerat, solus uno asello ad tempestiuum imbrem triduo exarabas. neque enim diu est, cum te crebrae mortes propinquorum immeritis hereditatibus fulserunt, unde tibi potius quam ob istam teterrimam faciem Charon nomen est.

Traduzione:

Ma se questi esempi non valgono niente per te e se mi hai citato non per trattare la causa ma per inventariare i miei beni, perché tu non abbia a ignorare nulla delle mie cose, – supposto che tu non sappia – dichiaro che a me e a mio fratello mio padre lasciò circa due milioni di sesterzi: e questo patrimonio per i lunghi viaggi, per i miei continui studi e le frequenti liberalità fu alquanto diminuito. A molti amici prestai soccorso, a moltissimi maestri diedi segni della mia riconoscenza e di alcuni anche dotai le figliole: e non avrei affatto esitato a sacrificare anche tutta la mia ricchezza per acquistare un bene che del patrimonio vale assai più. Ma tu, Emiliano, e gli uomini della tua razza, gente incolta e selvaggia, valete soltanto quello che possedete: così come l’albero sterile e infelice, che non produce alcun frutto, vale soltanto il legno del suo tronco. Lascia per l’avvenire, Emiliano, le invettive contro la povertà, tu che ora è poco quel campicello di Zaratha, l’unico che ti aveva lasciato tuo padre, solo con un solo asinello in tre giorni lavoravi verso la stagione delle piogge. Perché solo da poco tempo la morte che infierisce tra i tuoi parenti ti ha rassodato con eredità che non ti spettavano affatto: donde a te, piuttosto che da codesta tua orribile figura, è venuto il nome di Caronte.

Apologia (Apuleio)

Brano 24:

Testo originaleApologia (Apuleio):

De patria mea uero, quod eam sitam Numidiae et Gaetuliae in ipso confinio mei[s] scriptis ostendistis, quibus memet professus sum, cum Lolliano Auito c. u. praesente publice dissererem, Seminumidam et Semigaetulum, non uideo quid mihi sit in ea re pudendum, haud minus quam Cyro maiori, quod genere mixto fuit Semimedus ac Semipersa. non enim ubi prognatus, sed ut moratus quisque sit spectandum, nec qua regione, sed qua ratione uitam uiuere inierit, considerandum est. holitori et cauponi merito est concessum holus et uinum ex nobilitate soli commendare, uinum Thasium, holus Phliasium; quippe illa terrae alumna multum ad meliorem saporem iuuerit et regio fecunda et caelum pluuium et uentus clemens et sol apricus et solum sucidum. enimuero animo hominis extrinsecus in hospitium corporis immigranti quid ex istis addi uel minui ad uirtutem uel malitiam potest? quando non in omnibus gentibus uaria ingenia prouenere, quanquam uideantur quaedam stultitia uel sollertia insigniores? apud socordissimos Scythas Anacharsis sapiens natus est, apud Athenienses catos Meletides fatuus. nec hoc eo dixi, quo me patriae meae paeniteret, etsi adhuc Syfacis oppidum essemus. quo tamen uicto ad Masinissam regem munere populi R. concessimus ac deinceps ueteranorum militum nouo conditu[s] splendidissima colonia sumus, in qua colonia patrem habui loco principis IIuiralem cunctis honoribus perfunctum; cuius ego locum in illa re p., exinde ut participare curiam coepi, nequaquam degener pari, spero, honore et existimatione tueor. cur ergo illa protuli? ut mihi tu, Aemiliane, minus posthac suscenseas, potiusque ut ueniam inpertias, si per neglegentiam forte non elegi illud tuum Atticum Zarat, ut in eo nascerer.

Traduzione:

Quanto alla patria mia, che essa è posta proprio sul confine della Numidia e della Getulia, risulta, come avete mostrato, dai miei discorsi scritti; infatti in una pubblica conferenza, alla presenza del chiarissimo Lolliano Avito, mi dichiarai seminumida e semigetulo; ma io non vedo che cosa ci sia in questo di vergognoso per me come per Ciro il grande, il quale fu di genere misto, semimedo e semipersiano. Non infatti dove uno è nato, ma come è costumato bisogna osservare: e considerare non il luogo di nascita ma il modo di comportarsi nella vita. L’ortolano e il bettoliere a buon diritto vantano gli ortaggi e il vino secondo la nobiltà del suolo da cui provengono: vino di Tasos, legumi di Fliunte: giacché a quei prodotti della terra da un miglior sapore la fertilità della contrada, l’umidità del clima, la mitezza del vento, l’abbondanza di sole, la grassezza del terreno. Ma all’anima umana, che viene a immigrare straniera nell’ospizio del corpo, quale di codeste cose accessorie potrebbe accrescere o diminuire la virtù o il vizio? E varii ingegni non sono sempre apparsi in tutti i paesi, anche in quelli più famosi per ottusità o per intelligenza? Presso gli Sciti, ottusissima gente, nacque il sapiente Anacarsi; in Atene, la città dello spirito, Meletide l’idiota. Non ho detto questo perché io abbia vergogna della mia patria, se pur fossimo ancora dominio di Siface: ma così non fu: ch?edopo la sua sconfitta passammo per favore del popolo Romano alla signoria di Massinissa e poi con nuovo ordinamento divenimmo splendidissima colonia di veterani. In questa colonia mio padre tenne l’alta carica di duumviro, dopo esser passato per tutti i gradi: e la paterna dignità, fin da quando ebbi parte nella vita pubblica, senza mai degenerare, ho sempre mantenuto, spero, con uguale stima ed onore. Perché ho detto queste cose? Perché tu, Emiliano, da ora in poi sia meno sdegnato con me ed anzi mi impartisca il perdono, se mi sono per avventura scordato di scegliere a luogo di nascita quella tua attica Zaratha.

Apologia (Apuleio)

Brano 25:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Nonne uos puditum est haec crimina tali uiro audiente tam adseuerate obiectare, friuola et inter se repugnantia simul promere et utraque tamen reprehendere? at non contraria accusastis? peram et baculum ob auctoritatem, carmina et speculum ob hilaritatem, unum seruum ut deparci, tris libertos ut profusi, praeterea eloquentiam Graecam, patriam barbaram? quin igitur tandem expergiscimini ac uos cogitatis apud Claudium Maximum dicere, apud uirum seuerum et totius prouinciae negotiis occupatum? quin, inquam, uana haec conuicia aufertis? quin ostenditis quod insimulauistis, scelera immania et inconcessa maleficia et artis nefandas? cur uestra oratio rebus flaccet, strepitu uiget? Aggredior enim iam ad ipsum crimen magiae, quod ingenti tumultu ad inuidiam mei accensum frustrata expectatione omnium per nescio quas anilis fabulas defraglauit. ecquandone uidisti, Maxime, flammam stipula exortam claro crepitu, largo fulgore, cito incremento, sed enim materia leui, caduco incendio, nullis reliquiis? em tibi illa accusatio iurgiis inita, uerbis aucta, argumentis defecta, nullis post sententiam tuam reliquiis calumniae permansura. quae quidem omnis Aemiliano fuit in isto uno destinata, me magum esse, et ideo mihi libet quaerere ab eruditissimis eius aduocatis, quid sit magus. Nam si, quod ego apud plurimos lego, Persarum lingua magus est qui nostra sacerdos, quod tandem est crimen, sacerdotem esse et rite nosse atque scire atque callere leges cerimoniarum, fas sacrorum, ius religionum, si quidem magia id est quod Plato interpretatur, cum commemorat, quibusnam disciplinis puerum regno adulescentem Persae imbuant — uerba ipsa diuini uiri memini, quae tu mecum, Maxime, recognosce:[??..].

Traduzione:

Come mai non vi vergognate di produrre seriamente dinanzi a tale magistrato tali capi di accusa frivoli e contraddittori, colpendoli ugualmente di biasimo? E non vi siete forse contraddetti incolpando la bisaccia e il bastone di austerità, le poesiole e lo specchio di scostumatezza, e trovando in un solo servo lo spilorcio, in tre liberti lo scialacquatore e l’eloquenza greca in un barbaro? Svegliatevi una buona volta e ricordate di parlare dinanzi a un magistrato severo che deve accudire agli affari di tutta la provincia; tralasciate, dico, queste ingiurie vane e dimostrate le colpe di cui mi avete accusato, i feroci delitti, i vietati malefici, le nefande macchinazioni. Perché nelle prove tanta mollezza e negli schiamazzi tanta energia? Eccomi arrivato all’accusa di magia, a quell’incendio che acceso con grande baccano, per mia rovina, contro la comune aspettazione è svanito fra non so quali storielle da vecchie comari. Non vedesti tu mai, Massimo, uno di quei fuochi di stoppia che scoppiettando sonoro divampa immenso a un tratto e poi cade, che è paglia, senza lasciare più nulla? Eccoti quell’accusa: cominciata con le ingiurie, nutrita di chiacchiere, difettosa di prove, dopo la tua sentenza non lascerò più veruna traccia della calunnia. Poiché per Emiliano tutta l’accusa fu compresa in questa sola imputazione, che io sono un mago, voglio chiedere ai suoi eruditissimi avvocati, che cosa sia il mago. Siccome io leggo in numerosi autori, mago è nella lingua dei Persiani quello che è da noi il sacerdote; e allora qual delitto è dopo tutto essere sacerdote, avere la conoscenza, la scienza, la pratica delle ordinanze rituali, dei precetti della religione, delle regole del culto? Questa è almeno la definizione che Platone da della magia quando ricorda con quali discipline i Persiani educhino al regno il giovane principe. Ho nella memoria le parole di quell’uomo divino: e tu, Massimo, ricorda con me: “All’età di quattordici anni lo ricevono quelli chiamati regi pedagoghi. Sono scelti tra i Persiani i quattro ritenuti migliori, di età matura: il più saggio, il più giusto, il più temperante, il più coraggioso. Dei quali uno insegna la magia di Zoroastro figlio di Oromazo: e questo è il culto degli dei. Insegna anche l’arte del regnare?.

Apologia (Apuleio)

Brano 26:

Testo originaleApologia (Apuleio):

auditisne magiam, qui eam temere accusatis, artem esse dis immortalibus acceptam, colendi eos ac uenerandi pergnaram, piam scilicet et diuini scientem, iam inde a Zoroastre et Oromaze auctoribus suis nobilem, caelitum antistitam, quippe qui inter prima regalia docetur nec ulli temere inter Persas concessum est magum esse, haud magis quam regnare. idem Plato in alia sermocinatione de Zalmoxi quodam Thraci generis, sed eiusdem artis uiro ita scriptum reliquit: [?..]. quod si ita est, cur mihi nosse non liceat uel Zalmoxi bona uerba uel Zoroastri sacerdotia? sin uero more uulgari eum isti proprie magum existimant, qui communione loquendi cum deis immortalibus ad omnia quae uelit incredibili[a] quadam ui cantaminum polleat, oppido miror, cur accusare non timuerint quem posse tantum fatentur. neque enim tam occulta et diuina potentia caueri potest itidem ut cetera. sicarium qui in iudicium uocat, comitatus uenit; qui uenenarium accusat, scrupulosius cibatur; qui furem arguit, sua custodit. enimuero qui magum qualem isti dicunt in discrimen capitis deducit, quibus comitibus, quibus scrupulis, quibus custodibus perniciem caecam et ineuitabilem prohibeat? nullis scilicet; et ideo id genus crimen non est eius accusare, qui credit.

Traduzione:

Avete ascoltato, dunque. La magia, che voi sconsigliatamente accusate, è arte gradita agli dei immortali, che gli dei sa bene onorare e venerare, pietosa voglio dire ed esperta delle cose divine, già fin da Zoroastro e da Oromazo, suoi fondatori, sacerdotessa dei celesti; essa fa parte dei primi insegnamenti del principe, e fra i Persiani non è più lecito a chiunque esser mago che essere re. In un altro dialogo Platone, a proposito di Zalmoxis, uno che pur essendo trace di nazione, praticava la medesima arte, lasciò scritto così: “gl’incantamenti essere buone parole”. Se è così, perché non mi è lecito conoscere le buone parole di Zalmoxis o la scienza sacerdotale di Zoroastro? Ma se, com’è volgare costume, i miei avversari credono che mago è propriamente colui che mediante la sua comunicazione con gli dei immortali, con la forza di certi incantesimi può compiere tutto ciò che voglia di incredibile, mi stupisco in verità che essi non abbiano temuto di accusare uno cui riconoscono tanto potere. Giacché da una potenza tanto occulta e soprannaturale non ci si potrebbe guardare come da altri pericoli. Chi chiama in giudizio un assassino, viene accompagnato; chi accusa un avvelenatore, sta più attento a quel che mangia; chi denuncia un ladro, custodisce bene le sue cose; ma chi accusa di un delitto capitale un mago, come costoro l’intendono, con quali compagni, con quali scrupoli, con quali custodi può rimuovere da se la invisibile e inevitabile rovina? Per siffatti delitti, chi accusa non crede.

Apologia (Apuleio)

Brano 27:

Testo originaleApologia (Apuleio):

uerum haec ferme communi quodam errore imperitorum philosophis obiectantur, ut partim eorum qui corporum causas meras et simplicis rimantur irreligiosos putent eoque aiant deos abnuere, ut Anaxagoram et Leucippum et Democritum et Epicurum ceterosque rerum naturae patronos, partim autem, qui prouidentiam mundi curiosius uestigant et impensius deos celebrant, eos uero uulgo magos nominent, quasi facere etiam sciant quae sciant fieri, ut olim fuere Epimenides et Orpheus et Pythagoras et Ostanes, ac dein similiter suspectata Empedocli catharmoe, Socrati daemonion, Platonis. gratulor igitur mihi, cum et ego tot ac tantis uiris adnumeror. Ceterum ea quae ab illis ad ostendendum crimen obiecta sunt uana et inepta simpliciter uereor, ne ideo tantum crimina putes, quod obiecta sunt. ‘cur’ inquit ‘piscium quaedam genera quaesisti?’ quasi id cognitionis gratia philosopho facere non liceat, quod luxurioso gulae causa liceret. ‘cur mulier libera tibi nupsit post annos XIII uiduitatis?’ quasi non magis mirandum sit quod tot annis non nubserit. ‘cur prius, quam tibi nuberet, scripsit nescio quid in epistula quod sibi uidebatur?’ quasi quisquam debeat causas alienae sententiae reddere. ‘at enim maior natu non est iuuenem aspernata.’ igitur hoc ipsum argumentum est nihil opus magia fuisse, ut nubere uellet mulier uiro, uidua caelibi, maior iuniori. iam et illa similia: ‘habet quiddam Apuleius domi quod sancte colit’: quasi non id potius crimen sit, quod colas non habere. ‘cecidit praesente Apuleio puer.’ quid enim, si iuuenis, quid, si etiam senex adsistente me corruisset uel morbo corporis impeditus uel lubrico soli prolapsus? hiscine argumentis magian probatis, casu pueruli et matrimonio mulieris et obsonio piscium?

Traduzione:

Per un comune errore di ignoranza sono attaccati solitamente i filosofi. Gli uni che cercano di penetrare le cause elementari e i principi costitutivi dei corpi, sono tenuti per irreligiosi e negatori degli dei, come Anassagora, Leucippo, Democrito ed Epicuro e tutti quanti sono sostenitori dell’ordine naturale del mondo; gli altri che solleciti scrutano la provvidenza ordinatrice dell’universo e onorano devotamente gli dei, questi sono chiamati volgarmente maghi, quasi fossero altresì gli autori dei fatti che essi conoscono. Tali furono Epimenide e Orfeo e Pitagora e Ostane; e in sospetto di magia vennero dopo anche le Purificazioni di Empedocle, il Demone di Socrate, il Bene di Platone. Mi congratulo con me stesso di essere anch’io annoverato fra tanti e tali personaggi. Tutte le altre inezie e assurdità che costoro han tratto fuori per dimostrare la mia colpevolezza ingenuamente temerei che tu possa ritenerle criminose per il solo fatto che mi sono state imputate. “Perché, dice, tu hai fatto ricerca di certe specie di pesci?” Come se a un filosofo non sia lecito fare per motivo di studio quello che un gaudente si permetterebbe per il piacere della gola. “Perché una donna libera ti ha sposato dopo quattordici anni di vedovanza?” Quasi non fosse più mirabile cosa l’essere rimasta tanti anni senza marito. “Perché prima di sposarti mise per iscritto in una lettera non so quale suo personale apprezzamento?” Quasi uno debba dare ragione dei sentimenti altrui. ?Una donna avanti negli anni non ha rifiutato un giovane?: questo per l’appunto prova che non c’è stato bisogno di magia, per decidere una donna a sposare un uomo, una vedova un celibe, un’anziana un giovane. E così anche il resto. “Apuleio ha in casa un oggetto che adora religiosamente”: come se non sia piuttosto una colpa non aver nulla da adorare. “Un ragazzo è caduto in presenza di Apuleio”: e che ci sarebbe di strano se un giovane, se anche un vecchio fosse caduto dinanzi a me o colpito da malore o sdrucciolato su un terreno scivoloso? Ah, dunque con questi argomenti intendete convincermi di magia, con la caduta di un fanciullo, col matrimonio di una donna e con un piatto di pesci?

Apologia (Apuleio)

Brano 28:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Possem equidem bono periculo uel his dictis contentus perorare: quoniam mihi pro accusationis longitudine largiter aquae superest, cedo, si uidetur, singula consideremus. atque ego omnia obiecta, seu uera seu falsa sunt, non negabo, sed perinde atque si facta sint fatebor, ut omnis ista multitudo, quae plurima undique ad audiendum conuenit, aperte intellegat nihil in philosophos non modo uere dici, sed ne falso quidem posse confingi, quod non ex innocentiae fiducia, quamuis liceat negare, tamen potius habeant defendere. primum igitur argumenta eorum conuincam ac refutabo nihil ea ad magian pertinere; dein etsi maxime magus forem, tamen ostendam neque causam ullam neque occasionem fuisse, ut me in aliquo maleficio experirentur. ibi etiam de falsa inuidia deque epistulis mulieris perperam lectis et nequius interpretatis deque matrimonio meo ac Pudentillae disputabo, idque a me susceptum officii gratia quam lucri causa docebo. quod quidem matrimonium nostrum Aemiliano huic immane quanto angori quantaeque diuidiae fuit; inde omnis huiusce accusationis obeundae ira et rabies et denique insania exorta est. quae si omnia palam et dilucide ostendero, tunc denique te, Claudi Maxime, et omnis qui adsunt contestabor puerum illum Sicinium Pudentem priuignum meum, cuius obtentu et uoluntate a patruo eius accusor, nuperrime curae meae ereptum, postquam frater eius Pontianus et natu maior et moribus melior diem suum obiit, atque ita in me ac matrem suam nefarie efferatum, non mea culpa, desertis liberalibus studiis ac repudiata omni disciplina, scelestis accusationis huius rudimentis patruo Aemiliano potius quam fratri Pontiano similem futurum.

Traduzione:

Potrei con piena sicurezza contentarmi di ciò che ho detto e concludere. Ma, perché in grazia della lunga accusa, mi resta molto tempo ancora, consideriamo, se non dispiace, i singoli capi di accusa. Tutti i fatti che mi sono imputati, falsi o veri che siano, io non negherò: li confesserò come fossero avvenuti, affinché tutta codesta gente che è qui accorsa da ogni parte ad ascoltare, intenda apertamente che contro i filosofi non c’è accusa vera o calunniosa che essi, quantunque sia loro lecito negare, non possano respingere come più loro piace, sicuri della propria innocenza. Comincerò dunque col confutare i loro argomenti provando che non hanno alcun rapporto con la magia; fossi anche il più gran mago del mondo, dimostrerò che essi non ebbero mai né motivo né occasione di sorprendermi in qualche opera malefica, Tratterò della campagna di calunnie scatenata contro di me, delle lettere di mia moglie malamente lette e perfidamente interpretate, e dei mio matrimonio con Pudentilla, accettato da me per dovere e non per interesse: matrimonio che non è a dirsi quanto sia stato a Emiliano angoscioso e tormentoso. Di là è nata tutta l’ira, la rabbia, la follia, che hanno mosso questo processo. Quando io ti avrò apertamente e chiaramente dimostrato tutti questi punti, allora, Claudio Massimo e tutti voi qui presenti, vi prenderò a testimoni che questo ragazzo Sicinio Pudente, mio figliastro, a cui nome e per cui volere dallo zio suo sono accusato, è stato ora strappato alla mia cura, dopo la morte di Ponziano, suo fratello maggiore di età e migliore di costui; e, reso empiamente selvaggio contro di me e la madre sua, disertati senza mia colpa gli studi liberali, ripudiata ogni disciplina, merci gli scellerati ammaestramenti di questo processo, sarà destinato a rassomigliare allo zio Emiliano piuttosto che al fratello Ponziano.

Apologia (Apuleio)

Brano 29:

Testo originaleApologia (Apuleio):

Nunc, ut institui, proficiscar ad omnia Aemiliani huiusce deliramenta orsus ab eo, quod ad suspicionem magiae quasi ualidissimum in principio dici animaduertisti, nonnulla me piscium genera per quosdam piscatores pretio quaesisse. utrum igitur horum ad suspectandam magian ualet? quodne piscatores mihi piscem quaesierunt? (scilicet ergo phrygionibus aut fabris negotium istud dandum fuisse atque ita opera cuiusque artis permutanda, si uellem calumniis uestris uitare, ut faber mihi piscem euerreret, ut piscator mutuo lignum dedolaret.) an ex eo intellexistis maleficio quaeri pisciculos, quod pretio quaerebantur? (credo, si conuiuio uellem, gratis quaesissem.) quin igitur etiam ex aliis plerisque me arguitis? nam saepe numero et uinum et holus et pomum et panem pretio mutaui. eo pacto cuppedinariis omnibus famem decernis; quis enim ab illis obsonare audebit, si quidem statuitur omnia edulia quae depenso para[n]tur non cenae, sed magiae desiderari? quod si nihil remanet suspicionis, neque in piscatoribus mercede inuitatis ad quod solent, ad piscem capiundum, (quos tamen nullos ad testimonium produxere, quippe qui nulli fuerunt), neque in ipso pretio rei uenalis (cuius tamen quantitatem nullam taxauere, ne, si mediocre pretium dixissent, contemneretur, si plurimum, non crederetur) — si in his, ut dico, nulla suspicio est: respondeat mihi Aemilianus, quo proximo signo ad accusationem magiae sit inductus.

Traduzione:

Ed ora, conforme al mio piano, passerà a tutte le frenesie di questo Emiliano qui, cominciando da quella che hai sentito addotta in principio come argomento capitale per il sospetto di magia: che cioè io abbia pagato dei pescatori per procurarmi certe specie di pesci. Quale dei due fatti è valido per il sospetto di magia: il fatto che dei pescatori abbiano cercato del pesce per me? Vuol dire che avrei dovuto dare questo incarico a dei ricamatori o a dei carpentieri e invertire così le prestazioni di ciascun mestiere per evitare le vostre calunnie, di guisa che un falegname mi pescasse dei pesci e un pescatore mi piallasse il legname. Oppure intendete che quei pesci eran destinati a un maleficio per il fatto che l’ho pagati? Già: ritengo che se li avessi richiesti per un banchetto, me li avrebbero dati per nulla. Perché non mi accusate anche di tanti altri acquisti? Tante volte ho speso il mio denaro per comprare vino, legumi, frutta. Ma tu così condanni alla fame tutti i rivenditori di generi alimentari, perché nessuno oserà provvedersi da loro, se si stabilisce che tutti i commestibili acquistati a un dato prezzo servono non al pranzo ma alla magia. Se non sussiste dunque alcun sospetto, sia nei pescatori invitati al loro mestiere, cioè a prendere i pesci – dei quali tuttavia nessun testimone citarono, perché nessuno esisteva – sia nel prezzo della merce – la cui somma tuttavia non specificarono affatto perché il prezzo non apparisse se troppo basso una miseria, se troppo alto una menzogna – se in tutto questo, dico, non è alcun sospetto, mi dica Emiliano per quale probante indizio sia stato indotto ad accusarmi di magia.

Apologia (Apuleio)

Brano 30:

Testo originaleApologia (Apuleio):

‘Pisces’ inquit ‘quaeris’. nolo negare. sed, oro te, qui pisces quaerit, magus est? equidem non magis arbitror quam si lepores quaererem uel apros uel altilia. an soli pisces habent aliquit occultum aliis, sed magis cognitum? hoc si scis quid sit, magus es profecto; sin nescis, confitearis necesse est id te accusare quod nescis. tam rudis uos esse omnium litterarum, omnium denique uulgi fabularum, ut ne fingere quidem possitis ista uerisimiliter? quid enim competit ad amoris ardorem accendendum piscis brutus et frigidus aut omnino res pelago quaesita? nisi forte hoc uos ad mendacium induxit, quod Venus dicitur pelago exorta. audi sis, Tannoni Pudens, quam multa nescieris, qui de piscibus argumentum magiae recepisti. at si Virgilium legisses, profecto scisses alia quaeri ad hanc rem solere; ille enim, quantum scio, enumerat uittas mollis et uerbenas pinguis et tura mascula et licia discolora, praeterea laurum fragilem, limum durabilem, ceram liquabilem, nec minus quae iam in opere serio scripsit: falcibus et messae ad lunam quaeruntur aenis pubentes herbae nigri cum lacte ueneni. quaeritur et nascentis equi de fronte reuulsus et matri praereptus amor. at tu piscium insimulator longe diuersa instrumenta magis attribuis, non frontibus teneris detergenda, sed dorsis squalentibus excidenda, nec fundo reuellenda, sed profundo extrahenda, nec falcibus metenda, sed hamis inuncanda. postremo in maleficio ille uenenum nominat, tu pulmentum, ille herbas et surculos, tu squamas et ossa, ille pratum decerpit, tu fluctum scrutaris. memorassem tibi etiam Theocriti paria et alia Homeri et Orphei plurima, et ex comoediis et tragoediis Graecis et ex historiis multa repetissem, ni te dudum animaduertissem Graecam Pudentillae epistulam legere nequiuisse. igitur unum etiam poetam Latinum attingam, uersus ipsos, quos agnoscent qui Laeuium legere: philtra omnia undique eruunt: antipathes illud quaeritur, trochiscili, ung[u]es, taeniae, radiculae, herbae, surculi, saurae inlices bicodulae, hinnientium dulcedines.

Traduzione:

“Tu cerchi”, dice, “dei pesci”. Non voglio negarlo. Ma, di grazia, chi cerca un pesce è un mago? Non più, credo, che se cercasse lepri o cinghiali o pollame. Oppure i soli pesci hanno qualcosa di occulto agli altri e noto soltanto ai maghi? Se tu sai che cosa sia, sei certamente mago; se non lo sai, devi confessare che mi accusi di ciò che non sai. Ma come essere così ignoranti di ogni opera letteraria e perfino di ogni favoletta popolare, da non poter mettere insieme delle fandonie verosimili? Come mai può servire ad accendere fiamma di amore un freddo pesce o qualunque altra sostanza tratta dal mare? A meno che non vi abbia indotto a mentire la leggenda di Venere nata dai flutti marini. Stai a sentire, Tannonio Pudente, che grande ignorantone sei tu che hai raccolto una prova di magia a proposito dei pesci. Se tu avessi letto Virgilio per certo avresti appreso che a fare stregoneria occorrono altre cose. Egli infatti, per quanto io so, enumera bende delicate, grasse verbene, maschio incenso, fili di diverso colore e inoltre l’alloro crepitante, l’argilla che indurisce, la cera che si fonde: senza contare ciò che egli menziona nell’opera grande: Con falci di bronzo si raccolgono al lume di luna le erbe mature stillanti un succo di nero veleno: si cerca dalla fronte di un puledro neonato l’ippomane strappato alla madre. Ma tu, l’accusatore di pesci, attribuisci ai maghi ben altri strumenti che bisognerà non detergere dalle tenere fronti ma staccare dai dorsi squamosi, né divellere dal campo ma estrarre dal fondo del mare, né mietere con le falci ma uncinare con gli ami. Infine, Virgilio, in quella magica fattura, nomina il veleno, tu una pietanza, egli erbe e ramicelli, tu squame e lische, egli spoglia il prato, tu frughi il mare. Potrei citare anche passi analoghi di Teocrito, altri di Omero, altri numerosissimi di Orfeo: e molti tratti dalle commedie e dalle tragedie greche e dalle storie, se non avessi notato che non hai saputo leggere una lettera di Pudentilla in lingua greca. Citerò un solo poeta latino, i cui versi riconosceranno i lettori di Levio: Estraggono da per tutto filtri, cercano l’antipate, rotelle, unghie, bende, radichette, erbe, sorcoli, lucertole adescatrici a due code, dolcezze di annitrenti cavalle.

Apologia (Apuleio)

Brano 31:

Testo originaleApologia (Apuleio):

haec et alia quaesisse me potius quam pisces longe uerisimilius confinxisses (his etenim fortasse per famam peruulgatam fides fuisset), si tibi ulla eruditio adfuisset; enimuero piscis ad quam rem facit captus nisi ad epulas coctus? ceterum ad magian nihil quicquam uidetur mihi adiutare. dicam unde id coniectem. Pythagoram plerique Zoroastri sectatorem similiterque magiae peritum arbitrati tamen memoriae prodiderunt, cum animaduertisset proxime Metapontum in litore Italiae suae, quam subsiciuam Graeciam fecerat, a quibusdam piscatoribus euerriculum trahi, fortunam iactus eius emisse et pretio dato iussisse ilico piscis eos, qui capti tenebantur, solui retibus et reddi profundo; quos scilicet eum de manibus amissurum non fuisse[t], si quid[em] in his utile ad magian comperisset. sed enim uir egregie doctus et ueterum aemulator meminerat Homerum, poetam multiscium uel potius cunctarum rerum adprime peritum, uim omnem medicaminum non mari, sed terrae [a]scripsisse[t], cum de quadam saga ad hunc modum memorauit: [??] itemque alibi carminum similiter: [??.] cum tamen numquam apud eum marino aliquo et piscolento medicauit nec Prot[h]eus faciem nec Vlixes scrobem nec Aeolus follem nec Helena creterram nec Circe poculum nec Venus cingulum. at uos soli reperti estis ex omni memoria, qui uim [h]erbarum et radicum et surculorum et lapillorum quasi quadam colluuione naturae de summis montibus in mare transferatis et penitus piscium uentribus insuatis. igitur ut solebat ad magorum cerimonias aduocari Mercurius carminum uector et illex animi Venus et Luna noctium conscia et manium potens Triuia, uobis auctoribus posthac Neptunus cum Salacia et Portuno et omni choro Nerei ab aestibus fretorum ad aestus amorum transferentur.

Traduzione:

Ecco press’a poco le cose che invece dei pesci con più verosimiglianza e con qualche credito, sulla base di correnti dicerie, avresti potuto immaginare se tu avessi la minima erudizione. Un pesce invece a che può servire, quando si è preso, se non che a mangiarlo, quando si è cotto? Rispetto alla magia mi pare non possa per niente giovare. Ti dirò perché penso così. Molti hanno ritenuto Pitagora discepolo di Zoroastro ed esperto, come lui, di magia: eppure si narra che presso Metaponto, sul litorale della sua Italia, divenuta per lui una seconda Grecia, avendo egli visto dei pescatori che traevano la rete, comprò tutta la retata e sborsato il denaro ordinò che i pesci là dentro prigionieri fossero liberati e restituiti al fondo del mare. Egli, di certo, non se li sarebbe lasciati sfuggire di mano se ci avesse trovato una qualche utilità in fatto di magia. Era un uomo, Pitagora, di eccezionale erudizione, che aveva a modello gli antichi e ricordava che Omero poeta multisciente, anzi di un sapere assolutamente universale, aveva attribuito ogni magico potere non al mare, ma alla terra, quando di una certa maga egli dice: essa tanti farmaci conobbe quanti ne produce l’ampia terra, e in un altro poema dice ugualmente: là dove la terra feconda produce insieme in gran copia erbe velenose e salutari. E invece mai in Omero con alcunché di mare o di pesci incantò Proteo la propria figura o Ulisse la sua fossa o Eolo i suoi otri o Elena la sua coppa o Circe i suoi beveraggi o Venere la sua cintura. Voi soli, da che mondo e mondo, siete stati trovati capaci di trasferire la virtù magica delle erbe, delle radici, dei sorcoli e delle pietre, per una specie di rovesciamento della natura, dalle sommità delle montagne nel mare e di cucirla in fondo alle interiora dei pesci. Pertanto come nelle cerimonie magiche si solevano invocare Mercurio apportatore di incantesimi e Venere ammaliatrice dei cuori e la Luna complice delle notti e Trivia regina dei Mani, per merito vostro ormai Nettuno con Salacia e Portuno e tutto il coro di Nereo trapasseranno dal fervore dei flutti al fervore delle passioni amorose.

Apologia (Apuleio)

Brano 32Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Dixi, cur non arbitrer quicquam negotii esse magis et piscibus. nunc, si uidetur, credamus Aemiliano solere pisces etiam ad magicas potestates adiutare. num ergo propterea quicumque quaerit et ipse magus est? eo quidem pacto et qui myoparonem quaesierit pirata erit et qui uectem perfossor et qui gladium sicarius. nihil in rebus omnibus tam innoxium dices, quin id possit aliquid aliqua obesse, nec tam laetum, quin possit ad tristitudinem intellegi. nec tamen omnia idcirco ad nequiorem suspicionem trahuntur, ut si tus et casiam et myrram ceterosque id genus odores funeri tantum emptos arbitreris, cum et medicamento parentur et sacrificio. ceterum eodem piscium argumento etiam Menelai socios putabis magos fuisse, quos ait poeta praecipuus flexis hamulis apud Pharum insulam famem propulsasse; etiam mergos et delfinos et scillam tu eodem referes, etiam gulones omnes, qui inpendio a piscatoribus mercantur, etiam ipsos piscatores, qui omnium generum piscis arte adquirunt. ‘cur ergo tu quaeris?’ nolo equidem nec necessarium habeo tibi dicere, sed per te, si potes, ad hoc quaesisse me argue; ut si elleborum uel cicutam uel sucum papaueris emissem, item alia eiusdem modi quorum moderatus usus salutaris, sed commixtio uel quantitas noxia est, quis aequo animo pateretur, si me per haec ueneficii arcesseres, quod ex illis potest homo occidi?

Traduzione:

Ho detto perché non credo ci sia alcun rapporto tra i maghi e i pesci. E ora, se volete, crediamo pure ad Emiliano, che i pesci servono anche alle operazioni magiche. Ma per questo chi ne fa ricerca è un mago? E allora chi fa ricerca di un brigantino è un pirata, chi cerca una leva è uno scassinatore, chi una spada, un assassino. Nulla è in ogni cosa tanto innocente che non possa ispirare una sinistra interpretazione. Ma pure non si ha l’abitudine di trarre ogni cosa al suo peggiore significato; come credere per esempio che incenso, cassia, mirra, debbano servire soltanto ai funerali, mentre si acquistano anche per medicamenti o per sacrifici? Restando all’argomento dei pesci, crederai maghi anche i compagni di Menelao che, a quanto afferma il poeta sovrano, presso l’isola di Faros si servirono di ami ricurvi per cacciare la fame, anche gli smerghi, i delfini, la squilla porrai nella stessa categoria, anche tutti i ghiottoni, che a furia di spese si fanno affogare dai pescatori, e i pescatori stessi, la cui arte consiste nel pigliare ogni specie di pesce. “Ma si può sapere, dici tu, perché ne hai fatto ricerca?” Non ho desiderio né bisogno di dirtelo; tu, se ne sei capace, accusami pure di averne acquistato per magia. Se io per esempio avessi comperato elleboro o cicuta o succo di papavero o altre simili sostanze, di cui l’uso moderato è benefico, ma nocivo il miscuglio e l’eccesso, chi sopporterebbe in pace che tu mi accusassi di veneficio per la sola ragione che con quelle sostanze si può uccidere un uomo?

Apologia (Apuleio)

Brano 33Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Videamus tamen, quae fuerint piscium genera tam necessaria ad habendum tamque rara ad repperiendum, ut merito statuto praemio quaererentur. tria omnino nominauerunt, unum falsi, duo mentiti; falsi, quod leporem marinum fuisse dixerunt qui alius omnino piscis fuit, quem mihi Themis[c]on seruus noster medicinae non ignarus, ut ex ipso audisti, ultro attulit ad inspiciundum; nam quidem leporem nondum etiam inuenit. sed profiteor me quaerere et cetera, non piscatoribus modo, uerum etiam amicis meis negotio dato, quicumque minus cogniti generis piscis inciderit, ut eius mihi aut formam commemorent aut ipsum uiuum, si id nequierint, uel mortuum ostendant. quam ob rem id faciam, mox docebo. mentiti autem sunt callidissimi accusatores mei, ut sibi uidentur, cum me ad finem calumniae confinxerunt duas res marinas impudicis uocabulis quaesisse, quas Tannonius ille cum utriusque sexus genitalia intellegi uellet, sed eloqui propter infantiam causidicus summus nequiret, multum ac diu haesitato tandem uirile marinum nescio qua circumlocutione male ac sordide nominauit, sed enim feminal nullo pacto repperiens munditer dicere ad mea scripta confugit et quodam libro meo legit: ‘interfeminium tegat et femoris obiectu et palmae uelamento.’

Traduzione:

Vediamo quali specie di pesci furono così indispensabili e così rare a trovare da dover essere ricercate a prezzo stabilito. Essi in tutto ne hanno nominato tre: in uno hanno sbagliato, in due hanno mentito. Si sono sbagliati quando hanno dato il nome di lepre marino a tutt’altro pesce, che il mio servo Temisone, non ignaro di medicina, mi portò spontaneamente a esaminare, come hai udito da lui stesso: perché lepri di mare finora non ne ha trovati. Dichiaro che le mie ricerche vanno più in là: e non solo ai pescatori, ma anche agli amici do incarico, ogni qual volta capiti loro sotto gli occhi un pesce di specie poco conosciuta, che me lo descrivano, oppure me lo facciano vedere vivo o, se non è possibile, morto. Dirò fra poco per quale ragione. Codesti miei accusatori, pieni come si credono di furberia, mentirono quando a compimento della calunnia immaginarono che io avessi ricercato due frutti di mare dai nomi osceni: e Tannonio voleva far intendere che fossero le parti genitali dei due sessi; ma non potendo per incapacità di parola esprimersi, quel sommo avvocato, dopo molta e lunga incertezza, finalmente, con non so quale perifrasi, riuscì a nominare, con disgustosa improprietà, i genitali maschili di un pesce; ma non potendo assolutamente trovare un termine pulito per l’organo femminile, ricorse ai miei scritti e lesse in un mio libro: “l’interfeminio nasconda con la sporgenza delle cosce e col velame della palma”.

Apologia (Apuleio)

Brano 34Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Hic etiam pro sua grauitate uitio mihi uortebat, quod me nec sordidiora dicere honeste pigeret. at ego illi contra iustius exprobrarim, quod qui eloquentiae patrocinium uulgo profiteatur etiam honesta dictu sordide blateret ac saepe in rebus nequaquam difficilibus fringultiat uel omnino commutescat. cedo enim, si ego de Veneris statua nihil dixissem neque interfeminium nominassem, quibus tandem uerbis accusasses crimen illud tam stultitiae quam linguae tuae congruens? an quicquam stultius quam ex nominum propinquitate uim similem rerum coniectam? et fortasse an peracute repperisse uobis uidebamini, ut quaesisse me fingeretis ad illecebras magicas duo haec marina, ueretillam et uirginal; disce enim nomina rerum Latina, quae propterea uarie nominaui, ut denuo instructus accuses. memento tamen tam ridiculum argumentum fore desiderata ad res uenerias marina obscena, quam si dicas marinum pectinem comendo capillo quaesitum uel aucupandis uolantibus piscem accipitrem aut uenandis apris piscem apriculam aut eliciendis mortuis marina caluaria. respondeo igitur ad hunc uestrum locum non minus insulse quam absurde commentum, me hasce nugas marinas et quiscilias litoralis neque pretio neque gratis quaesisse.

Traduzione:

Quest’uomo, anche in nome della sua moralità, mi rimproverava che non mi increscesse dire onestamente cose alquanto impudiche; io piuttosto dovrei più onestamente rinfacciargli che, mentre fa pubblica professione di patrocinio oratorio, anche delle cose oneste a dirsi ciancia trivialmente, e dove non c’è difficoltà alcuna si mette a chioccolare o ammutolisce. Ti faccio una domanda: se io non avessi detto nulla della statua di Venere né avessi nominato l’interfeminio, con quali parole avresti mosso quell’accusa che è in perfetta armonia tanto con la tua sciocchezza quanto con la tua lingua? E si potrebbe fare congettura più sciocca di questa, che cose affini di nome abbiano tra loro una reale parentela? Eppure probabilmente voi credete di avere scoperto un modo ingegnosissimo, immaginando che io avessi cercato per i miei magici incantesimi quei due frutti marini, la veretilla e il virginal: impara a nominare le cose in latino: per questo ho variato i termini, perché tu meglio istruito rinnovi l’accusa. Sappi tuttavia che accusare un uomo di aver cercato oscenità marine per i suoi piaceri venerei sarebbe argomento tanto ridicolo come se tu dicessi che un pettine di mare è richiesto per ravviare i capelli, un pesce falco per acchiappare gli uccelli, un pesce cignalino per cacciare i cinghiali o i teschi marini per evocare i morti. A tali vostre invenzioni cos? insipide e assurde rispondo che queste robucce e chiappole di mare e di spiaggia io non ho mai cercato né a prezzo né in dono.

Apologia (Apuleio)

Brano 35Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Illud etiam praeterea respondeo, nescisse uos, quid a me quaesitum fingeretis. haec enim friuola quae nominastis pleraque in litoribus omnibus congestim et aceruatim iacent et sine ullius opera quamlibet leuiter motis flucticulis ultro foras euoluuntur. quin ergo dicitis me eadem opera pretio impenso per plurim[is]os piscatoris quaesisse de litore conchulam striatam testam habentem, calculum teretem, praeterea cancrorum furcas, echin[or]um caliculos, lolliginum ligulas, postremo assulas, festucas, resticulas et ostracoderma Pergami uermiculata, denique muscum et algam, cetera maris eiectamenta, quae ubique litorum uentis expelluntur, salo expuuntur, tempestate reciprocantur, tranquillo deseruntur? neque enim minus istis quae commemoraui accommodari possunt similiter ex uocabulo suspiciones. posse dicitis ad res uenerias sumpta de mari spuria et fascina propter nominum similitudinem: qui minus possit ex eodem litore calculus ad uesicam, testa ad testamentum, cancer ad ulcera, alga ad quercerum? ne tu, Claudi Maxime, nimis patiens uir es et oppido proxima humanitate, qui hasce eorum argumentationes diu hercle perpessus sis; equidem, cum haec ab illis quasi grauia et uincibilia dicerentur, illorum stultitiam ridebam, tuam patientiam mirabar.

Traduzione:

E dico anche questo, che voi non sapete che cosa inventare quale oggetto delle mie ricerche. Queste scioccherie che avete nominato giacciono in massa e alla rinfusa su tutte le spiagge: e senza intervento di nessuno, col solo lievissimo ondeggiare dei flutti, sono voltolate fuori del mare. Dite dunque, una volta che ci siete, che io a caro prezzo ho fatto cercar da moltissimi pescatori la conchiglietta striata, la conchiglia smussata, la pietruzza liscia, pinze di granchi, gusci di ricci, ossi di seppia, pietruzze, festuche, stecchi, [ostriche di Pergamo vermicolate] e musco e alga e altri rifiuti marini che sono dovunque sui lidi cacciati dai venti, rigettati dai flutti, sballottati dalla tempesta, abbandonati dalla bonaccia. Infatti codeste cose che ho ricordate possono suscitare similmente a causa del nome i vostri sospetti. Voi dite che abbiano potere, in fatto di amore, sostanze marine che hanno nome di organi sessuali maschili e femminili. E perché, sarebbe meno efficace prendere ugualmente dalla spiaggia una pietra per il mal della pietra, una testa per il testamento, un granchio per il cancro e l’alga per la febbre algida? Oh sì certamente, Claudio Massimo, troppo paziente uomo tu sei e di una assai facile bontà, tu che hai così a lungo sopportato tutte codeste argomentazioni mentre io, quando essi parlavano di tali cose come di prove gravi e decisive, ridevo della loro stoltezza e ammiravo la tua sopportazione.

Apologia (Apuleio)

Brano 36Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Ceterum quam ob rem plurimos iam piscis cognouerim, quorundam adhuc nescius esse nolim, discat Aemilianus, quoniam usque adeo rebus meis curat; quanquam est iam praecipiti aeuo et occidua senectute, tamen, si uidetur, accipiat doctrinam seram plane et postumam; legat ueterum philosophorum monumenta, tandem ut intellegat non me primum haec requisisse, sed iam pridem maiores meos, Aristotelen dico et Theop[h]rastum et [t]Eudemum et Lyconem ceterosque Platonis minores, qui plurimos libros de genitu animalium deque uictu deque particulis deque omni differentia reliquerunt. bene quod apud te, Maxime, causa agitur, qui pro tua eruditione legisti profecto Aristotelis [???] multiiuga uolumina, praeterea problemata innumera eiusdem, tum ex eadem secta ceterorum, in quibus id genus uaria tractantur. quae tanta cura conquisita si honestum et gloriosum illis fuit scribere, cur turpe sit nobis experiri, praesertim cum ordinatius et cohibilius eadem Graece et Latine adnitar conscribere et in omnibus aut omissa adquirere aut defecta supplere? permittite, si operaest, quaedam legi de magicis meis, ut sciat me Aemilianus plura quam putat quaerere et sedulo explorare. prome tu librum e Graecis meis, quos forte hic amici habuere sedulique, naturalium quaestionum, atque eum maxime, in quo plura de piscium genere tractata sunt. interea, dum hic quaerit, ego exemplum rei competens dixero.

Traduzione:

Del resto perché io abbia conosciuto così gran numero di pesci e di altri mi rincresca non avere conoscenza, impari Emiliano una volta che ha tanta cura delle mie cose. Benché egli sia ormai giunto al precipizio dell’età e al tramonto della vecchiaia, pure, se gli pare, acquisti una scienza davvero tardiva e dell’ultima ora; legga le opere degli antichi filosofi, perché intenda una buona volta che non sono il primo in queste ricerche, ma già da tempo vi hanno atteso quelli venuti prima di me, Aristotele, dico, e Teofrasto ed Eudemo e Licone e tutti gli altri discendenti di Platone, i quali lasciarono moltissimi libri sulla generazione degli animali, sui loro costumi, sulla loro struttura e sull’insieme dei loro caratteri distintivi. È bene, Massimo, che giudice di questa causa sia tu, che per tua erudizione hai certamente letto i numerosi volumi di Aristotele, intorno alla generazione, l’anatomia e la storia degli animali, come anche i suoi innumerevoli Problemi: e poi le opere degli altri peripatetici, dove sono trattate diverse questioni dello stesso genere. Ora se fu loro di onore e di gloria scrivere su tante diligenti ricerche, perché dovrebbe essere disonorante per me farne oggetto di esperimento, tanto più che mi sforzo di presentarle con maggiore ordine e concisione in greco e in latino e di aggiungere nuovi risultati e colmare le lacune? Permettete, se ne avete voglia, che io legga qualche passo dei miei libri magici, perché Emiliano sappia che io ricerco e diligentemente esploro più cose di quanto egli non creda. (Si rivolge a un suo segretario.) Prendi uno dei miei libri greci, che forse in questa città troverai presso qualche amico mio, amatore di scienze naturali; prendi soprattutto quello che tratta di questioni relative ai pesci. (Torna a rivolgersi ai giudici.) Intanto, mentre ne va in cerca, vi riferirò un aneddoto adatto alla circostanza.

Apologia (Apuleio)

Brano 37Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Sophocles poeta Euripidi aemulus et superstes, uixit enim ad extremam senectam, cum igitur accusaretur a filio suomet dementiae, quasi iam per aetatem desiperet, protulisse dicitur Coloneum suam, peregregiam tragoediarum, quam forte tum in eo tempore conscribebat, eam iudicibus legisse nec quicquam amplius pro defensione sua addidisse, nisi ut audacter dementiae condemnarent, si carmina senis displicerent. ibi ego comperior om[a]nis iudices tanto poetae adsurrexisse, miris laudibus eum tulisse ob argumenti sollertiam et coturnum facundiae, nec ita multum omnis afuisse quin accusatorem potius dementiae condemnarent. Inuenisti tu librum? beasti. cedo enim experiamur, an et mihi possint in iudicio litterae meae prodesse. lege pauca de principio, dein quaedam de piscibus. at tu interea, dum legit, [t]aquam[quam] sustine.

Traduzione:

Il poeta Sofocle, che fu rivale di Euripide e gli sopravvisse – infatti raggiunse l’estrema vecchiaia -, accusato di demenza da suo figlio, quasi fosse a cagion dell’età svanito di mente, si racconta abbia presentato il suo Edipo a Colono, la eccellentissima delle sue tragedie, ch’egli componeva proprio in quel tempo: e la lesse ai giudici, aggiungendo a propria difesa solo queste parole: che osassero condannarlo di pazzia se fossero dispiaciuti i carmi della sua vecchiaia. Trovo scritto che tutti i giudici si levarono in piedi dinanzi a tanto poeta, esaltandolo per la bravura artistica di tutta la trama e la grandiosità tragica dello stile: e poco mancò non condannassero piuttosto l’accusatore come demente. (Si rivolge all’uomo che è tornato.) Hai trovato il libro? Benone. Vediamo un po’ se anche a me, dinanzi a un tribunale, possano giovare i miei scritti. Leggi alcune linee dal principio, e poi qualche passo sui pesci. (Si rivolge all’uomo che ha cura della clessidra): tu, intanto, arresta l’acqua. (Si da lettura di alcuni passi greci.)

Apologia (Apuleio)

Brano 38Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Audisti, Maxime, quorum pleraque scilicet legeras apud antiquos philosophorum. et memento de solis piscibus haec uolumina a me conscripta, qui eorum coitu progignantur, qui ex limo coalescant, quotiens et quid anni cuiusque eorum generis feminae subent[ant], mares suriant, quibus membris et causis discrerit natura uiuiparos eorum et ouiparos — ita enim Latine appello quae Graeci [??]– et, ne [o]perose animalium genitum pergam, deinde de differentia et uictu et membris et aetatibus ceterisque plurimis scitu quidem necessariis, sed in iudicio alienis. pauca etiam de Latinis scribtis meis ad eandem peritiam pertinentibus legi iubebo, in quibus animaduertes cum me[morabiles res et] cognitu raras, tum nomina etiam Romanis inusitata et in hodiernum quod sciam infecta, ea tamen nomina labore meo et studio ita de Graecis prouenire, ut tamen Latina moneta percussa sint. uel dicant nobis, Aemiliane, patroni tui, ubi legerint Latine haec pronuntiata uocabula. de solis aquatilibus dicam nec cetera animalia nisi in communibus differentis attingam. ausculta igitur quae dicam. iam me clamabis magica nomina Aegyptio uel Babylonico ritu percensere: [??]– possum etiam pergere; sed non est operae in istis diem terere, ut sit mihi tempus adgredi ad cetera. haec interim quae dixi pauca recita Latine a me enuntiata.

Traduzione:

Molte di queste cose che hai udite, Massimo, avevi naturalmente lette nei libri degli antichi filosofi. Nota che questi miei volumi trattano dei soli pesci, quali di essi siano generati per via di accoppiamento, quali crescano su dal fondo limaccioso, quante volte e in quale epoca dell’anno le femmine e i maschi di ciascuna specie vadano in caldo, per quali disposizioni di membri e per quali cause la natura abbia distinto i vivipari e gli ovipari – così traduco in latino i vocaboli greci zootica e ootica – e, per non infastidirvi ancora con le geniture animali, quali sono le loro differenze, i costumi, la struttura del corpo, la durata della vita e tantissime altre questioni necessarie alla scienza, ma estranee affatto in un processo giudiziario. Rispetto alle medesime nozioni, farò leggere qualche passo delle mie opere latine in cui osserverai altre particolarità poco note, nomi ancora fuori d’uso presso i Romani e fino ad oggi, ch’io mi sappia, non creati; nomi i quali merc? lo studio e l’opera mia sono bensì derivati dai Greci, ma di puro conio latino. Se no, dicano i tuoi avvocati, Emiliano, dove hanno letto in lingua latina le parole che sto per pronunciare. Parlerò dei soli acquatici, né farò cenno degli altri animali salvo quando abbiano caratteri comuni. Ascolta ciò che dirò. Adesso tu griderai che faccio una rassegna di parole magiche secondo il rituale egiziano o babilonese. Potrei continuare ancora, ma non possiamo consumare la giornata in queste cose, e ho bisogno di tempo per passare al resto. Leggi intanto come io abbia reso in latino quei pochi vocaboli che ho testè citati. (Manca tale elenco nel testo latino.)

Apologia (Apuleio)

Brano 39Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Vtrum igitur putas philosopho non secundum Cynicam temeritatem rudi et indocto, sed qui se Platonicae scolae meminerit, utrum ei putas turpe scire ista an nescire, neglegere an curare, nosse quanta sit etiam in istis prouidentiae ratio an [de] diis immortalibus matri et patri credere? Q. Ennius hedyphagetica [a] uersibus scribsit; innumerabilia genera piscium enumerat, quae scilicet curiose cognorat. paucos uersus memini, eos dicam: Omnibus ut Clipea praestat mustela marina, mures sunt Aeni, asp[e]ra ostrea plurima Abydi[mus]. Mytilenae est pecten C[h]aradrumque apud Ambraciae sus. Brundisii sargus bonus est; hunc, magnus si erit, sume. apriculum piscem scito primum esse Tarenti; Surrenti t[u] elopem fac emas, glaucumque aput Cumas. quid scarum praeterii cerebrum Iouis paene sup[p]remi (Nestoris ad patriam hic capitur magnusque bonusque) melanurum, turdum, merulamque umbramque marinam. polypus Corcyrae, caluaria pinguia [a]carnae, purpura[m], mu[r]riculi, mures, dulces quoque echini. alios etiam multis uersibus decorauit, et ubi gentium quisque eorum, qualiter assus aut iurulentus optime sapiat, nec tamen ab eruditis reprehenditur, ne ego reprehendar, qui res paucissimis cognitas Graece et Latine propriis et elegantibus uocabulis conscribo.

Traduzione:

Ebbene, credi tu che per un filosofo, non secondo la cinica sconsideratezza rozzo e ignorante, ma consapevole di appartenere alla scuola platonica, credi tu sia brutta cosa sapere queste cose o ignorarle, trascurarle o interessarsene, conoscere quanto sia grande anche in codeste piccole cose il disegno della Provvidenza, o ricorrere al babbo e alla mamma sul conto di Dio? Quinto Ennio scrisse una Gastronomia in versi, dove enumera innumerevoli specie di pesci, che naturalmente aveva studiato con molta cura. Ne ricordo qualche verso: ecco: La mustela marina di Clipea supera tutte le altre, i topolini di mare si trovano a Enos, le ruvide ostriche abbondano in Abido; a Mitilene il pesce pettine e anche a Caradro, nella regione di Ambracia; a Brindisi è buono il sargo: prendilo, se è grosso; il cignalino sappi che a Taranto è di prima qualità. Compra a Sorrento l’elope; il glauco a Cuma. Come mai ho potuto scordare lo scaro, quasi cervello del sommo Giove: esso, nella patria di Nestore, si piglia grosso e buono: il melanuro, il pesce tordo, il merlo, l’ombrina? A Corcira il polpo, i pingui, le acarne, le conchiglie della porpora, i piccoli murici, i topi di mare, e anche i ricci saporiti. E altri pesci ancora celebrò in molti versi, dicendo di ciascuno in qual paese si trovi e come sia più gustoso, arrostito o in salsa. Eppure non è ripreso dagli uomini dotti: tanto meno potrà esserlo io, che cose note a pochissimi, in greco e in latino, metto insieme con termini scelti e appropriati.

Apologia (Apuleio)

Brano 40Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Cum hoc satis dixi, tum aliud accipe. quid enim tandem, si medicinae neque instudiosus neque imperitus quaepiam remedia ex piscibus quaero? ut sane sunt plurima cum in aliis omnibus rebus eodem naturae munere interspersa atque interseminata, tum etiam nonnulla in piscibus. an remedia nosse et ea conquirere magi potius esse quam medici, quam denique philosophi putas, qui illis non ad quaestum, sed ad suppetias usurust? ueteres quidem medici etiam carmina remedia uulnerum norant, ut omnis uetustatis certissimus auctor Homerus docet, qui facit Vlixi de uulnere sanguinem profluentem sisti cantamine. nihil enim, quod salutis ferendae gratia fit, criminosum est. ‘at enim’ inquit ‘piscem cui rei nisi malae proscidisti, quem tibi Themis[c]on seruus attulit?’ quasi uero non paulo prius dixerim me de particulis omnium animalium, de situ earum de[ni]que numero de[ni]que causa conscribere ac libros Aristoteli et explorare studio et augere. atque adeo summe miror quod unum a me pisciculum inspectum sciatis, cum iam plurimos, ubicumque locorum oblati sunt, aeque inspexerim, praesertim quod nihil ego clanculo, sed omnia in propatulo ago, ut quiuis uel extrarius arbiter adsistat, more hoc et instituto magistrorum meorum, qui aiunt hominem liberum et magnificum debere, si qu[o] eat, in primori fronte animum gestare. hunc adeo pisciculum, quem uos leporem marinum nominatis, plurimis qui aderant ostendi; necdum etiam decerno quid uocent, nisi quaeram sane accuratius, quod nec apud ueteres philosophos proprietatem eius piscis reperio, quanquam sit omnium rarissima et hercule memoranda; quippe solus ille, quantum sciam, cum sit cetera exossis, duodecim numero ossa ad similitudinem talorum suillorum in uentre eius conexa et catenata sunt. quod Aristoteles si [scisset, n]umquam profecto omisisset scribto prodere, qui aselli piscis solius omnium in medio aluo corculum situm pro maximo memorauit.

Traduzione:

Ho detto abbastanza: ora ascolta anche questo: che c’è finalmente di male se io, che della medicina sono studioso ed esperto, cerco di ricavare dai pesci taluni rimedi? La natura ha infuso dovunque, sparsi e seminati qua e l?, numerosissimi principi salutari, e alcuni anche nei pesci. Conoscere i rimedi e farne ricerca ritieni sia piuttosto ufficio del mago e non del medico e del filosofo il quale se ne servirà non per averne guadagno ma per prestare soccorso? Gli antichi medici conoscevano anche gl’incantesimi come rimedio delle ferite: ce lo insegna Omero, l’autore più sicuro di tutta l’antichità, il quale ci mostra arrestato mediante incantesimo il sangue che scorre dalla ferita di Ulisse. Nulla di ciò che si fa per salvare una vita è delittuoso. “Ma, dice, per quale fine, se non malefico, tu sezionasti il pesce che ti portò il servo Temisone?” Poco fa ho detto che ho scritto libri sugli organi di tutti gli animali: loro posto, loro numero, loro ragione di essere: e di avere esaminato accuratamente e accresciuto di nuove osservazioni le opere di anatomia di Aristotele. E sommamente mi stupisco che voi abbiate saputo della ispezione di un solo pesce, mentre tanti e poi tanti, dovunque me ne siano capitati, ho ugualmente ispezionato; e questo ho fatto non di nascosto, ma apertamente alla presenza di qualunque testimone, anche estraneo, seguendo l’esempio e i precetti dei miei maestri i quali affermano che l’uomo libero e generoso deve, dovunque vada, portare l’anima sulla fronte. Così, questo pesciolino, che chiamate lepre di mare, ho mostrato ai moltissimi che erano presenti, e ancora non saprei dire qual è il suo nome, senza prima fare ricerche molto accurate, perché neppure presso gli antichi filosofi trovo il carattere proprio di questo pesce, sebbene sia il pi? raro fra tutti e davvero degno di essere ricordato. Esso solo infatti, per quanto io ne sappia, sprovvisto di ossi nel resto del corpo, ha dodici ossi, simili a malleoli di zampe suine, connessi e concatenati nel ventre. E Aristotele non avrebbe tralasciato di segnalarlo nei suoi scritti, egli che ricorda, come molto importante, il fatto che solo il pesce asello ha il cuoricino collocato nel mezzo dell’addome.

Apologia (Apuleio)

Brano 41Apologia (Apuleio):

Testo originale:

‘piscem’ inquit ‘proscidisti’. hoc quis ferat philosopho crimen esse, quod lanio uel coquo non fuisset? ‘piscem proscidisti’. quod crudum, id accusas? si cocto uentrem rusparer, hepatia suffoderem, ita ut apud te puerulus ille Sicinius Pudens suomet obson[i]o discit, eam rem non putares accusandam; atqui maius crimen est philosopho comesse piscis quam inspicere. an hariolis licet iocinera rimari, philosopho contemplari non licebit, qui se sciat omnium animalium haruspicem, omnium deum sacerdotem? hoc in me accusas, quod ego et Maximus in Aristotele miramur? cuius nisi libros bibliothecis exegeris et studiosorum manibus extorseris, accusare me non potes. sed de hoc paene plura quam debui. Nunc praeterea uide, quam ipsi sese reuincant; aiunt mulierem magicis artibus, marinis illecebris a me petitam eo in tempore, quo me non negabunt in Gaetuliae mediterran[e]is montibus fuisse, ubi pisces per Deucalionis diluuia repperientur. quod ego gratulor nescire istos legisse me Theophrasti quoque [??]; ceterum me etiam ueneficii reum postularent; at quidem hoc negotium ex lectione et aemulatione Aristoteli nactus sum, nonnihil et Platone meo adhortante, qui ait eum, qui ista uestiget, [??].

Traduzione:

“Hai sezionato un pesce”, dice. Ma è tollerabile che per un filosofo sia delitto quei che non lo sarebbe per un beccaio o per un cuoco? “Hai sezionato un pesce”. Perché crudo? È questa l’accusa? Se dopo averlo cotto frugassi nel suo ventre, ne cavassi il fegato, come in casa tua, a proprie spese, impara a fare il piccolo Sicinio Pudente, per te, questa non sarebbe materia di accusa. Eppure è più grave colpa per un filosofo mangiare un pesce che esaminarlo. È permesso agli indovini rovistare i fegati ed è interdetto al filosofo di osservarli, a lui che sa di essere aruspice di tutti gli animali e sacerdote di tutti gli dei? Tu dunque imputi a me ciò che io e Massimo ammiriamo in Aristotele, le cui opere, prima di accusarmi, dovresti bandire dalle biblioteche e strappare dalle mani degli studiosi. Ma su questo argomento ho detto più del necessario. Ora tu vedi come si contraddicano da se stessi: affermano che una donna con arti magiche, con seduzioni marine, è stata da me tentata, proprio nel tempo – e non potranno negarlo – in cui mi trovavo nell’interno del paese, fra le montagne della Getulia, dove si troveranno i pesci grazie al diluvio di Deucalione. Ed è una fortuna per me che essi ignorino che ho letto anche il libro di Teofrasto sulle morsicature e sulle ferite degli animali e i Theriaca di Nicandro: altrimenti mi avrebbero accusato di veneficio. Questa attività ho conseguita leggendo ed emulando Aristotele, incoraggiato un poco anche dal mio Platone il quale afferma che darsi a queste ricerche è “godere di un passatempo non increscioso nella vita”.

Apologia (Apuleio)

Brano 42Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Nunc quoniam pisces horum satis patuerunt, accipe aliud pari quidem stultitia, sed multo tanta uanius et nequius excogitatum. scierunt et ipsi argumentum piscarium futile et nihil futurum, praeterea nouitatem eius ridiculam, (quis enim fando audiuit ad magica maleficia disquamari et exdorsari piscis solere?), potius aliquid de rebus peruulgatioribus etiam creditis fingendum esse. igitur ad praescriptum opinionis et famae confinxere puerum quempiam carmine cantatum remotis arbitris, secreto loco, arula et lucerna et paucis consciis testibus, ubi incantatus sit, corruisse, postea nesciente[m] sui excitatum. nec ultra isti quidem progredi mendacio ausi; enim fabula ut impleretur, addendum etiam illud fuit, puerum eundem multa praesagio praedixisse. quippe hoc emolumentum canticis accipimus, praesagium et diuinationem, nec modo uulgi opinione, uerum etiam doctorum uirorum auctoritate hoc miraculum de pueris confirmatur. memini me apud Varronem philosophum, uirum accuratissime doctum atque eruditum, cum alia eiusdem modi, tum hoc etiam legere: Trallibus de euentu Mithridatici belli magica percontatione consultantibus puerum in aqua simulacrum Mercuri contemplantem quae futura erant CLX uersibus cecinisse. itemque Fabium, cum quingentos denarium perdidisset, ad Nigidium consultum uenisse; ab eo pueros carmine instinctos indicauisse, ubi locorum defossa esset crumina cum parti eorum, ceteri ut forent distributi; unum etiam denarium ex eo numero habere M. Catonem philosophum; quem se a pedisequo in stipe Apollinis accepisse Cato confessus est.

Traduzione:

Ora, giacché è abbastanza assodato che cosa siano i pesci di costoro, ascoltane un’altra escogitata, è vero, con pari stupidità, ma con molto più di sconsigliatezza e di bricconeria. Essi sapevano che quello dei pesci era argomento futile e nullo, oltre la ridicola novità della cosa: perché si è mai sentito dire che ai pesci si usa togliere scaglie e dorsi per magiche fatture? Pensarono dunque che bisognava inventare un che di più diffuso e accreditato; e per conformarsi alle comuni credenze immaginarono che un ragazzo, da me incantato, senza gente dattorno, in un luogo segreto, con un piccolo altare e una lucerna e in presenza di pochi complici, appena compiuto l’incantesimo, sia caduto a terra, e poi si sia risvegliato senza più memoria dell’accaduto. Non osarono spingere oltre la loro menzogna; per completare la favola, infatti, avrebbero dovuto aggiungere che il fanciullo aveva predetto molte cose. Giacché sappiamo che è questo il fine pratico di tali incantesimi: il presagio e la divinazione: né soltanto la opinione volgare, ma anche l’autorirà di uomini dotti conferma questo prodigio che riguarda i fanciulli. Ricordo di aver letto in Varrone, scienziato di accuratissima dottrina ed erudizione, insieme con altre cose analoghe, anche questa: che a Tralle, fattosi ricorso alla magia per conoscere l’esito della guerra mitridatica, un fanciullo vide nell’acqua un’immagine di Mercurio e ciò che sarebbe accaduto annunzi? in un presagio di centosessanta versi. Parimenti Fabio, perduti cinquecento denari, andò a consultare Nigidio. Costui incantò alcuni fanciulli i quali indicarono dov’era sotterrata una borsa contenente parte della somma e il resto come era stato distribuito: e aggiunsero che uno di quei denari era in possesso del filosofo Marco Catone, il quale confessò di averlo ricevuto da un suo servo tra le offerte per il tesoro di Apollo.

Apologia (Apuleio)

Brano 43Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Haec et alia apud plerosque de magiis et pueris lego equidem, sed dubius sententiae sum, dicamne fieri posse an negem, quamquam Platoni credam inter deos atque homines natura et loco medias quasdam diuorum potestates intersitas, easque diuinationes cunctas et magorum miracula gubernare; quin et illud mecum reputo posse animum humanum, praesertim puerilem et simplicem, seu carminum auocamento siue odorum delenimento soporari et ad obliuionem praesentium externari et paulisper remota corporis memoria redigi ac redire ad naturam suam, quae est immortalis scilicet et diuina, atque ita uelut quodam sopore futura rerum praesagare. uerum enimuero, ut ista sese habent, si qua fides hisce rebus impertienda est, debet ille nescio qui puer prouidus, quantum ego audio, et corpore decorus atque integer deligi et animo sollers et ore facundus, ut in eo aut diuina potestas quasi bonis aedibus digne diuersetur, si tamen ea pueri corpore includitur, an ipse animus expergitus cito ad diuinationem suam redigatur, quae ei prompte insita et nulla obliuione saucia et hebes facile resumatur. non enim ex omni ligno, ut Pythagoras dicebat, debet Mercurius exculpi. quod si ita est, nominate, quis ille fuerit puer sanus, incolumis, ingeniosus, decorus, quem ego carmine dignatus sim initiare. ceterum Thallus, quem nominastis, medico potius quam mago indiget; est enim miser morbo comitiali ita confectus, ut ter an quater die saepe numero sine ullis cantaminibus corruat omniaque membra conflictationibus debilitet, facie ulcerosus, fronte et occipitio conquassatus, oculis hebes, naribus hiulcus, pedibus caducus. maximus omnium magus est, quo praesente Thallus diu steterit: ita plerumque morbo ceu somno uergens inclinatur.

Traduzione:

Questi ed altri esempi in molti autori ho letto intorno alle arti magiche e ai fanciulli, ma sono incerto se debba negarne o affermarne la possibilità. Tuttavia credo, con Platone, che fra gli dei e gli uomini esistano alcune divine potestà, intermedie per la loro natura e per lo spazio che occupano, le quali altresì governano tutte le divinazioni e i miracoli della magia. Ed invero io penso tra me stesso che possa l’anima umana, specialmente semplice e pargoletta, se per l’estasi che la incanti, se per lenimento di profumi, addormirsi e sollevarsi all’oblio delle cose presenti e che, per poco rimossa la memoria del corpo, ella si riduca e torni alla natura sua che è, come ognuno sa, immortale e divina, e così presagisca come in visione di sogno l’avvenire. Ma naturalmente, se a codesti fatti bisogna prestar fede, dovrebbe questo non so quale antiveggente fanciullo, per quanto ne sento dire, essere scelto bello e intatto di corpo, ingegnoso e facondo, perché la divina potenza abbia in lui degna dimora, se veramente essa si introduce nel corpo di un ragazzo: oppure perché l’anima, appena desta, ritorni subito alla sua visione delle cose future, che bene impressa in lei e per nessuna dimenticanza offesa e affievolita, si ripresenti di nuovo senza ostacoli. Infatti, come diceva Pitagora, non ogni legno è buono per scolpire Mercurio. Se è così, ditemi chi sia stato quel fanciullo sano, incolume, ingegnoso, bello, che con i miei incanti ho voluto iniziare ai misteri. Ma quel Tallo, da voi nominato, ha bisogno più di un medico che di un mago; l’infelice è tormentato dall’epilessia sè che tre o quattro volte al giorno spesso cade a terra, senza bisogno di incantesimi, con tutto il corpo fiaccato da convulsioni, la faccia ulcerosa, la fronte e l’occipite pieni di contusioni, gli occhi inebetiti, le narici dilatate, i piedi vacillanti. Mago, il più grande di questo mondo, è quegli alla cui presenza Tallo possa reggersi a lungo sulle gambe: tante volte, ripiegandosi per il male, come per sonno è costretto a cadere.

Apologia (Apuleio)

Brano 44Apologia (Apuleio):

Testo originale:

eum tamen uos carminibus meis subuersum dixistis, quod forte me coram semel decidit. conserui eius plerique adsunt, quos ex[h]iberi denuntiastis. possunt dicere omnes, quid in Thallo despuant, cur nemo audeat cum eo ex eodem catino cenare, eodem poculo bibere. et quid ego de seruis? uos ipsi uidetis; negate Thallum multo prius, quam ego Oeam uenirem, corruere eo morbo solitum, medicis saepe numero ostensum, negent hoc conserui eius qui sunt in ministerio uestro; omnium rerum conuictum me fatebor, nisi rus adeo iam diu ablegatus est in longinquos agros, ne familiam contaminaret: quod ita factum nec ab illis negari potest. eo nec potuit hodie a nobis exhiberi. nam ut omnis ista accusatio temeraria et repentina fuit, nudius tertius nobis Aemilianus denuntiauit, ut seruos numero quindecim apud te exhiberemus. adsunt XIIII, qui in oppido erant. Thallus solus, ut dixi, quod ferme ad centesimum lapidem longe exul est, is Thallus solus abest, sed misimus qui eum curriculo aduehat. interroga, Maxime, XIIII seruos quos exhibemus, Thallus puer ubi sit et quam salue agat, interroga seruos accusatorum meorum. non negabunt turpissimum puerum, corpore putri et morbido, caducum, barbarum, rusticanum. bellum uero puerum elegistis, quem quis sacrificio adhibeat, cuius caput contingat, quem puro pallio amiciat, a quo responsum speret. uelle[m] hercle adesset: tibi eum, Aemiliane, permisissem, et tenerem, si tu interrogares; iam in media quaestione hic ibidem pro tribunali oculos trucis in te inuertisset, faciem tuam spumabundus conspuisset, manus contraxisset, caput succussisset, postremo in sinu tuo corruisset.

Traduzione:

Questo è quel fanciullo che avete detto gettato a terra coi miei incantesimi, perché una volta per caso cadde in mia presenza. I suoi conservi, che avete fatto citare come testimoni, sono per la maggior parte qui presenti. Tutti possono dire perché sputino alla vista di Tallo, perché nessuno voglia con lui mangiare nello stesso piatto, bere nel medesimo bicchiere. E a che parlo dei servi? Voi stessi lo sapete. Negate pure che Tallo, molto prima che io venissi in Oea, era soggetto agli accessi che lo facevano cadere e fu mostrato spesso ai medici; neghino questo i suoi conservi che sono al vostro servizio: io mi confesserò convinto di tutto se egli non è da tempo ormai relegato in una campagna lontana, per non contaminare gli altri schiavi. Che questo sia avvenuto, neppure essi possono negare: perciò non abbiamo potuto oggi produrlo in tribunale. Perché tutta codesta accusa fu temeraria e repentina e soltanto da tre giorni Emiliano ci ha intimato di esibire dinanzi a te quindici schiavi. Quattordici sono presenti, che si trovavano in città: Tallo solo, relegato come ho detto a una distanza di circa cento miglia, soltanto lui è assente; ma abbiamo mandato un tale che lo trasporti qui di corsa. Interroga, Massimo, i quattordici servi che presentiamo, domanda loro dov’è il ragazzo Tallo e come stia di salute; interroga i servi dei miei accusatori. Non negheranno che è un ragazzo ripugnante, di corpo floscio e malato, soggetto a cadute, un selvaggio zoticone. Avete scelto davvero un bel fanciullo, da figurar bene in un sacrificio e proprio meritevole che gli si tocchi la testa, che lo si avvolga nel bianco lino, che se ne attenda il responso. Per Ercole, vorrei fosse qui: io l’avrei affidato a te, Emiliano, e lo avrei sostenuto perché tu lo interrogassi: a metà dell’interrogatorio, qui davanti al tribunale, egli avrebbe puntato su di te gli occhi truci, avrebbe sputacchiato di spuma la tua faccia e contratte le mani, scossa la testa, finalmente sarebbe caduto fra le tue braccia.

Apologia (Apuleio)

Brano 45Apologia (Apuleio):

Testo originale:

XIV seruos quos postulasti exhibeo. cur illis ad quaestionem nihil uteris? unum puerum atque eum caducum requiris, quem olim abesse pariter mecum scis. quae alia est euidentior calumnia? XIIII serui petitu tuo adsunt, eos dissimulas; unus puerulus abest, eum insimulas. postremo quid uis? puta Thallum adesse: uis probare eum praesente me concidisse? ultro confiteor. carmine id factum dicis? hoc puer nescit, ego non factum reuinco; nam caducum esse puerum nec tu audebis negare. cur ergo carmini potius quam morbo attribuatur eius ruina? an euenire non potuit, ut forte praesente me idem pateretur, quod saepe alias multis praesentibus? quod si magnum putarem caducum deicere, quid opus carmine fuit, cum incensus gagates lapis, ut apud physicos lego, pulchre et facile hunc morbum exploret, cuius odore etiam in uenaliciis uulgo sanitatem aut morbum uenalium experiantur? etiam orbis a figulo circumactus non difficile eiusdem ualetudinis hominem uertigine sui corripit, ita spectaculum rotationis eius animum saucium debilitat; ac multo plus ad caducos[e] consternendos figulus ualet quam magus. tu frustra postulasti, ut seruos exhiberem: ego non de nihilo postulo ut nomines, quinam testes huic piaculari sacro adfuerint, cum ego ruentem Thallum impellerem. unum omnino nominas puerulum illum Sicinium Pudentem, cuius me nomine accusas; is enim adfuisse se dicit; cuius pueritia etsi nihil ad re[li]gionem refragaretur, tamen accusatio fidem deroget. facilius fuit, Aemiliane, ac multo grauius, tete ut ipsum diceres interfuisse et ex eo sacro coepisse dementire potius quam totum negotium quasi ludicrum pueris donares. puer cecidit, puer uidit: num etiam puer aliqui incantauit?

Traduzione:

Ecco i quattordici servi che hai reclamati. Perché non ne profitti per interrogarli? Un solo fanciullo tu richiedi, un epilettico, che tu sai, come me, assente da molto tempo. Quale calunnia più evidente? Quattordici servi, a tua richiesta, sono presenti; fingi di non vederli. Uno solo, un fanciullo, è lontano, e tu ne incolpi l’assenza. Insomma, che cosa vuoi? Fa’ conto che Tallo ci sia. Vuoi provare che egli è caduto in mia presenza? Sono il primo a confessarlo. Per via d’incantesimo, tu dici. Questo il ragazzo non lo sa: io rispondo ch’è falso. Che il fanciullo sia epilettico neppure tu oserai negare. Perché dunque attribuire la sua caduta a incantesimi anziché a malattia? Dinanzi a me non potrebbe coglierlo lo stesso male che altre volte lo ha colto dinanzi a tante persone? E se io avessi stimato una gran cosa buttare a terra un epilettico, che bisogno c’era di incantesimi, quando, come leggo nei fisici, a richiamare senz’altro i sintomi del male basta un pezzo di gagate infocata? Nei mercati di schiavi si fa appunto odorare questa pietra per assicurarsi della sanità o della malattia degli schiavi messi in vendita. Anche la ruota girata dal vasaio coglie nella sua vertigine l’epilettico: tanto la vista della rotazione colpisce i sensi malati: ad abbattere un epilettico ha molto più potere un vasaio che un mago. Tu dunque, senza ragione, hai richiesto la presenza dei miei servi: ma bene a ragione, io ti intimo di nominare i testimoni presenti a questo empio sacrificio dove io ho spinto Tallo a cadere. Nomini uno solo in tutto, quel ragazzo Sicinio Pudente, nel cui nome mi accusi; egli infatti dice di essere stato presente: ma se anche la sua fanciullezza non fosse di ostacolo alla serietà della testimonianza, la sua condizione di accusatore ne infirmerebbe la buona fede. Sarebbe stato più agevole, Emiliano, e molto più serio dire che tu stesso eri presente: e che da quella magica scena ebbe principio la tua pazzia, invece di abbandonare tutto questo affare, come fosse un gioco, ai ragazzi. Un fanciullo fu la vittima, un fanciullo l’osservatore: che sia stato anche un fanciullo l’incantatore?

Apologia (Apuleio)

Brano 46Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Hic satis ueteratorie Tannonius Pudens, cum hoc quoque mendacium frigere ac prope iam omnium uultu et murmure explosum uideret, ut uel suspiciones quorundam spe moraretur, ait pueros alios producturum, qui sint aeque a me incantati, atque ita ad aliam speciem argumenti transgressus est. quod quamquam dissimulare potui, tamen ut omnia, ita hoc quoque ultro prouoco. cupio enim produci eos pueros, quos spe libertatis audio confirmatos ad mentiendum. sed nihil amplius dico: ut producant. postulo igitur et flagito, Tannoni Pudens, ut expleas quod pollicitus. cedo pueros istos, quibus confiditis: produc, nomina qui sint. mea aqua licet ad hoc utare. dic, inquam, Tannoni. quid taces, quid cunctaris, quid respectas? quod si hic nescit quid [di]dicerit aut nomina oblitus est, at tu, Aemiliane, cede huc, dic quid aduocato tuo mandaueris, exhibe pueros. quid expalluisti? quid taces? hocine accusare est, hocine tantum crimen deferre an Claudium Maximum, tantum uirum, ludibrio habere, me calumnia insectari? quod si forte patronus tuus uerbo prolapsus est et nullos pueros habes quos producas, saltem XIV seruis quos ex[h]ibui ad aliquid utere.

Traduzione:

Qui Tannio Pudente, furbacchione com’è, visto che anche questa menzogna era freddamente accolta e disapprovata a quanto appariva dal volto e dal mormorio del pubblico, per trattenere ancora con le promesse i sospetti di alcuni, affermò che avrebbe prodotti altri fanciulli, ugualmente vittime dei miei incantesimi: dopo di che passò ad altro ordine di prove. Avrei potuto lasciar cadere l’incidente: ma come su tutto il resto, anche su questo punto, sfido l’avversario alla prova. Voglio che tu li produca, quei giovani servi che con la promessa dell’affrancamento, si dice, hai impegnato a mentire. Di questo non discuto: siano prodotti. Reclamo ed esigo, Tannonio Pudente, che tu adempia la tua promessa. Avanti, vediamo codesti fanciulli in cui confidate, presentali, di’ i loro nomi. Prendi pure a questo scopo la mia parte di acqua: io consento. Parla, dico, Tannonio; perché taci, perché esiti, a che guardi indietro? Ma se Tannonio non sa più la sua lezione e ha dimenticato i nomi, fatti avanti tu, Emiliano, di’ quale incarico avevi affidato al tuo avvocato, presenta questi ragazzi. Sei impallidito, taci, perché? Ah, dunque così si accusa, così si denuncia un tanto delitto, o non piuttosto si tiene in dileggio Claudio Massimo, un tanto uomo, e mi si perseguita con la calunnia? Ma se per caso il tuo avvocato ha sbagliato a parlare, e tu non hai giovani schiavi da presentare, almeno giovati dei quattordici servi che ho messo a tua disposizione.

Apologia (Apuleio)

Brano 47Apologia (Apuleio):

Testo originale:

aut cur sisti postulabas tantam familiam? magiae accusans de XV seruis denuntiasti: quid, si de ui accusares, quot tandem seruos postulares? sciunt ergo aliquid XV serui et occultum est. an occultum non est et magicum est? alterum horum fatearis necesse est, aut inlicitum non fuisse in quo tot conscios non timuerim, aut si inlicitum fuit, scire tot conscios non debuisse. magia ista, quantum ego audio, res est legibus delegata, iam inde antiquitus XII tabulis propter incredundas frugum inlecebras interdicta, igitur et occulta non minus quam tetra et horribilis, plerumque noctibus uigilata et tenebris abstrusa et arbitris solitaria et carminibus murmurata, cui non modo seruorum, uerum etiam liberorum pauci adhibentur: et tu quindecim seruos uis interfuisse? nubtiaene illae fuerunt an aliud celebratum officium an conuiuium tempestiuum? XV serui sacrum magicum participant quasi XV uiri sacris faciundis creati? cui tamen rei tot numero adhibuissem, si conscientiae nimis multi sunt? XV liberi homines populus est, totidem serui familia, totidem uincti ergastulum. an adiutorio multitudo eorum necessaria fuit, qui diutine hostias lustralis tenerent? at nullas hostias nisi gallinas nominastis. an ut grana turis numerarent, an ut Thallum prosternerent?

Traduzione:

Altrimenti perché richiedevi la presenza di tanta servitù? A sostenere l’accusa di magia hai fatto richiesta di quindici servi; se tu mi accusassi di violenza, quanti servi richiederesti? Quindici servi conoscono, dunque, un certo fatto: e questo fatto è occulto; se non fosse occulto, dove sarebbe la magia? Tu devi ammettere una delle due cose, o che non fosse illecita un’operazione a cui non ho temuto di ammettere tanti testimoni, o che fosse illecita, e allora non avrei dovuto avere tanti consapevoli complici. Codesta magia, per quanto ne sento dire, è delitto perseguibile in giudizio, già fin dai tempi antichi interdetta dalle Dodici Tavole, per gli incredibili incanti onde può attrarre le messi; occulta, pertanto, non meno che tetra e spaventosa, essa si esercita solitamente nelle veglie della notte, in mezzo alle tenebre, lungi da ogni sguardo, al mormorio degli incantesimi, a cui pochi, non soltanto dei servi, ma anche degli uomini liberi, sono ammessi. E tu vuoi che siano intervenuti quindici servi? Fu un matrimonio, dunque, o qualche altra solennità o un banchetto di circostanza. Quindici servi hanno parte in un sacrificio magico, quasi fossero un collegio di quindecimviri sacris faciundis. Per qual motivo avrei dovuto adoperarne tanti, se sono già troppi per custodire un segreto? Quindici cittadini fanno un popolo, altrettanti servi una casa, altrettanti prigionieri un ergastolo. Forse avevo bisogno di tante persone che mi aiutassero a tenere le vittime lustrali? Ma voi non avete parlato di altre vittime che di galline. O forse perché contassero i granelli di incenso o mi gettassero a terra Tallo?

Apologia (Apuleio)

Brano 48Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Mulierem etiam liberam perductam ad me domum dixistis eiusdem Thalli ualetudinis, quam ego pollicitus sim curaturum, eam quoque a me incantatam corruisse. ut uideo, uos palaestritam, non magum accusatum uenistis: ita omnis qui me accessere dicitis cecidisse. negauit tamen quaerente te, Maxime, Themison medicus, a quo mulier ad inspiciendum perducta est, quicquam ultra passam nisi quaesisse me, ecquid illi aures obtinnirent et utra earum magis; ubi responderit dexteram sibi aurem nimis inquietam, confestim discessisse. hic ego, Maxime, quanquam sedulo inpraesentiarum a laudibus tuis tempero, necubi tibi ob causam istam uidear blanditus, tamen sollertiam tuam in percontando nequeo quin laudem. dudum enim, cum haec agitarentur et illi incantatam mulierem dicerent, medicus qui adfuerat abnueret, quaesisti tu nimis quam prudenter, quod mihi emolumentum fuerit incantandi. responderunt: ‘ut mulier rueret’. ‘quid deinde? mortua est?’ inquis. negarunt. ‘quid ergo dicitis? quod Apulei commodum, si ruisset?’ ita enim pulchre ac perseueranter tertio quaesisti, ut qui scires omnium factorum rationes diligentius examinandas ac saepius causas quaeri, facta concedi, eoque etiam patronos litigatorum causidicos nominari, quod cur quaeque facta sint expediant. ceterum negare factum facilis res est et nullo patrono indiget: recte factum uel perperam docere, id uero multo arduum et difficile est. frustra igitur an factum sit anquiritur, quod nullam malam causam habuit ut fieret. ita facti reus apud bonum iudicem scrupulo quaestionis liberatur, si nulla fuit ei ratio peccandi. nunc quoniam neque incantatam neque prostratam mulierem probauerunt et ego non nego petitu medici a me inspectam, dicam tibi, Maxime, cur illud de aurium tinnitu quaesierim, non tam purgandi mei gratia in ea re, quam tu iam praeiudicasti neque culpae neque crimini confinem, quam ut ne quid dignum auribus tuis et doctrinae tuae congruens reticuerim. dicam igitur quam breuissime potuero; etenim admonendus es mihi, non docendus.

Traduzione:

Inoltre avete detto che una donna di libera condizione, afflitta dallo stesso male di Tallo, mi fu condotta in casa, che io promisi di curarla e che anch’essa, incantata da me, cadde a terra. Evidentemente voi siete venuti ad accusare un lottatore, non un mago: quanti sono venuti da me, voi dite che sono caduti. Eppure a tua richiesta, Massimo, il medico Temisone, che mi aveva condotto la donna per un esame, dichiarò che io non feci altro che domandarle se qualche volta le ronzassero le orecchie e quale delle due maggiormente: e che essa, dopo aver detto che l’orecchia destra era molto inquieta, senz’altro si ritirò. E qui, Massimo, benché mi astenga con ogni cura dal tuo elogio dinanzi al tribunale, per non aver l’aria di lusingarti nell’interesse della mia causa, pure non posso non lodare la tua accortezza nell’interrogare. Infatti, mentre si discuteva questo punto, e quelli dicevano incantata la donna e Temisone, che l’aveva assistita, lo negava, tu domandasti con straordinaria sagacità quale profitto avevo ricavato da quell’incantesimo. Risposero: la caduta della donna. “E dopo?”hai aggiunto, “è morta?” Dissero che no. “E allora ditemi, quale vantaggio avrebbe avuto Apuleio se fosse caduta?” Così opportunamente e con insistenza hai rinnovato tre volte la domanda, perché sapevi che di tutti i fatti bisogna con diligenza esaminare e più spesso ricercare le cause, pur se si ammettono i fatti; e per questo gli avvocati si chiamano anche “causidici”, perché spiegano le cause di ciascun fatto. Negare un fatto è cosa facile, e non ha bisogno di alcun avvocato. Ma dimostrare che il fatto è giustificato o condannabile, qui è la difficoltà e la fatica. È inutile ricercare se il fatto sia avvenuto, quando non ci sia una intenzione colpevole. Così l’imputato del fatto, dinanzi a un buon giudice, è liberato dalla inquietudine del processo, se non ha avuto nessuna ragione di male operare. Ora, giacché essi non hanno provato che la donna sia stata da me incantata e gettata per terra, ed io non nego di averla, a richiesta del medico, esaminata, dirò a te, o Massimo, per quale ragione ho fatto quella domanda sul ronzio dell’orecchio, non tanto per discolparmi di un fatto che già preventivamente hai giudicato né colpevole né incriminabile, quanto per non trascurare nulla che sia degno della tua attenzione e dottrina. Dirò pertanto, più brevemente che potrò, giacché non ho nulla da insegnarti, soltanto qualcosa da ricordarti.

Apologia (Apuleio)

Brano 49Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Plato philosophus in illo praeclarissimo Timaeo caelesti quadam facundia uniuersum mundum molitus, [is] igitur postquam de nostri quoque animi trinis potestatibus sollertissime disseruit et, cur quaeque membra nobis diuina prouidentia fabricata sint, aptissime docuit, causam morborum omnium trifariam percenset. primam causam primordiis corporis adtribuit, si ipsae elementorum qualitates, uuida et frigida et h[i]is duae aduorsae, non congruant; id adeo euenit, cum quaepiam earum modo excessit aut loco demigrauit. sequens causa morborum inest in eorum uitio, quae iam concreta ex simplicibus elementis una tamen specie coaluerunt, ut est sanguinis species et uisceris et ossi et medullae, porro illa quae ex hisce singularibus mixta sunt. tertio in corpore concrementa uarii fellis et turbidi spiritus et pinguis humoris nouissima aegritudinum incitamenta sunt.

Traduzione:

Il filosofo Platone in quel suo preclarissimo Timeo, con eccelsa eloquenza, costruì il piano di tutto l’universo. Dopo aver trattato con sommo accorgimento delle tre potestà dell’anima umana e aver esattamente esposto perché ciascuno dei nostri membri è opera di una divina provvidenza, dimostra infine, sotto tre punti di vista, la causa di tutte le malattie. La prima causa attribuisce ai principi costitutivi dei corpi: se le qualità di questi elementi, l’umido e il freddo, e il loro contrario, il secco e il caldo, non armonizzino tra loro: e ciò avviene per eccesso o spostamento di qualcuno di essi. La seconda causa delle malattie sta nei viziosi prodotti di questi elementi semplici, quando siano già rappresi e combinati in un tutto specificamente definito, come il sangue, le carni, le ossa, il midollo: e ancora in tutto ciò di vizioso che risulta da queste singole parti. In terzo luogo finalmente le concrezioni formate nei corpi dalla ineguaglianza della bile, dalla torbidezza dello spirito e dalla densità degli umori, danno stimolo al male.

Apologia (Apuleio)

Brano 50Apologia (Apuleio):

Testo originale:

quorum e numero praecipuast materia morbi comitialis, de quo dicere exorsus sum, cum caro in humorem crassum et spumidum inimico igni conliquescit et spiritu indidem parto ex candore compressi aeris albida et tumida tabes fluit. ea namque tabes si foras corporis prospirauit, maiore dedecore quam noxa diffunditur; pectoris enim primorem cutim uitiligine insignit et omnimodis maculationibus conuariat. sed cui hoc usu uenerit, numquam postea comitiali morbo adtemptatur; ita aegritudinem animi grauissimam leui turpitudine corporis compensat. enimuero si perniciosa illa dulcedo intus cohibita et bili atrae sociata uenis omnibus furens peruasit, dein ad summum caput uiam molita dirum fluxum cerebro immiscuit, ilico regalem partem animi debilitat, quae ratione pollens uerticem hominis uelut arcem et regiam insedit. eius quippe diuinas uias et sapientis meatus obruit et obturbat; quod facit minore pernicie per soporem, cum potu et cibo plenos comitialis morbi praenuntia strangulatione modice angit. sed si usque adeo aucta est, ut etiam uigilantium capiti offundatur, tum uero repentino mentis nubilo obtorpescunt et moribundo corpore, cessante animo cadunt. eum nostri non modo maiorem et comitialem, uerum etiam diuinum morbum, ita ut Graeci [?], uere nuncuparunt, uidelicet quod animi partem rationalem, quae longe sanctissimast, eam uiolet.

Traduzione:

Di qui viene il principale alimento alla epilessia, della quale ho cominciato a parlare. Quando la carne per un fuoco che la strugge, si discioglie in un umore crasso e schiumoso, si genera quindi un vapore: e dall’accensione dell’aria compressa fluisce un liquido corrotto, biancastro e ribollente. Questo liquido, se può traspirar fuori, si diffonde con più laidezza che danno: infatti screzia di vitiligini l’epidermide del petto e la chiazza di svariatissime macchie; ma chi tenga questo corso del male, non è più assalito dall’epilessia: e così sconta una gravissima infermità dello spirito con un lieve deturpamento del corpo. Ma se quella perniciosa sierosità, rattenuta nell’interno e associata alla nera bile si spande furiosa in tutte le vene e fattasi una via fino alla sommità del capo, riversa il suo terribile flusso nel cervello, debilita subito quella regale parte dell’anima che col dominio della ragione occupa come rocca e reggia il vertice dell’uomo; e ne oscura e sconvolge le divine vie e i sentieri della saggezza. Gli effetti sono meno rovinosi durante il sonno, quando gli ammalati pieni di bevanda e di cibo, sono presi da uno strozzamento non molto tormentoso che annunzia l’attacco epilettico; ma se la tabe si accresce tanto da riversarsi nel capo degli ammalati anche quando siano svegli, allora con la mente a un tratto ottenebrata, si irrigidiscono e col corpo tramortito, privi di sentimento, cadono giù. Questa malattia noi chiamiamo non soltanto morbo maggiore o comiziale, ma anche morbo sacro, come i Greci giustamente, perché profana la parte razionale dell’anima, che è quella più santa.

Apologia (Apuleio)

Brano 51Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Agnoscis, Maxime, rationem Platonis quantum potui pro tempore perspicue explicatam; cui ego fidem arbitratus causam diuini morbi esse, cum illa pestis in caput redu[n]dauit, haudquaquam uideor de nihilo percontatus, an esset mulieri illi caput graue, ceruix torpens, tempora pulsata, aures sonorae. [et] ceterum, quod dexterae auris crebriores tinnitus fatebatur, signum erat morbi penitus adacti; nam dextera corporis ualidiora sunt eoque minus spei ad sanitatem relinquunt, cum et ipsa aegritudini succumbunt. Aristoteles adeo in problematis scriptum reliquit, quibuscumque caducis a dextero morbus occipiat, eorum esse difficiliorem medelam. longum est, si uelim Theophrasti quoque sententiam de eodem morbo recensere; est enim etiam eius egregius liber de caducis. quibus tamen in alio libro, quem de inuidentibus animalibus conscribsit, remedio esse ait exuuias stelionum, quas uelut senium more ceterorum serpentium temporibus statutis exuant; sed nisi confestim eripias, malignone praesagio an naturali adpetentia ilico conuertuntur et deuorant. haec idcirco commemoraui, nobilium philosophorum disputata simul et libros sedulo nominaui nec ullum ex medicis aut poetis uolui attingere, ut isti desinant mirari, si philosophi suapte doctrina causas morborum et remedia nouerunt. igitur cum ad inspiciendum mulier aegra curationis gratia ad me perducta sit atque hoc et medici confessione qui adduxit ad [me et] mea ratiocinatione recte factum esse conueniat, aut constituant magi et malefici hominis esse morbis mederi, aut si hoc dicere non audent, fateantur se in puero et muliere caducis uanas et prorsus caducas calumnias intendisse.

Traduzione:

Riconosci, Massimo, la teoria di Platone esposta, per quanto ho potuto, chiaramente, data l’urgenza del momento. E giacché io penso con Platone che il morbo sacro è prodotto dall’affluire di quella peste nel capo, credo di aver avuto ragione di domandare a quella donna se avesse pesantezza di testa, torpore alla nuca, pulsazioni alle tempie e ronzio alle orecchie. E poiché essa accusava più frequenti ronzii all’orecchio destro, era segno questo di male assai progredito, perché la parte destra del corpo essendo la più forte, lascia meno speranza di guarigione, quando essa stessa soccombe alla malattia. Aristotele, nei Problemata, lasciò scritto che gli epilettici colti in principio dal male al lato destro, si salvano più difficilmente. Sarebbe lungo riferire l’opinione di Teofrasto sulla medesima malattia; anche di lui esiste un eccellente libro sugli epilettici, ai quali in un altro libro sulla gelosia degli animali, indica come rimedio la pelle di cui le tarantole, alla pari degli altri rettili, si spogliano in determinate epoche, come di un vecchio abito. Bisogna però sottrarre subito quelle spoglie perché altrimenti o per un presentimento geloso o per istintiva appetenza, si rivoltano subito e le divorano. Ho ricordato queste opinioni di filosofi illustri e ho citato diligentemente i loro libri, lasciando volutamente da parte medici e poeti, perché costoro smettano di stupirsi che filosofi conoscano, per necessità della loro dottrina, le cause e i rimedi delle malattie. Concludendo: una donna ammalata fu condotta da me a scopo di cura: essendo questa cosa ben fatta sia per confessione del medico che quella donna accompagnò, sia per mio ragionamento, stabiliscano i miei avversari che o è proprio di un mago e di un malefico uomo curare le malattie o, se questo non osano dire, confessino di avere rivolto, quanto al fanciullo e alla donna caduca, delle vane e veramente caduche calunnie.

Apologia (Apuleio)

Brano 52Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Immo enim si uerum uelis, Aemiliane, tu potius caducus qui iam tot calumniis cecidisti. neque enim grauius est corpore quam corde collabi, pede potius quam mente corruere, in cubiculo despui quam in isto splendidissimo coetu detestari. at tu fortasse te putas sanum, quod non domi contineris, sed insaniam tuam, quoquo te duxerit, sequeris. atqui contende, si uis, furorem tuum cum Thalli furore: inuenies non permultum interesse, nisi quod Thallus sibi, tu etiam aliis furis. ceterum Thallus oculos torquet, tu ueritatem, Thallus manus contrahit, tu patronos, Thallus pauimentis inliditur, tu tribunalibus; postremo ille quidquid agit in aegritudine facit, ignorans peccat: at tu, miser, prudens et sciens delinquis, tanta uis morbi te instigat; falsum pro uero insimulas, infectum pro facto criminaris, quem innocentem liquido scis, tamen accusas ut nocentem.

Traduzione:

Anzi, a dire il vero, tu piuttosto caduco, Emiliano, che sei caduto ormai sotto il peso di tante calunnie. Infatti non è più grave cosa il deliquio del corpo che quello dello spirito, andar giù col piede anziché col cervello, essere coperti di sputi nella propria camera che di maledizioni in questa così splendida assemblea. Forse ti credi sano perché non sei chiuso in casa e segui la tua pazzia dovunque essa ti conduca. Eppure, confronta, se vuoi, il tuo furore con quello di Tallo; troverai che la differenza non è molta, se non che Tallo infuria con sé, tu anche con gli altri; Tallo storce gli occhi, tu la verità; Tallo contrae le mani, tu gli avvocati; Tallo batte la testa contro il pavimento, tu contro il tribunale; finalmente, egli, qualunque cosa faccia, la fa per malattia, pecca senza avvedersene: tu, miserabile, pecchi previdente e sciente, tanta è la violenza del male che ti istiga; insinui il falso, come vero; ciò che non è fatto incolpi come fatto; colui che ti risulta con certezza innocente, accusi tuttavia come colpevole.

Apologia (Apuleio)

Brano 53Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Quin etiam — quod praeterii — sunt quae fatearis nescire, et eadem rursus, quasi scias, criminari[s]. ais enim me habuisse quaedam sudariolo inuoluta apud lares Pontiani. ea inuoluta quae et cuius modi fuerint, nescisse te confiteris, neque praeterea quemquam esse qui uiderit; tamen illa contendis instrumenta magiae fuisse. nemo tibi blandiatur, Aemiliane: non est in accusando uersutia ac ne impudentia quidem, ne tu arbitreris. quid igitur? furor infelix acerbi animi et misera insania crudae senectutis. his enim paene uerbis cum tam graui et perspicaci iudice egisti: ‘habuit Apuleius quaepiam linteolo inuoluta apud lares Pontiani. haec quoniam ignoro quae fuerint, iccirco magica fuisse contendo. crede igitur mihi quod dico, quia id dico quod nescio.’ o pulchra argumenta et aperte crimen reuincentia. ‘hoc fuit, quoniam quid fuerit ignoro.’ solus repertus es, Aemiliane, qui scias etiam illa quae nescis; tantum super omnis stultitia euectus es, quippe qui sollertissimi et acerrimi philosophorum ne is quidem confidendum esse aiunt quae uidemus, at tu de illis quoque adfirmas, quae neque conspexisti umquam neque audisti. Pontianus si uiueret atque eum interrogares, quae fuerint in illo inuolucro, nescire se responderet. libertus eccille, qui clauis eius loci in hodiernum habet et a uobis stat, numquam se ait inspexisse, quanquam ipse aperiret utpote promus librorum, qui illic erant conditi, paene cotidie et clauderet, saepe nobiscum, multo saepius solus intraret, linteum in mensa positum cerneret sine ullo sigillo, sine uinculo. quidni enim? magicae res in eo occultabantur: eo neglegentius adseruabam, sed enim libere scrutandum et inspiciendum, si liberet, etiam auferendum temere exponebam, alienae custodiae commendabam, alieno arbitrio permittebam. quid igitur inpraesentiarum uis tibi credi? quodne Pontianus nescierit, qui indiuiduo contubernio mecum uixit, id te scire, quem numquam uiderim nisi pro tribunali? an quod libertus adsiduus, cui omnis facultas inspiciendi fuit, quod is libertus non uiderit, te qui numquam eo accesseris uidisse? denique ut, quod non uidisti, id tale fuerit, quale dicis: atqui, stulte, si hodie illud sudariolum tu intercepisses, quicquid ex eo promeres, ego magicum negarem.

Traduzione:

C’è di più: e dimenticavo di parlarne. Ci sono cose che tu confessi di ignorare, eppure le denunci come le conoscessi. Affermi che io, presso i Lari di Ponziano, tenevo avvolti in un fazzoletto alcuni oggetti. Quali fossero questi oggetti e di che natura, confessi di non saperlo: e aggiungi che nessuna persona li ha mai visti. Non di meno sostieni che erano strumenti di magia. Non ti si faranno dei complimenti, Emiliano: nel tuo mestiere di accusatore non mostri né astuzia né impudenza: credilo pure. Mostri lo sterile furore di un animo invidioso e la miserabile follia di una selvaggia vecchiaia. Ecco press’a poco il discorso che hai fatto a un giudice così. grave e perspicace. “Apuleio teneva alcuni oggetti avvolti in un lino presso i Lari di Ponziano; ignoro quali fossero tali oggetti, e perciò sostengo fossero oggetti di magia. Credi dunque a quello che dico, perché dico quello che ignoro”. Bellissimi argomenti, che non lasciano dubbi sull’accusato: “questo fu perché ignoro ciò che fu”. Ci sei tu solo al mondo, Emiliano, che sai anche quello che non sai. Per la sciocchezza ti innalzi sopra tutti, giacché i più esperti ed acuti filosofi dicono che non dobbiamo prestar fede neppure alle cose che vediamo, mentre tu parli con sicurezza anche delle cose che non hai né viste né intese. Ponziano se vivesse e tu gli chiedessi cosa c’era in quell’involucro, risponderebbe di non saperlo. Ecco qui: il liberto che tiene ancora le chiavi della stanza, e che è dalla vostra parte, dichiara di non aver mai esaminato quell’oggetto: e sa che egli, come custode dei libri là conservati, apriva e chiudeva quasi ogni giorno; entrava spesso con noi, più spesso solo, vedeva il pannolino posto su una tavola, senza sigillo né legame. Perché no? Là dentro c’erano nascosti oggetti magici: appunto perciò lo conservavo con tanta negligenza; anzi lo esponevo liberamente alla curiosità e alla vista di chi potesse anche, volendo, portarlo via; lo affidavo all’altrui custodia, lo abbandonavo all’altrui discrezione. Come vuoi, ora, che ti si creda? Ciò che ignorò Ponziano, il quale convisse con me inseparabilmente, si può mai credere lo sappia proprio tu, di cui vedo soltanto ora, dinanzi al tribunale, la faccia? Ciò che il liberto sempre presente, che aveva ogni facilità di guardare, ciò che quel liberto non ha visto, lo hai visto tu che non hai mai veduto, sia come dici tu. Ebbene, povero sciocco, se oggi tu avessi intercettato quel fazzoletto, qualunque oggetto tu ne traessi fuori, io negherei che sia magico.

Apologia (Apuleio)

Brano 54Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Tibi adeo permitto, finge quiduis, [r]eminiscere, excogita, quod possit magicum uideri: tamen de eo tecum decertarem. aut ego subiectum dicerem aut remedio acceptum aut sacro traditum aut somnio imperatum; mille alia sunt quibus possem more communi et uulgatissima obseruationum consuetudine uere refutare. nunc id postulas, ut, quod deprehensum et detentum tamen nihil me apud bonum iudicem laederet, id inani suspicione incertum et incognitum condemnet. haud sciam an rursus, ut soles, dicas: ‘quid ergo illud fuit, quod linteo tectum apud lares potissimum deposuisti?’ itane est, Aemiliane? sic accusas, ut omnia a reo percontere, nihil ipse adferas cognitum. ‘quam ob rem piscis quaeris?’ ‘cur aegram mulierem inspexisti?’ ‘quid in sudario habuisti?’ utrum tu accusatum an interrogatum uenisti? si accusatum, tute argue quae dicis, si interrogatum, noli praeiudicare, quid fuerit, quod ideo te necesse est interrogare, quia nescis. ceterum hoc quidem pacto omnes homines rei constituentur, si ei, qui nomen cuiuspiam detulerit, nulla necessitas sit probandi, omnis contra facultas percontandi. quippe omnibus sic, ut forte negotium magiae facessitur, quicquid omnino egerint obicietur. uotum in alicuius statuae femore signasti: igitur magus es; aut cur signasti? tacitas preces in templo deis allegasti: igitur magus es; aut quid optasti? contra: nihil in templo precatus es: igitur magus es; aut cur deos non rogasti? similiter, si posueris donum aliquod, si sacrificaueris, si uerbenam sumpseris. dies me deficiet, si omnia uelim persequi, quorum rationem similiter calumniator flagitabit. praesertim quod conditum cumque, quod obsignatum, quod inclusum domi adseruatur, id omne eodem argumento magicum dicetur aut e cella promptaria in forum atque in iudicium proferetur.

Traduzione:

Fai pure come vuoi, immagina, inventa, escogita ciò che possa apparire magico: ti confuterei sempre: direi che si tratta di una sostituzione o di un oggetto per guarigione, per sacrificio, per incubazione: e mille altre spiegazioni conformi a verità potrei opporre secondo le comuni abitudini e le pratiche più generalmente osservate. Ora quella tal cosa che, se anche fosse raccolta e trattenuta, dinanzi a un giudice onesto non mi apporterebbe alcun danno, tu vuoi che, senza essere accertata e conosciuta, per un vuoto sospetto, mi faccia condannare. Potrebbe darsi che tu ancora dica, secondo il solito: ma insomma che era quella cosa che coperta da un lino deponesti proprio lì, presso i Lari? Ah così è, Emiliano? Tu sei un accusatore che chiede tutto all’imputato e da sé non porta niente di preciso: “perché fai ricerca di pesci? perché hai esaminato la donna malata, che cosa avevi nel fazzoletto? Sei venuto ad accusare o ad interrogare?” Se ad accusare devi proprio tu provare quello che dici; se ad interrogare non anticipare giudizi su ciò che sei costretto a domandare, appunto perché ignori. In questo modo tutti gli uomini si potrebbero processare se il denunciatore non avesse alcun obbligo di prova e avesse invece ogni facoltà di interrogare. A ciascuno così, non appena lo si abbia incolpato di magia, si potrà imputare qualunque cosa avrò fatto. Hai scritto un voto sulla gamba di qualche statua: dunque, sei mago; altrimenti, perché quel voto? Ti sei rivolto nel tempio con tacita preghiera agli dei, dunque sei mago: se no, che cosa hai chiesto? E al contrario: sei stato nel tempio senza pregare: dunque, mago; allora perché non hai invocato gli dei? Lo stesso accadrebbe se tu avessi deposto un dono, fatto un sacrificio, preso della verbena. La giornata non mi basterebbe se volessi enumerare tutti i fatti di cui un accusatore di malafede chiederebbe ugualmente ragione. Tutto quanto si tiene riposto, sigillato, chiuso in casa, in virtù della stessa argomentazione, sarà detto magico, oppure si dovrà cavare dall’armadio e presentare nel foro, in tribunale.

Apologia (Apuleio)

Brano 55Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Haec quanta sint et cuiusce modi, Maxime, quantusque campus calumniis hoc Aemiliani tramite aperiatur, quantique sudores innocentibus hoc uno sudariolo adferantur, possum equidem pluribus disputare, sed faciam quod institui: etiam quod non necesse est confitebor et interrogatus ab Aemiliano respondebo. interrogas, Aemiliane, quid in sudario habuerim. at ego quanquam omnino positum ullum sudarium meum in bybliotheca Pontiani possim negare ac, [si] maxime fuisse concedam, tamen habeam dicere nihil in eo inuolutum fuisse, — quae si dicam, neque testimonio aliquo neque argumento reuincar, nemo est enim qui attigerit, unus libertus, ut ais, qui uiderit — tamen, inquam, per me licet fuerit refertissimum. sic enim, si uis, arbitrare, ut olim Vlixi socii thesaurum repperisse arbitrati sunt, cum utrem uentosissimum manticularentur. uin dicam, cuius modi illas res in sudario obuolutas laribus Pontiani commendarim? mos tibi geretur. Sacrorum pleraque initia in Graecia participaui. eorum quaedam signa et monumenta tradita mihi a sacerdotibus sedulo conseruo. nihil insolitum, nihil incognitum dico. uel unius Liberi patris mystae qui adestis scitis, quid domi conditum celetis et absque omnibus profanis tacite ueneremini. at ego, ut dixi, multiiuga sacra et plurimos ritus et uarias cerimonias studio ueri et officio erga deos didici. nec hoc ad tempus compono, sed abhinc ferme triennium est, cum primis diebus quibus Oeam ueneram p[l]ublice disserens de Aesculapii maiestate eadem ista prae me tuli et quot sacra nossem percensui. ea disputatio celebratissima est, uulgo legitur, in omnibus manibus uersatur, non tam facundia mea quam mentione Aesculapii religiosis Oeensibus commendata. dicite aliquis, si qui forte meminit, huius loci principium. — audisne, Maxime, multos suggerentis? immo, ecce etiam liber offertur. recitari ipsa haec iubebo, quoniam ostendis humanissimo uultu auditionem te istam non grauari.

Traduzione:

Quanti e quali mai sarebbero siffatti procedimenti, o Massimo, e che largo campo alle calunnie si aprirebbe su questo sentiero di Emiliano: e quanti fazzoletti di sudore un semplice fazzoletto farebbe versare agli innocenti; è questo un tema su cui avrei più cose da dire: ma seguirò la via che mi sono imposta. Anche quando potrei dispensarmene, confesserò, e interrogato da Emiliano, risponderò. Tu domandi, Emiliano, che cosa avevo in quel fazzoletto. Potrei affermare di non aver affatto deposto alcun fazzoletto nella biblioteca di Ponziano e, se anche ne volessi ammettere pienamente l’esistenza, potrei dire che niente vi era avvolto, e a questa asserzione non si potrebbe opporre né testimonianza né argomento alcuno, poiché nessuno toccò, e un solo liberto, come tu dici, vide; tuttavia, per quanto sta a me, quel fazzoletto era pieno zeppo. Pensalo pure, se vuoi, come quella volta pensarono i compagni di Ulisse, i quali credevano di aver trovato un tesoro e rubarono un otre pieno di venti. Vuoi ti dica di che genere fossero gli oggetti avvolti nel fazzoletto e confidati ai Lari di Ponziano? Sarai soddisfatto. Sono stato iniziato in Grecia a un gran numero di culti e conservo accuratamente i segni e i simboli che mi furono consegnati dai sacerdoti. Nulla di insolito, dico, nulla di sconosciuto. E anche voi, quanti siete qui presenti, iniziati anche ai soli misteri di Libero Padre, sapete quale oggetto tenete in casa nascosto ed in silenzio adorate, lungi da tutti i profani. Ma io, come ho detto, diversi culti e moltissimi riti e varie cerimonie per amore della verità e per dovere verso gli dei, ho voluto conoscere. E non è questa una favola inventata per la circostanza. Circa tre anni addietro, nei primi giorni del mio arrivo in Oea, in una pubblica conferenza sulla maestà di Esculapio, feci questa medesima dichiarazione e annoverai i misteri che conoscevo. Quel discorso è celebratissimo; si legge dovunque ed è tra le mani di tutti, raccomandato ai religiosi di Oea non tanto dalla mia facondia quanto dal nome di Esculapio. (Si rivolge al pubblico.) Qualcuno di voi dica, se per caso se ne ricorda, il principio di quel passo. (Voci del pubblico ripetono le parole del passo.) Senti, Massimo, quanti se ne ricordano? Oh ecco: mi viene offerto il testo del discorso: farò leggere il passo, giacché, dalla grande benevolenza del tuo volto, dimostri che non ti sarà fastidioso ascoltare. (Viene letto il brano della orazione.)

Apologia (Apuleio)

Brano 56Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Etiamne cuiquam mirum uideri potest, cui sit ulla memoria religionis, hominem tot mysteriis deum conscium quaedam sacrorum crepundia domi adseruare atque ea lineo texto inuoluere, quod purissimum est rebus diuinis uelamentum? quippe lana, segnissimi corporis excrementum, pecori detracta iam inde Orphei et Pythagorae scitis profanus uestitus est; sed enim mundissima lini seges inter optumas fruges terra exorta non modo indutui et amictui sanctissimis Aegyptiorum sacerdotibus, sed opertui quoque rebus sacris usurpatur. atque ego scio nonnullos et cum primis Aemilianum istum facetiae sibi habere res diuinas deridere. nam, ut audio partim Oe[e]nsium qui istum nouere, nulli deo ad hoc aeui supplicauit, nullum templum frequentauit, si fanum aliquod praetereat, nefas habet adorandi gratia[m] manum labris admouere. iste uero nec dis rurationis, qui eum pascunt ac uestiunt, segetis ullas aut uitis aut gregis primitias impertit; nullum in uilla eius delubrum situm, nullus locus aut lucus consecratus. ecquid ego de luco et delubro loquor? negant uidisse se qui fuere unum saltem in finibus eius aut lapidem unctum aut ramum coronatum. igitur adgnomenta ei duo indita: Charon, ut iam dixi, ob oris et animi diritatem, sed alterum, quod libentius audit, ob deorum contemptum, Mezentius. quapropter facile intellego hasce ei tot initiorum enumerationes nugas uideri, et fors anne ob hanc diuini contumaciam non inducat animum uerum esse quod dixi, me sanctissime tot sacrorum signa et memoracula custodire. sed ego, quid de me Mezentius sentiat, manum non uorterim, ceteris autem clarissima uoce profiteor: si qui forte adest eorundem sollemnium mihi particeps, signum dato, et audias licet quae ego adseruem. nam equidem nullo umquam periculo compellar, quae reticenda accepi, haec ad profanos enuntiare.

Traduzione:

Chi abbia qualche notizia di religione si stupirà che un uomo iniziato a tanti divini misteri conservi in casa simboli di sacre cerimonie e li tenga avvolti in un tessuto di lino, il velo più puro per oggetti consacrati? Giacché la lana, escrescenza di un pigrissimo corpo detratta alla pecora, è già, secondo i precetti di Orfeo e Pitagora riservata alle vesti dei profani; invece la purissima pianta del lino, tra i più nobili frutti della terra, non solo serve di rivestimento e di abbigliamento ai santissimi sacerdoti dell’Egitto, ma si adopera anche per coprire gli oggetti sacri. Io so bene che taluni, Emiliano in prima fila, trovano divertente la derisione delle cose divine, perché, come sento dire dagli abitanti di Oea che lo conoscono, egli non ha mai supplicato nessun Dio, non ha frequentato nessun tempio; se passa davanti a un luogo sacro ritiene empietà accostare la mano alle labbra in segno di adorazione. Costui neppure agli dei della campagna, che lo nutrono e lo vestono, offre mai qualche primizia delle sue messi, delle sue vigne, del suo gregge; nessun santuario è nella sua villa, nessun luogo o bosco consacrato. A che parlo di santuari e di boschi? Coloro che ci sono stati affermano di non aver veduto dentro i confini dei suoi campi una sola pietra unta o un ramo inghirlandato. Perciò gli furono imposti due soprannomi: quello di Caronte, come ho detto, per la ferocia del volto e dell’animo, e l’altro, che gli è più gradito, di Mezentio, per il disprezzo della divinità. Perciò mi è facile capire che tutte queste enumerazioni di misteri gli sembrino delle stupidaggini e, per codesto suo spregio delle cose divine, può essere che egli non creda alla verità delle mie parole, allorché dicevo della venerazione onde custodisco i simboli e i ricordi di tante sacre cerimonie. Ma io, qualunque cosa pensi di me Mezentio, non alzerei un dito; agli altri ad altissima voce dichiaro: se qualcuno c’è qui, iniziato con me ai medesimi misteri, dia un segno di riconoscimento: e potrà sentire quali sono gli oggetti da me custoditi: perché non c’è pericolo che possa indurmi a divulgare dinanzi ai profani ciò che mi è stato confidato con l’obbligo del silenzio.

Apologia (Apuleio)

Brano 57Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Vt puto, Maxime, satis uideor cuiuis uel iniquissimo animum explesse et, quod ad sudarium pertineat, omnem criminis maculam detersisse, ac bono iam periculo ad testimonium illud Crassi, quod post ista quasi grauissimum legerunt, a suspicionibus Aemiliani transcensurus. testimonium ex libello legi audisti gumiae cuiusdam et desperati lurconis Iuni Crassi, me in eius domo nocturna sacra cum Appio Quintiano amico meo factitasse, qui ibi mercede deuersabatur. idque se ait Crassus, quamquam in eo tempore uel Alexandreae fuerit, tamen taedae fumo et auium plumis comperisse. scilicet eum, cum Alexandreae symposia obiret — est enim Crassus iste, qui non inuitus de die in ganeas conrepat — , in illo cauponii nidore pinnas de penatibus suis aduectas aucupatum, fumum domus suae adgnouisse patrio culmine longe exortum. quem si oculis uidit, ultra Vlixi uota et desideria hic quidem est oculatus; Vlixes fumum terra sua emergentem compluribus annis e litore prospectans frustra captauit: Crassus in paucis quibus afuit mensibus eundem fumum sine labore in taberna uinaria sedens conspexit. sin uero naribus nidorem domesticum praesensit, uincit idem sagacitate odorandi canes et uulturios; cui enim cani, cui uulturio Alexandrini caeli quicquam abusque Oeensium finibus oboleat? est quidem Crassus iste summus helluo et omnis fumi non imperitus, sed profecto pro studio bibendi, quo solo censetur, facilius ad eum Alexandria[m] uini aura quam fumi perueniret.

Traduzione:

Mi pare, Massimo, di aver detto abbastanza per soddisfare anche l’animo più maldisposto: e quanto al fazzoletto, di aver tolto ogni macchia di peccato. Sicché ormai dalle supposizioni di Emiliano sicuramente passerà a quella famosa testimonianza di Crasso. Avete ascoltato la lettura di una deposizione scritta fatta da un certo ghiottone e lurcone disperato, Giunio Crasso; che io, cioè, nella sua casa, con il mio amico Appio Quinziano, che stava lì a pigione, abbia fatto dei sacrifici notturni; e quantunque Crasso sia stato in quel tempo precisamente in Alessandria, tuttavia dice di avere scoperta la cosa mediante fumo di torce e penne di uccelli. E già: egli è uomo che si trascina ben volentieri di giorno nelle taverne: così mentre in Alessandria faceva baldoria, in mezzo a quelle esalazioni di osteria, diede la caccia alle penne che venivano dai suoi Penati e riconobbe il fumo che sorgeva lontano dal culmine della patria dimora. E se lo vide con gli occhi, più di quanto fosse nei voti e nei desideri di Ulisse, egli è veramente occhiuto. Ulisse cercò invano in tanti anni di vedere dalla spiaggia il fumo che saliva dalla sua terra; Crasso, in pochi mesi di assenza, quel medesimo fumo ha visto senza fatica, stando a sedere in una bettola. Se poi avvertì con le narici quell’odore domestico, egli vince per finezza di fiuto i cani e gli avvoltoi; infatti a qual cane, a quale avvoltoio del cielo alessandrino può giungere l’odore di alcuna cosa che venga dalle terre di Oea? È veramente codesto Crasso un sommo ghiottone, conoscitore di ogni fumo, ma in grazia della sua passione per il vino, per cui soltanto è tenuto di conto, è più facile gli sia giunto ad Alessandria l’odore del vino che quello del fumo.

Apologia (Apuleio)

Brano 58Apologia (Apuleio):

Testo originale:

intellexit hoc et ipse incredibile futurum; nam dicitur ante horam diei secundam ieiunus adhuc et abstemius testimonium istud uendidisse. igitur scripsit haec se ad hunc modum comperisse: postquam Alexandria reuenerit, domum suam recta contendisse, qua iam Quintianus migrarat; ibi in uestibulo multas auium pinnas offendisse, praeterea parietes fuligine deformatos; quaesisse causas ex seruo suo, quem Oeae reliquerit, eumque sibi de meis et Quintiani nocturnis sacris indicasse. quam uero subtiliter compositum et uerisimiliter commentum me, si quid eius facere uellem, non domi meae potius facturum fuisse, Quintianum istum, qui mihi assistit, quem ego pro amicitia quae mihi cum eo artissima est proque eius egregia eruditione et perfectissima eloquentia honoris et laudis gratia nomino, hunc igitur Quintianum, si quas auis in cena habuisset aut, quod aiunt, magiae causa interemisset, puerum nullum habuisse, qui pinnas conuerreret et foras abiceret; praeterea fumi tantam uim fuisse, ut parietes atros redderet, eamque deformitatem, quoad habitauit, passum in cubiculo suo Quintianum. nihil dicis, Aemiliane, non est ueri simile, nisi forte Crassus non in cubiculum reuersus perrexit, sed suo more recta ad focum. unde autem seruus Crassi suspicatus est noctu potissimum parietes fumigatos? an ex fumi colore? uidelicet fumus nocturnus nigrior est eoque diurno fumo differt. cur autem suspicax seruus ac tam diligens passus est Quintianum migrare prius quam mundam domum redderet? cur illae plumae quasi plumbeae tam diu aduentum Crassi manserunt? non insimulet Crassus seruum suum: ipse haec potius de fuligine et pinnis mentitus est, dum non potest nec in testimonio dando discedere longius a culina.

Traduzione:

Ha capito anche lui che la cosa non sarebbe stata credibile; infatti si dice abbia rilasciata per denaro codesta testimonianza, prima della seconda ora del giorno, senza avere ancora mangiato né bevuto. Scrisse dunque di avere in questo modo fatto la scoperta: ritornato in Alessandria, filò diritto a casa sua che Quinziano aveva già lasciata; e qui, nel vestibolo, trovò molte penne di uccelli e le pareti imbrattate di fuliggine; ne chiese il motivo al servo rimasto in Oea, e quello gli rivelò i sacrifici notturni fatti da me e Quinziano. Ecco davvero una favola bene ordita ed una verosimile invenzione: io dunque, se avessi voluto fare una cosa di tal genere, non avrei preferito la mia casa; e Quinziano, questo qui che mi assiste e che io per la strettissima amicizia che ci lega, per la sua eccellente cultura e la sua impeccabile eloquenza nomino a titolo di onore e di merito, questo Quinziano, dunque, se avesse avuto degli uccelli a pranzo o se, come dicono, li avesse uccisi per pratiche di magia, non aveva proprio nessun garzone che potesse spazzare le penne e gettarle fuori di casa? E il fumo avrebbe avuto tanta forza da annerire le pareti e Quinziano, finché vi abitò, avrebbe tollerato nella sua camera quelle brutture di pareti affumicate? Tu non dici nulla, Emiliano; e infatti non c’è nessuna verosimiglianza, a meno che Crasso invece che in camera non sia andato difilato, secondo il suo costume, in cucina. E da dove il servo di Crasso trasse il sospetto che le pareti erano state affumicate precisamente di notte? Forse dal colore del fumo? Si vede che il fumo notturno è più nero e differisce da quello diurno. E come mai questo servo sospettoso e diligente permise che Quinziano lasciasse l’alloggio senza ripulire la casa? Perché quelle piume, come fossero di piombo, attesero così a lungo l’arrivo di Crasso? Non accusi Crasso il suo schiavo. Di queste cose qui, fuliggine, penne, l’inventore è lui che neppure nel fare testimonianza riesce a stare troppo lontano dalla cucina.

Apologia (Apuleio)

Brano 59Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Cur autem testimonium ex libello legistis? Crassus ipse ubi gentium est? an Alexandriam taedio domus remeauit? an parietes suos detergit? an, quod uerius est, ex crapula helluo adtemptatur? nam equidem hic Sabratae cum hesterna die animaduerti satis notabiliter in medio foro tibi, Aemiliane, obructantem. quaere a nomenclatoribus tuis, Maxime, quamquam est ille cauponibus quam nomenclatoribus notior, tamen, inquam, interroga, an hic Iunium Crassum Oeensem uiderint; non negabunt. exhibeat nobis Aemilianus iuuenem honestissimum, cuius testimonio nititur. quid sit diei uides: dico Crassum iam dudum ebrium stertere, aut secundo lauacro ad repotia cenae obeunda uinulentum sudorem in balneo desudare. is tecum, Maxime, praesens per libellum loquitur, non quin adeo sit alienatus omni pudore, ut etiam, sub oculis tuis si foret, sine rubore ullo mentiretur, sed fortasse nec tantulum potuit ebria[mine] sibi temperare, ut hanc horam sobrie expectaret: aut potius Aemilianus de consilio fecit, ne eum sub tam seueris oculis tuis constitueret, ne tu beluam illam uulsis maxillis foedo aspectu de facie improbares, cum animaduertisses caput iuuenis barba et capillo populatum, madentis oculos, cilia turgentia, rictum [latum], saliuosa labia, uocem absonam, manuum tremorem, ructus popinam. patrimonium omne iam pridem abligurriuit, nec quicquam ei de bonis paternis superest, nisi una domus ad calumniam uenditandam, quam tamen numquam carius quam in hoc testimonio locauit; nam temulentum istud mendacium tribus milibus nummis Aemiliano huic uendidit, idque Oeae nemini ignoratur.

Traduzione:

Ma perché (si rivolge agli avvocati avversati) avete letto una deposizione scritta? Crasso in che paese si trova? Forse per tedio della casa e tornato ad Alessandria? Forse ripulisce le sue pareti? O, ciò che è più probabile, quel ghiottone è preso dalla sbornia? Perché, Emiliano, io l’ho notato ieri qui, a Sabrata, nel mezzo del foro, mentre ti ruttava in faccia. Domanda, Massimo, ai tuoi uscieri – sebbene egli sia più noto ai tavernieri che agli uscieri – domanda se qui abbiano visto Giunio Crasso di Oea. Non lo negheranno. Faccia venire Emiliano l’onorevolissimo giovane, della cui testimonianza si fa forte. Tu vedi che ora è. Io dico che Crasso russa ormai ubriaco da un pezzo: o che, preparandosi con un secondo lavacro a una seconda ribotta, distilla nel bagno il vinolento sudore. Egli, essendo qui a Sabrata, parla con te, Massimo, per mezzo di una denunzia scritta: non perché lo tenga lontano il pudore, che anche sotto i tuoi occhi mentirebbe senza rossore alcuno: ma forse perché il nostro ubriacone non ha potuto nemmeno per un tantino astenersi dal bicchiere ed aspettare sobriamente questa ora; o piuttosto Emiliano lo ha fatto con intenzione, per non esporre alla severità del tuo sguardo questo bruto dalle mascelle spelate, dall’aspetto ripugnante, che tu avresti giudicato solo a vedere quella testa giovanile senza più barba né capelli, gli occhi lacrimosi, le ciglia rigonfie, la bocca semiaperta, le labbra bavose, la voce stonata, le mani tremanti, una taverna di rutti. Il patrimonio se l’è bell’e mangiato da un pezzo, e dei beni paterni non gli resta che una casa, a far bottega di calunnie: la quale tuttavia egli non ha mai affittato a più alto prezzo che in occasione di questa testimonianza, perché codesta ubriaca menzogna l’ha venduta a Emiliano per tremila sesterzi. Nessuno lo ignora in Oea.

Apologia (Apuleio)

Brano 60Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Omnes hoc, antequam fieret, cognouimus, et potui denuntiatione impedire, nisi scirem mendacium tam stultum potius Aemiliano, qui frustra redimebat, quam mihi, qui merito contemnebam, obfuturum. uolui et Aemilianum damno adfici et Crassum testimonii sui dedecore prostitui. ceterum nudiustertius haudquaquam occulta res acta est in Rufini cuiusdam domo, de quo mox dicam, intercessoribus et deprecatoribus ipso Rufino et Calpurniano. quod eo libentius Rufinus perfecit, quod erat certus ad uxorem suam, cuius stupra sciens dissimulat, non minimam partem praemii eius Crassum relaturum. uidi te quoque, Maxime, coitionem aduersum me et coniurationem eorum pro tua sapientia suspicatum, simul libellus ille prolatus est, totam rem uultu aspernantem. denique quamquam sunt [in]solita audacia et importuna impudentia praediti tamen testimonio Crassi, cuius oboluisse faecem uidebant, — nec ipsi ausi sunt perlegere nec quicquam eo niti. uerum ego ista propterea commemoraui, non quod pinnarum formidines et fuliginis maculam te praesertim iudice timerem, sed ut ne impunitum foret [Crasso], crassum quod Aemiliano, homini rustico, fumum uendidit.

Traduzione:

Tutti conoscevano l’affare, prima che fosse concluso, e denunziandolo avrei potuto impedire quel mendacio, se non sapevo che una menzogna così stolta avrebbe nociuto a Emiliano che inutilmente la comperava e non a me che meritamente la disprezzavo. Questo io volevo: che Emiliano perdesse il suo denaro, e Crasso si prostituisse con la vergogna della sua testimonianza. Ieri l’altro, senza il minimo segreto, la cosa fu negoziata in casa di un certo Rufino, per le intercessioni e le insistenze dello stesso Rufino e di Calpurniano. E Rufino lo faceva tanto più volentieri in quanto era certo che buona parte del premio sarebbe toccata alla propria moglie, di cui, benché avvertito, finge di ignorare gli adulteri. Ho visto, Massimo, che tu sospettando nella tua chiaroveggenza l’intesa e la congiura loro contro di me, appena presentato il libello, mostravi nel volto il disgusto per tutta quella faccenda. E infine, nonostante la loro non comune audacia e la intollerabile impudenza, neppure essi osarono leggere sino in fondo né validamente adoperare quella testimonianza di cui sentivano il puzzo di feccia. Queste cose ho voluto ricordare non perché dinanzi a un giudice come te temessi gli spauracchi delle penne e le macchie di fuliggine, ma perché Crasso non avesse impunemente venduto del fumo a quel rozzo campagnolo di Emiliano.

Apologia (Apuleio)

Brano 61Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Unum etiam crimen ab illis, cum Pudentillae litteras legerent, de cuiusdam sigilli fabricatione prolatum est, quod me aiunt ad magica maleficia occulta fabrica ligno exquisitissimo comparasse et, cum sit [s]celeti forma turpe et horribile, tamen impendio colere et Graeco uocabulo $BASILE/A& nuncupare. nisi fallor, ordine eorum uestigia persequor et singillatim apprehendens omnem calumniae textum retexo. Occulta fuisse fabricatio sigilli quod dicitis qui potest, cuius uos adeo artificem non ignorastis, ut ei, praesto adesset, denuntiaueritis? en adest Cornelius Saturninus artifex, uir inter suos et arte laudatus et moribus comprobatus, qui tibi, Maxime, paulo ante diligenter sciscitanti omnem ordinem gestae rei summa cum fide et ueritate percensuit: me, cum apud eum multas geometricas formas e buxo uidissem subtiliter et adfabre factas, inuitatum eius artificio quaedam mechanica ut mihi elaborasset petisse, simul et aliquod simulacrum cuiuscumque uellet dei, cui ex more meo supplicassem, quacumque materia, dummodo lignea, exculperet. igitur primo buxeam temptasse[t]. interim dum ego ruri ago, Sicinium Pontianum priuignum meum, qui mihi factum uolebat, impetratos hebeni loculos a muliere honestissima Capitolina ad se attulisse, ex illa potius materia rariore et durabiliore uti faceret adhortatum: id munus cum primis mihi gratum fore. secundum ea se fecisse, proinde ut loculi[s] suppetebant. ita minutatim ex tabellis compacta crassitudine Mercuriolum expediri potuisse.

Traduzione:

Un’altra imputazione mi hanno mosso, leggendo lettere di Pudentilla. Si tratta di una certa statuetta che mi accusano di aver fatto fabbricare clandestinamente, con un legno sceltissimo, per i miei magici malefici: una brutta e orribile figura di scheletro che io avrei il coraggio di venerare intensamente invocandolo col nome greco di basilus. Se non m’inganno, vado seguendo passo passo i miei accusatori e, cogliendole una ad una, ritesso tutto il tessuto delle loro calunnie. Come potè essere occulta, secondo voi dite, la fabbricazione di una statuetta di cui non ignorate l’artefice, tanto che gli avete intimato di presentarsi? Eccolo, l’artefice: Cornelio Saturnino, uomo tra i suoi confratelli lodato per il talento e stimato per i costumi; il quale, a te che poco fa, Massimo, diligentemente lo interrogavi, ha esposto ordinatamente il fatto con somma fede e verità. Egli ha dichiarato che io, dopo aver visto presso di lui molte figure geometriche di bosso, lavorate con finezza e maestria, allettato dalla sua abilità, gli commisi, insieme con alcuni congegni, la statua di una divinità, a sua scelta, ch’io potessi, secondo il mio costume, supplicare; quanto alla materia, non mi importava la qualità, purché fosse di legno. Egli tentò prima con il legno di bosso. Poi, mentre ero in campagna, Sicinio Ponziano, mio figliastro, che voleva farmi cosa gradita, ottenuto da Capitolina, rispettabilissima signora, un cofano di ebano, lo portò a Saturnino, esortandolo a preferire per la statuetta quel legno più pregiato e resistente: quel dono, diceva, mi sarebbe stato particolarmente gradito. Seguendo i consigli di Ponziano egli lavorò siccome il materiale permetteva: così a poco a poco, da quelle tavolette di compatta spessezza, poté venir fuori un piccolo Mercurio.

Apologia (Apuleio)

Brano 62Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Haec ut dico omnia audisti. praeterea a filio Capitolinae probissimo adulescente, qui praesens est, sciscitante te eadem dicta sunt: Pontianum loculos petisse, Pontianum Saturnino artifici detulisse. etiam illud non negatur, Pontianum a Saturnino perfectum sigillum recepisse, postea mihi dono dedisse. his omnibus palam atque aperte probatis quid omnino superest, in quo suspicio aliqua magiae delitescat? immo quid omnino est, quod uos manifesti mendacii non reuincat? occulte fabricatum esse dixistis quo[d] Pontianus splendidissimus eques fieri curauit, quod Saturninus uir grauis et probe inter suos cognitus in taberna sua sedens propalam exculpsit, quod ornatissima matrona munere suo adiuuit, quod et futurum et factum multi cum seruorum tum amicorum qui ad me uentitabant scierunt. lignum a me toto oppido et quidem oppido quaesitum non piguit uos commentiri, quem [quem] afuisse in eo tempore scitis, quem ius[s]isse fieri qualicumque materia probatum est.

Traduzione:

Tutto questo hai sentito da Saturnino. Inoltre il figlio di Capitolina, giovanetto di grande rettitudine, qui presente, a tua domanda, ha detto che Ponziano aveva chiesto il cofano, e Ponziano lo aveva portato all’artefice Saturnino. Anche quello è stato ammesso: che Ponziano ricevette da Saturnino la statuetta, già bell’e pronta, e me la portò in dono. Chiaramente e apertamente dimostrato tutto questo, c’è una sola cosa in cui resti qualche sospetto di magia? Anzi c’è una sola cosa che non vi convinca di manifesto mendacio? Avete detto fabbricato nascostamente un oggetto che Ponziano, distintissimo cavaliere, fece fare; che Saturnino, uomo serio e fra i suoi compagni onorevolmente conosciuto, nella sua bottega, sedendo avanti a tutti, scolpì; che una signora ragguardevolissima favori con un suo dono; che quando si doveva fare e poi che fu fatto, fu noto a tanti servi, a tanti amici che venivano a trovarmi. Che io abbia cercato il legno per ogni quartiere della città, facendomi in quattro, non vi siete vergognati di dire falsamente, mentre sapete che in quel tempo ero assente ed è provato che avevo lasciato all’artefice la scelta del legname.

Apologia (Apuleio)

Brano 63Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Tertium mendacium uestrum fuit macilentam uel omnino euisceratam formam diri cadaueris fabricatam, prorsus horribilem et larualem. quodsi compertum habebatis tam e[n]uidens signum magiae, cur mihi ut exhiberem non denuntiastis? an ut possetis in rem absentem libere mentiri? cuius tamen falsi facultas opportunitate quadam meae consuetudinis uobis adempta est. nam morem mihi habeo, qu[o]quo eam, simulacrum alicuius dei inter libellos conditum gestare eique diebus festis ture et mero et aliquando uictima[s] supplicare. dudum ergo cum audire[m] sceletum perquam impudenti mendacio dictitari, iussi, curriculo iret aliquis et ex hospitio meo Mercuriolum afferret, quem mihi Saturninus iste Oeae fabricatus est. cedo tu eum, uideant, teneant, considerent. em uobis, quem scele[s]tus ille sceletum nominabat. auditisne reclamationem omnium qui adsunt? auditisne mendacii uestri damnationem? non uos tot calumniarum tandem dispudet? hiccine est sceletus, haeccine est larua, hoccine est quod appellitabatis daemonium? magicumne istud an sollemne et commune simulacrum est? accipe quaeso, Maxime, et contemplare; bene tam puris et tam piis manibus tuis traditur res consecrata. em uide, quam facies eius decora et suci palaestrici plena sit, quam hilaris dei uultus, ut decenter utrimque lanugo malis deserpat, ut in capite crispatus capillus sub imo pillei umbraculo appareat, quam lepide super tempora pares pinnulae emineant, quam autem festiue circa humeros uestis substricta sit. hunc qui sceletum audet dicere, profecto ille simulacra deorum nulla uidet aut omnia neglegit; hunc denique qui laruam putat, ipse est laruans.

Traduzione:

Terza menzogna: ch’io mi sia fatto scolpire la figura macilenta, anzi interamente scarnita, di un cadavere spaventoso, orribile e spettrale. Ma se avevate trovato una prova così evidente di magia, perché non mi avete intimato di esibirla? Forse per potere liberamente mentire in assenza dell’oggetto? Ma questa possibilità di falso vi è tolta da una certa mia provvidenziale consuetudine. È mio costume, dovunque io vada, portare con me, tra le mie carte, l’immagine di un dio e nei giorni festivi supplicarla con offerta di incenso, di vino e a volte con una vittima. Poco fa, sentendo che si continuava a parlare con spudoratissima menzogna di uno scheletro, ordinai che si andasse a prendere subito dal mio albergo il piccolo Mercurio che Saturnino, questo qui, ha scolpito per me in Oea. (Si rivolge al domestico che ha portato dall’albergo la statuetta.) Dai qua: lo guardino, lo tengano in mano, lo scrutino. Eccovi ciò che quello scellerato chiamava uno scheletro. (Si rivolge agli avversari.) Avete udito le proteste di tutti i presenti? Avete udito la condanna della vostra menzogna? E non vi brucia la faccia per tante calunnie? Questo è uno scheletro? Questo è uno spettro? Questo è quello che chiamavate un demonio? È un simulacro magico, questo qui, o non è piuttosto una delle sacre e comuni immagini? Prendilo, ti prego, Massimo, e osservalo bene. Alle tue mani pure e pietose bene si consegna un oggetto consacrato. Vedi come la sua faccia sia bella e piena del vigore della palestra, quanta gioia serena nel volto del dio, con qual grazia la nascente lanugine gli serpeggia per le gote, come nel capo i capelli ricciuti appariscono sotto l’orlo estremo del pileo, quanta leggiadria in quelle alette che si drizzano uguali sulle tempie, quanta piacevolezza nella veste che gli si annoda alle spalle. Chi osa chiamare questo qui uno scheletro, per certo non ha visto alcuna delle immagini divine o le disprezza tutte quante. Chi crede questa una larva, le fa lui le larve.

Apologia (Apuleio)

Brano 64Apologia (Apuleio):

Testo originale:

At tibi, Aemiliane, pro isto mendacio duit deus iste superum et inferum commeator utrorumque deorum malam gratiam semperque obuias species mortuorum, quidquid umbrarum est usquam, quidquid lemurum, quidquid manium, quidquid laruarum, oc[c]ulis tuis oggerat, omnia noctium occursacula, omnia bustorum formidamina, omnia sepulchrorum terriculamenta, a quibus tamen aeuo et merito haud longe abes[t]. ceterum Platonica familia nihil nouimus nisi festum et laetum et sollemne et superum et caeleste. quin altitudinis studio secta ista etiam caelo ipso sublimiora quaepiam uesti[ga]uit et in extimo mundi tergo stetit. scit me uera dicere Maximus, qui [?]legit in Phaedro diligenter. idem Maximus optime intellegit, ut de nomine etiam uobis respondeam, quisnam sit ille non a me primo, sed a Platone [..]nuncupatus: [?..], quisnam sit ille basileus, totius rerum naturae causa et ratio et origo initialis, summus animi genitor, aeternus animantum sospitator, assiduus mundi sui opifex, sed enim sine opera opifex, sine cura sospitator, sine propagatione genitor, neque loco neque tempore neque uice ulla comprehensus eoque paucis cogitabilis, nemini effabilis.

Traduzione:

A te, Emiliano, a compenso di codesta menzogna, il dio viandante del cielo e dell’inferno, attiri la maledizione degli dei celesti e infernali, metta sempre sul tuo cammino i fantasmi dei morti e presenti in folla ai tuoi sguardi quanti vi sono e lemuri e mani e larve e tutti gli spettri notturni e gli spaventi dei roghi e i terrori delle tombe, dai quali per la tua età e il tuo merito non sei lontano. Noi, platonica famiglia, non conosciamo che gioia e letizia e ciò che è santo, eccelso, celeste. Per l’amore del sublime, la nostra filosofia ha fissato lo sguardo anche più in su del cielo e si è arrestata all’estrema superficie del mondo. Massimo sa che io dico il vero, egli che nel Fedro legge con la dovuta attenzione “lo spazio superceleste” e il “tergo del mondo”. Quanto al nome, Massimo comprende bene chi sia quello che non da me, per il primo, ma da Platone fu chiamato basilus, re: Al re di tutte le cose tutto si riferisce e tutte le cose sono per opera sua. Chi sia quel re, causa, ragione, origine prima di tutta quanta la natura, sommo creatore dell’anima, conservatore eterno degli esseri animati, assiduo artigiano del suo mondo, ma certamente artefice senza lavoro, conservatore senza sollecitudine, creatore senza generazione, non compreso né dal tempo né dallo spazio, né a vicenda alcuna soggetto: e per ciò conoscibile a pochi, ineffabile a tutti. Ecco: accresco da me stesso il sospetto di magia: non ti dico, Emiliano, qual è il re da me venerato; e se anche lo stesso proconsole me lo chiede, qual è il mio dio, taccio ugualmente.

Apologia (Apuleio)

Brano 65Apologia (Apuleio):

Testo originale:

en ultro augeo magiae suspicionem: non respondeo tibi, Aemiliane, quem colam; quin si ipse proconsul interroget, quid sit deus meus, taceo. De nomine ut inpraesentiarum satis dixi. quod superest, nec ipse sum nescius quosdam circumstantium cupere audire, cur non argento uel auro, sed potissimum ex ligno simulacrum fieri uoluerim, idque eos arbitror non tam ignoscendi quam cognoscendi causa desiderare, ut hoc etiam scrupulo liberentur, cum uideant omnem suspicionem criminis abunde confutatam. audi igitur cui cura cognoscere est, sed animo quantum potes erecto et attento, quasi uerba ipsa Platonis iam senis de nouissimo legum libro auditurus:[?..]– hoc eo prohibet, ut delubra nemo audeat priuatim constituere; censet enim satis esse ciuibus ad immolandas uictimas templa publica — deinde subnectit: [??]ut omnium assensus declarauit, Maxime quique in consilio estis, competentissime uideor usus Platone ut uitae magistro, ita causae patrono, cuius legibus obedientem me uidetis.

Traduzione:

Sul nome ho detto quel tanto che la circostanza presente richiedeva. Resta, lo so bene, un particolare che eccita la curiosità di alcuni tra i presenti: perché io abbia voluto una statua fatta non di argento o di oro, ma di legno: e penso che essi vogliano saperlo non per assolvermi da un peccato, ma per amore di conoscenza: affinché siano liberi anche da questo scrupolo, quando vedano abbastanza confutato ogni sospetto di colpevolezza. Tu dunque che hai sollecitudine di conoscere, ascolta, ma con l’animo quanto è possibile sollevato ed attento, come ti disponessi ad ascoltare le parole stesse di Platone, già vecchio, nell’ultimo libro delle Leggi: è necessario che l’uomo misurato faccia misurati doni agli dei: il terreno e il focolare della casa sono sacri a tutti quanti gli dei: nessuno dunque consacri per la seconda volta cose già sacre agli dei. Egli fa questo divieto: che nessuno stabilisca santuari privati; bastano ai cittadini per immolare vittime i pubblici templi. Quindi aggiunge: L’oro e l’argento sono nelle altre città, e in privato e nei templi, occasione d’invidia; l’avorio estratto da un corpo senza più vita non è offerta gradevole; ferro e bronzo sono strumenti di guerra. Ma un dono di legno, quale che voglia, e di solo legno, ciascuno può farlo: e similmente di pietra. L’assenso unanime ha dimostrato, o Massimo, e voi tutti signori del Consiglio, che ho molto acconciamente preso sé a maestro di vita, sé a difensore dinanzi al tribunale, Platone, alle cui leggi mi vedete obbediente.

Apologia (Apuleio)

Brano 66Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Nunc tempus est ad epistulas Pudentillae praeuerti, uel adeo totius rei ordinem paulo altius petere, ut omnibus manifestissime pateat me, quem lucri cupiditate inuasisse Pudentillae domum dictitant, si ullum lucrum cogitarem, fugere semper a domo ista debuisse, quin et in ceteris causis minime prosperum matrimonium, — nisi ipsa mulier tot incommoda uirtutibus suis repensaret, inimicum. Neque enim ulla alia causa praeter cassam inuidiam repperiri potest, quae iudicium istud mihi et multa antea pericula uitae conflauerit. ceterum cur Aemilianus commoueretur, etsi uere magum me comperisset, qui non modo ullo facto, sed ne tantulo quidem dicto meo laesus est, ut uideretur se merito ultum ire? neque autem gloriae causa me accusat, ut M. Antonius Cn. Carbonem, C. Mucius A. Albucium, P. Sulpicius Cn. Norbanum, C. Furius M’ Aquilium, C. Curio Q. Metellum. quippe homines eruditissimi iuuenes laudis gratia primum hoc rudimentum forensis operae subibant, ut aliquo insigni iudicio ciuibus suis noscerentur. qui mos incipientibus adulescentulis ad illustrandum ingenii florem apud antiquos concessus diu exoleuit. quod si nunc quoque frequens esset, tamen ab hoc procul abfuisset; nam neque facundiae ostentatio rudi et indocto neque gloriae cupido rustico et barbaro neque inceptio patrociniorum capulari seni congruisset; nisi forte Aemilianus pro sua seueritate exemplum dedit et ipsis maleficiis infensus accusationem istam pro morum integritate suscepit. at hoc ego Aemiliano, non huic Afro, sed illi Africano et Numantino et praeterea Censorio uix credidissem: ne huic frutici credam non modo odium peccatorum, sed saltem. intellectum inesse.

Traduzione:

Ora è tempo di volgerci alle epistole di Pudentilla, o piuttosto di riprendere un poco più da principio la serie dei fatti, perché a tutti sia chiaramente manifesto che io, accusato di avere invaso per cupidità di guadagno la casa di Pudentilla, avrei dovuto, se ad alcun guadagno avessi pensato, fuggire per sempre da quella casa: e sia chiaro che il matrimonio, svantaggioso per ogni altro rapporto, senza le virtù di mia moglie che hanno compensato le molte disavventure, mi è stato nemico. Nessun altro motivo infatti, fuor che una vana gelosia, ha potuto suscitare contro di me questo processo e i molti anteriori pericoli di vita. Per quale altra ragione si sarebbe dovuto commuovere Emiliano, se anche avesse scoperto la mia magia, egli che non dico da nessun atto, ma neppure dalla minima mia parola è stato mai offeso, si che potesse sentire il bisogno di vendicarsi? E neanche per la gloria egli mi accusa, come fece Marco Antonio con Gneo Carbone, Gaio Mucio con Aulo Albucio, Publio Sulpicio con Gneo Norbano, Gaio Furio con Manio Aquilio, Gaio Curione con Quinto Metello. Giovani eruditissimi per amore di gloria esordivano in tal modo nell’arringo forense, per farsi conoscere dai propri concittadini con qualche processo famoso. Tale consuetudine permessa dagli antichi ai giovani esordienti, perché rivelassero il fiore del loro ingegno, da gran tempo è scomparsa. Ma se anche fosse valida ancora, non lo sarebbe per Emiliano. Poiché né ostentazione di eloquenza si converrebbe a un rozzo ignorante, né cupidigia di gloria a un barbaro villanzone, né un esordio forense a un vecchio da cataletto: a meno che Emiliano per l’austerità dei suoi principi, non abbia voluto dare un esempio e, nemico solamente del male, assumere codesta accusa per soddisfare la sua intemerata coscienza. Ma io questa ipotesi l’ammetterei appena per Emiliano, non per questo nativo dell’Africa, ma per quell’altro Africano e Numantino e Censorio; tanto sono lontano dal credere che in questo palo qui ci sia, non dico l’odio del male, ma neanche il senso del male.

Apologia (Apuleio)

Brano 67Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Quid igitur est? cuiuis clarius dilucet aliam rem inuidia nullam esse quae hunc et Herennium Rufinum, impulsorem huius, de quo mox dicam, ceterosque inimicos meos ad nectendas magiae calumnias prouocarit. quin[que] igitur res sunt, quas me oportet disputare. nam si probe memini, quod ad Pudentillam attinet, haec obiecere: una res est, quod numquam eam uoluisse nubere post priorem maritum, sed meis carminibus coactam dixere; altera res est de epistulis eius, quam confessionem magiae putant; deinde sexagesimo anno aetatis ad lubidinem nubsisse, et quod in uilla ac non in oppido tabulae nubtiales sint consignatae, tertio et quarto loco obiecere; nouissima et eadem inuidiosissima criminatio de dote fuit. ibi omne uirus totis uiribus adnixi effundere, ibi maxime angebantur, atque ita dixere me grandem dotem mox in principio coniunctionis nostrae mulieri amanti remotis arbitris in uilla extorsisse. quae omnia tam falsa, tam nihili, tam inania ostendam adeoque facile et sine ulla controuersia refutabo, ut medius fidius uerear, Maxime quique in consilio estis, ne demissum et subornatum a me accusatorem putetis, ut inuidiam meam reperta occasione palam restinguerem. mihi credite, quod reabse intelle[ge]tur: oppido quam mihi laborandum est, ne tam friuolam accusationem me potius callide excogitasse quam illos stulte suscepisse existimetis.

Traduzione:

E allora? Ognuno vede luminosamente che la sola invidia, nient’altro, ha mosso Emiliano ed Erennio Rufino, suo istigatore, di cui dirò fra poco, e gli altri miei nemici a ordire questa trama calunniosa di magia. Cinque punti io debbo trattare perché, se ben ricordo, rispetto a Pudentilla, i capi di accusa sono questi: primo: Pudentilla non ha mai voluto rimaritarsi dopo la morte del primo marito: lo ha fatto perché costretta dai miei incantesimi; secondo: nelle sue lettere, siccome essi pretendono, è confessata l’azione magica; terzo: a sessant’anni di età essa ha ripreso marito per voglia di maschio; quarto: l’atto di matrimonio fu stipulato in campagna, non in città. L’ultimo capo di accusa, e il più odioso, concerne la dote. Qui con ogni sforzo cercarono di spargere tutto il loro veleno; ed era questa la cosa che pi? li tormentava: questa grossa dote che io, al principio della nostra unione, in una villa di campagna, avrei estorto a una moglie innamorata. Così hanno detto. E questo inconfutabilmente dimostrerò così falso, così vano, così nullo, che temo davvero, Massimo, e voi signori del consiglio, non abbiate da sospettare che io abbia sospinto e subornato l’accusatore perché, trovata l’occasione, potessi smorzare pubblicamente l’invidia che mi circondava. Credetemi, e lo constaterete: avrò da faticare non poco per eliminare il vostro sospetto che una tanto frivola accusa sia una mia astuta invenzione anziché una stolta impresa dei miei avversari.

Apologia (Apuleio)

Brano 68Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Nunc dum ordinem rei breuiter persequor et efficio, ut ipse Aemilianus re cognita falso se ad inuidiam meam inductum et longe a vero aberrasse necesse habeat confiteri, quaeso, uti adhuc fecistis uel si quo magis etiam potestis, ipsum fontem et fundamentum iudicii huiusce diligentissime cognoscatis. Aemilia Pudentilla, quae nunc mihi uxor est, ex quodam Sicinio Amico, quicum antea nubta fuerat, Pontianum et Pudentem filios genuit eosque pupillos relictos in potestate paterni aui — nam superstite patre Amicus decesserat — per annos ferme quattuordecim memorabili pietate sedulo aluit, non tamen libenter in ipso aetatis suae flore tam diu uidua. sed puerorum auus inuita[m] eam conciliare studebat [in] ceterum filio[s] suo[s] Sicinio Claro eoque ceteros procos absterrebat; et praeterea minabatur, si extrario nubsisse[t], nihil se filiis eius ex paternis eorum bonis testamento relicturum. quam condicione[m] cum obstinate propositam uideret mulier sapiens et egregie pia, ne quid filiis suis eo nomine incommodaret, facit quidem tabulas nubtiales cum quo iubebatur, cum Sicinio Claro, uerum enimuero uariis frustrationibus nuptias eludit eo ad, dum puerorum auus fato concessit relictis filiis eius heredibus ita, ut Pontianus, qui maior natu erat, fratri suo tutor esset.

Traduzione:

Ora, mentre riassumo ordinatamente i fatti e cerco di costringere lo stesso Emiliano a confessare, quand’abbia conosciuto la realtà delle cose, d’essersi pienamente ingannato, vogliate voi, come avete fatto fin qui e più attentamente ancora, se è possibile, considerare proprio la fonte e la base dell’attuale processo. Emilia Pudentilla, ora mia moglie, da un tale Sicinio Amico, suo precedente marito, generò due figli, Ponziano e Pudente, e ad essi, rimasti orfani, sotto la potestà dell’avo paterno – Amico era morto essendo ancor vivo suo padre – durante quattordici anni dedicò tutte le sue cure di tenerissima madre: ma non senza il rincrescimento di una così lunga vedovanza proprio nel fiore dell’età. Il nonno dei ragazzi cercava di unirla, contro sua volontà, all’altro figlio Sicinio Claro e perciò teneva lontani tutti i pretendenti; inoltre minacciava, se avesse sposato un estraneo, che ai figli non avrebbe lasciato nulla, per testamento, dei loro beni paterni. Visto che era quella una irremovibile condizione, da saggia donna e da madre affettuosa, per non recar danno ai figli, fece contratto di matrimonio con l’uomo che le era imposto, con Sicinio Claro, ma con vari pretesti eluse le nozze, fino a che il nonno mori e, rimasti eredi i figlioli, al maggiore di essi, Ponziano, fu per conseguenza data la tutela del fratello.

Apologia (Apuleio)

Brano 69Apologia (Apuleio):

Testo originale:

eo scrupulo liberata cum a principibus uiris in matrimonium peteretur, decreuit sibi diutius in uiduitate non permanendum; quippe ut solitudinis taedium perpeti posset, tamen aegritudine[m] corporis ferre non poterat. mulier sancte pudica, tot annis uiduitatis sine culpa, sine fabula, assuetudine coniugis torpens et diutino situ uiscerum saucia, uitiatis intimis uteri saepe ad extremum uitae discrimen doloribus obortis exanimabatur. medici cum obstetricibus consentiebant penuria matrimonii morbum quaesitum, malum in dies augeri, aegritudinem ingrauescere; dum aetatis aliquid supersit, nubtiis ualitudinem medicandum. consilium istud cum alii approbant, tum maxime Aemilianus iste, qui paulo prius confidentissimo mendacio adseuerabat numquam de nubtiis Pudentillam cogitasse, priusquam foret magicis maleficiis a me coacta, me solum repertum, qui uiduitatis eius uelut quandam uirginitatem carminibus et uenenis uiolarem. saepe audiui non de nihilo dici mendacem memorem esse oportere; at tibi, Aemiliane, non uenit in mentem, priusquam ego Oeam uenirem, te litteras etiam, uti nuberet, scribsisse ad filium eius Pontianum, qui tum adultus Romae agebat. cedo tu epistolam uel potius da ipsi: legat, sua sibi uoce suisque uerbis sese reuincat. Estne haec tua epistola? quid palluisti? nam erubescere tu quidem non potes. estne tua ista subscribtio? — recita quaeso clarius, ut omnes intellegant, quantum lingua eius manu discrepet, quantumque minor illi[s] sit mecum quam secum dissensio.

Traduzione:

Liberata da questo scrupolo, richiesta in matrimonio da uomini tra i più ragguardevoli, decise di non restare più a lungo in vedovanza, perché, se anche poteva sopportare il tedio della solitudine, il malessere del corpo sopportabile non era. Donna di irreprensibile pudicizia, in tanti anni di vedovanza, senza colpe, senza dicerie, ormai languente per disusanza del marito e afflitta dalla lunga astinenza, per il deperimento degli organi sessuali, assalita dai dolori, si riduceva in fin di vita. I medici con le levatrici consentivano che il morbo era prodotto dalla mancanza del marito e che il male cresceva di giorno in giorno, e si aggravava il travaglio. Mentre lo permetteva ancora l’età, la medicina sarebbe stata il matrimonio. Questo consiglio fu dagli altri approvato, ma soprattutto da Emiliano, il quale, poco fa, con spudoratissima menzogna, affermava che Pudentilla non aveva mai pensato al matrimonio prima di essere costretta dai miei magici malefici, e che io solo fui trovato capace di violare con filtri e incantesimi quella, dirò così, verginità della vedovanza. Spesso – e non senza ragione – ho sentito dire che il mentitore deve avere buona memoria. A te, Emiliano, non viene in mente che, prima che io venissi in Oea, tu, perché lei sposasse, scrivesti anche una lettera al figlio suo Ponziano, che allora, maggiorenne, viveva in Roma. (Al segretario): Dai qua la lettera: anzi, consegnala a lui stesso ch’egli la legga, e con la sua voce e con le sue stesse parole si smentisca. (La lettera è presentata ad Emiliano.) Dunque, è tua questa lettera? Perché quel pallore? Già, arrossire tu non puoi. È tua la firma? (Emiliano resta impacciato e interdetto. Notata la confusione dell’avversario, Apuleio si rivolge ad uno del tribunale perché dia lettura del documento.) Leggi più forte, ti prego, perché tutti intendano quanto la lingua di quest’uomo discordi dalla sua mano e quanto egli dissenta più da sé che da me. (Prosegue la lettura.)

Apologia (Apuleio)

Brano 70Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Scripsistine haec, Aemiliane, quae lecta sunt? ‘nubere illam uelle et debere scio, sed quem eligat nescio.’ recte tu quidem: nesciebas; Pudentilla enim tibi, cuius infesta[m] malignitatem probe norat, de ipsa re tantum, ceterum de petitore nihil fatebatur. at tu dum eam putas etiamnum Claro fratri tuo denubturam, falsa spe inductus filio quoque eius Pontiano auctor adsentiendi fuisti. igitur si Claro nubsisset, homini rusticano et decrepito seni, sponte eam diceres sine ulla magia iam olim nubturisse: quoniam iuuenem talem qualem dicitis elegit, coactam fecisse ais, ceterum semper nubtias aspernatam. nescisti, improbe, epistulam tuam de ista re teneri, nescisti te tuomet testimonio conuictum iri. quam tamen epistolam Pudentilla testem et indicem tuae uoluntatis, ut quae te leuem et mutabilem nec minus mendacem et inpudentem scire[t], maluit retinere quam mittere. ceterum ipsa de ea re Pontiano suo Romam scripsit, etiam causas consilii sui plene allegauit. dixit illa omnia de ualetudine: nihil praeterea esse, cur amplius deberet obdurare, hereditatem auitam longa uiduitate cum despectu salutis suae quaesisse, eandem summa industria auxisse; iam deum uoluntate ipsum uxori, fratrem eius uirili togae idoneos esse; tandem aliquando se quoque paterentur solitudini[s] suae et aegritudini subuenire; ceterum de pietate sua et supremo iudicio nihil metuerent; qualis uidua eis fuerit, talem nuptam futuram. recitari iubebo exemplum epistolae huius ad filium missae.

Traduzione:

Hai scritto, Emiliano, ciò che è stato letto? “Che la vedova voglia e debba sposare lo so; chi sia il preferito, lo ignoro”. Hai detto bene: lo ignoravi. Infatti Pudentilla, che conosceva bene la tua nemica malignità, ti aveva comunicato soltanto la cosa senza fare il nome dell’aspirante. Ma tu credevi ancora che lei avrebbe finito per sposare tuo fratello Sicinio Claro, e indotto dalla fallace speranza, inducesti anche Ponziano a dare il consenso. Se lei avesse sposato Claro, un contadinaccio decrepito, diresti che essa di sua volontà, senza bisogno di fatture magiche, desiderava un marito; ma poiché si scelse un giovane, tale quale voi dite, dici che fu costretta a farlo e che essa aveva sempre sdegnato il matrimonio. Ignoravi, pezzo di canaglia, che su questo argomento era nelle nostre mani una lettera tua; ignoravi che ti avrebbe smentito la tua stessa testimonianza. E appunto questa lettera, testimone e rivelatrice della sua volontà, Pudentilla, che ti conosceva frivolo e mutevole non meno che mentitore e impudente, preferì trattenere anziché spedire. Essa stessa tuttavia su quest’affare scrisse a Roma al suo Ponziano, esponendo pienamente anche i motivi della sua decisione. Parlò senza nasconder nulla, della sua malattia: disse che non c’era alcun motivo di persistere ancora, che a scapito della sua salute aveva assicurato ai figli l’eredità del nonno e che l’aveva anzi accresciuta con la massima diligenza; aggiunse che ormai, col volere di Dio, egli stesso era giunto all’età del matrimonio e il fratello stava per indossare la toga virile; dovevano permettere una buona volta che anch’essa finalmente ponesse un rimedio alla solitudine e all’infermità; quanto al resto della tenerezza e delle sue ultime volontà non dovevano dubitare: qual era stata da vedova, tale sarebbe stata da maritata. Farò leggere una copia della sua lettera al figlio. (Segue la lettura del documento.)

Apologia (Apuleio)

Brano 71Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Satis puto ex [h]istis posse cuiuis liquere Pudentillam non meis carminibus ab obstinata uiduitate compulsam, sed olim sua sponte a nubendo non alienam [uti]quam me fortasse prae ceteris maluisse. quae electio tam grauis feminae cur mihi crimini potius quam honori danda sit, non reperio, nisi tamen miror quod Aemilianus et Rufinus id iudicium mulieris aegre ferant, cum hi, qui Pudentillam in matrimonium petiuerunt, aequo animo patiantur me sibi praelatum. quod quidem illa ut faceret, filio suo potius quam animo obsecuta est. ita factum nec Aemilianus poterit negare. nam Pontianus acceptis litteris matris confestim Roma[m] aduolauit metuens, ne si quem auarum uirum nacta esset, omnia, ut saepe fit, in mariti domum conferret. ea sollicitudo non mediocriter animum angebat, omnes illi fratrique diuitiarum spes in faculta[ti]bus matris sitae erant. auus modicum reliquerat, mater sestertium quadragies po[s]sidebat, ex quo sane aliquantam pecuniam nullis tabulis, sed, ut aequum erat, mera fide acceptam filiis debebat. hunc ille timorem mus[s]itabat; a[d]uersari propalam non audebat, ne uideretur diffidere.

Traduzione:

Dopo ciò, credo risulti limpidamente a chiunque che Pudentilla non fu strappata alla ostinata sua vedovanza dai miei incantesimi, ma che essa stessa da tempo, di sua volontà, non aliena dalle nozze, mi abbia forse preferito agli altri. E non trovo che la preferenza di una donna cotanto seria debba essermi attribuita a colpa anzi che ad onore; e mi stupisco che Emiliano e Rufino abbiano mal sopportato la decisione della donna, una volta che coloro i quali avevano chiesta Pudentilla in matrimonio, accettano con buona grazia che io fossi a loro preferito. In questa decisione essa veramente obbedì piuttosto al figlio che all’animo suo: ed Emiliano non potrebbe negarlo. Ricevuta la lettera materna, Ponziano accorse volando da Roma, temendo che, se si fosse imbattuta in un uomo avido di quattrini, tutta la sua sostanza sarebbe passata, come spesso accade, in casa del marito. Era una preoccupazione angosciosa. Tutte le speranze di ricchezza per lui e per il fratello erano riposte nella sostanza della madre. Il nonno aveva lasciato poca cosa, la madre possedeva quattro milioni di sesterzi, sui quali essa doveva pagare ai figli una discreta somma non per obbligazione legale, ma – com’era giusto – per semplice patto di buona fede. Questo timore Ponziano lo masticava fra i denti, ma non osava fare un’aperta opposizione, per non sembrare diffidente.

Apologia (Apuleio)

Brano 72Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Cum in hoc statu res esset inter procationem matris et metum fili, fortene an fato ego aduenio pergens Alexandream. dixissem hercule ‘quod utinam numquam euenisset’, ni me uxoris meae respectus prohiberet. hiemps anni erat. ego ex fatigatione itineris aduectus apud Appios i[s]tos amicos meos, quos honoris et amoris gratia nomino, aliquam multis diebus decumbo. eo uenit ad me Pontianus; nam fuerat mihi non ita pridem ante multos annos Athenis per quosdam communis amicos conciliatus et arto postea contubernio intime iunctus. facit omnia circa ho[no]rem meum obseruanter, circa salutem sollicite, circa amorem callide; quippe etenim uidebatur sibi peridoneum maritum matri repperisse, cui bono periculo totam domus fortunam concrederet. ac primo quidem uoluntatem meam uerbis inuersis periclitabundus, quoniam me uiae cupidum et conuersum ab uxoria re uidebat, orat, saltem paulisper manerem: uelle se mecum proficisci. hiemem alteram propter Syrtis aestus et bestias opperiendam, quod illam mihi infirmitas exemisset. multis etiam precibus meis Appiis aufert, ut ad sese in domum matris suae transferar; salubriorem mihi habitationem futuram; praeterea prospectum maris, qui mihi gratissimus est, liberius me ex ea fruiturum.

Traduzione:

La cosa restava lì, fra i progetti matrimoniali della madre e il timore del figlio. Intanto, fosse caso o destino, arrivo io, diretto ad Alessandria. Direi: “questo non fosse mai avvenuto”, se non mi trattenesse il rispetto per mia moglie. Era l’inverno. Stanco del viaggio, mi fermo nell’amica casa degli Appii, qui presenti, che nomino a titolo di onore e di amore, e quivi mi riposo per parecchi giorni. Colà venne a visitarmi Ponziano: egli mi era stato, pochi anni prima, presentato in Atene da comuni amici, e poscia era vissuto con me in una stretta intimità. Egli è pieno di deferenza per la mia persona, di sollecitudine per la mia salute e di astuzia per il mio cuore; infatti gli pareva di aver trovato in me un marito adattissimo per la madre, cui poteva senza rischio affidare tutta la fortuna della casa. E dapprima, saggiando con giri di parole l’animo mio, giacché mi vedeva bramoso di viaggi e per nulla incline a matrimonio, mi prega di trattenermi almeno ancora un poco, dicendo che desiderava partire con me e che, a cagione della mia infermità, non avendo potuto profittare di quell’inverno, mi toccava aspettare l’altro inverno, per i calori della Sirte e per le bestie feroci. A forza di preghiere strappa ai miei cari Appii il permesso di trasferirmi presso di sé in casa della madre, abitazione più giovevole alla salute, da dove avrei anche goduto più liberamente della vista del mare che mi è tanto gradita.

Apologia (Apuleio)

Brano 73Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Haec omnia adnixus impenso studio persuadet, matrem suam suumque fratrem, puerum istum, mihi commendat. non nihil a me in communibus studiis adiuuantur, augetur oppido familiaritas. interibi reualesco; dissero aliquid postulantibus amicis publice; omnes qui aderant ingenti celebritate basilicam, qui locus auditorii erat, complentes inter alia pleraque congruentissima uoce ‘insigniter’ adclamant petentes, ut remanerem, fierem ciuis Oeensium. mox auditorio misso Pontianus eo principio me adortus consensum publicae uocis pro diuino auspicio interpretatur aperitque consilium sibi esse, si ego non nolim, matrem suam, cui plurimi inhient, mecum coniungere (mihi quoniam soli ait rerum omnium confidere sese et credere); ni id onus recipiam, (quoniam non formosa pupilla, sed mediocri facie mater liberorum mihi offeratur) — si haec reputans formae et diuitiarum gratia me ad aliam condicionem reseruarem, neque pro amico neque pro philosopho facturum. nimis multa oratio est, si uelim memorare, quae ego contra responderim, quam diu et quotiens inter nos uerbigeratum sit, quot et qualibus precibus me adgressus haud prius omiserit quam de[ni]que impetrarit, non quin ego Pudentillam iam anno perpeti adsiduo conuictu probe spectassem et uirtutium eius dotes explorassem, sed utpote peregrinationis cupiens impedimentum matrimoni aliquantisper recusaueram. mox tamen talem feminam nihilo segnius uolui quam si ultro appetissem. persuaserat idem Pontianus matri suae, ut me aliis omnibus mallet, et quam primum hoc perficere incredibili studio auebat. uix ab eo tantulam moram impetramus, dum prius ipse uxorem duceret, frater eius uirilis togae usum auspicaretur: tunc deinde ut nos coniungeremur.

Traduzione:

Insiste con tanto zelo ch’io consento a tutto. Mi raccomanda la madre, il fratello, questo ragazzo qui: da loro qualche aiuto per i nostri studi comuni: cresce la nostra intimità. Frattanto mi tornano le forze; faccio, a richiesta degli amici, una pubblica conferenza. Gli intervenuti, numerosissimi, che gremivano la basilica, tutti a una sola voce mi acclamano “bene, bravo”: mi pregano di restare e diventare cittadino di Oea. Sciolta l’adunanza, Ponziano, pigliando quell’occasione per assalirmi, interpreta il consenso della pubblica voce come un segno della divina volontà e mi rivela che è suo proposito, se io non mi rifiuto, unirmi in matrimonio a sua madre, alle cui nozze moltissimi aspirano; in me solo dice di riporre una fede e una confidenza assolute; se io non volessi accogliere questo peso, perché mi si offriva non già una bella fanciulla, ma una madre con figli e di mediocre apparenza: se io per considerazione di bellezza o per amore di denari mi serbassi ad altra più fortunata occasione, egli non mi stimerebbe più né come amico né come filosofo. Il discorso non finirebbe più se volessi ricordare le mie contrarie risposte, le nostre lunghe e frequenti schermaglie di parole, le molti e pressanti preghiere ond’egli instancabilmente mi assalì finché non ebbe il mio assenso. È vero altresì che un anno continuo di assidua convivenza mi aveva messo in grado di apprezzare Pudentilla e di conoscere bene tutte le sue doti morali: ma bramoso com’ero di andare per il mondo, respingevo intanto l’impiccio di un matrimonio. Tuttavia, non tardai a desiderare quella donna così vivamente come ne fossi innamorato. Ponziano aveva ugualmente persuaso la madre a darmi la preferenza su tutti gli altri e smaniava di vedere la cosa compiuta. A stento potemmo ottenere da lui una brevissima dilazione fino a che egli stesso si fosse sposato e il fratello avesse per la prima volta indossato la toga virile. Subito dopo si sarebbe celebrato il nostro matrimonio.

Apologia (Apuleio)

Brano 74Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Vtinam hercule possem quae deinde dicenda sunt sine maximo causae dispendio tran[s]gredi, ne Pontiano, cui [h]errorem suum deprecanti simpliciter ignoui, uidear nunc leuitatem exprobrare. confiteor enim, quod mihi obiectum est, eum, postquam uxorem duxerit, a compecti fide desciuisse ac derepente animi mutatum quod antea nimio studio festinarat pari pertinacia prohibitum isse, denique ne matrimonium nostrum coalesceret, quiduis pati, quiduis facere paratum fuisse, quamquam omnis illa tam foeda animi mutatio et suscepta contra matrem simultas non ipsi uitio uortenda sit, sed socero eius eccilli Herennio Rufino, qui unum neminem in terris uiliorem se aut improbiorem aut inquinatiorem reliquit. paucis hominem, quam modestissime potero, necessario demonstrabo, ne, si omnino de eo reticuero, operam perdiderit, quod negotium istud mihi ex summis uiribus conflauit. Hic est enim pueruli huius instigator, hic accusationis auctor, hic aduocatorum conductor, hic testium coemptor, hic totius calumniae fornacula, hic Aemiliani huius fax et flagellum, idque apud omnis intemperantissime gloriatur, me suo machinatu reum postulatum. et sane habet in [h]istis quod sibi plaudat. est enim omnium litium depector, omnium falsorum commentator, omnium simulationum architectus, omnium malorum seminarium, nec non idem libidinum ganearumque locus, lustrum, lupanar, iam inde ab ineunte aeuo cunctis probris palam notus, olim in pueritia, priusquam isto caluitio deformaretur, emasculatoribus suis ad omnia infanda morigerus, mox in iuuentute saltandis fabulis exossis plane et eneruis, sed, ut audio, indocta et rudi mollitia; negatur enim quicquam histrionis habuisse praeter impudicitiam.

Traduzione:

Magari io potessi trascurare senza gravissimo danno della mia causa ciò che mi tocca dire: perché non sembri che io rimproveri oggi Ponziano della sua incostanza, dopo aver sinceramente concesso alle sue preghiere il perdono del fallo commesso. Ma io debbo riconoscere un fatto, di cui si sono serviti contro di me. Ponziano, cioè, dopo il suo matrimonio, mancò di fede ai patti convenuti e subito, mutato animo, ciò che prima aveva con soverchio zelo affrettato, con pari ostinatezza voleva impedire, mostrandosi deciso a sopportare qualunque cosa, a operare qualunque cosa perché il nostro matrimonio non si compisse. So bene che questo sconcio rivolgimento dell’animo suo, questa sua animosità contro la madre non è da attribuire a sua colpa, ma al suocero suo, eccolo là, a quell’Erennio Rufino, uomo che non uno solo ha lasciato sulla terra più vile, più malvagio, più sozzo di lui. Con poche parole e con ogni possibile temperanza io dovrò rappresentarvi quest’uomo, perché non voglio, qualora io taccia di lui, ch’egli non sia compensato della grave fatica compiuta nel suscitarmi contro questo processo. È lui infatti l’istigatore di questo ragazzo, è lui l’autore dell’accusa, lui l’arruolatore degli avvocati, il compratore dei testimoni, la fornacetta di tutta la calunnia; egli è la furia infernale di questo Emiliano; e presso tutti si gloria sfrenatamente di avermi trascinato con le sue macchinazioni in tribunale. Su questo campo ha davvero ragione di battersi le mani. Egli è l’impresario titolato di tutte le liti, ideatore di tutti i falsi, architetto di tutte le frodi, seminario di tutti i vizi, ricettacolo di libidini e di crapule, bordello, lupanare; da bambino famoso per le sue turpitudini; ragazzo, prima che fosse sfigurato da codesta calvizie, condiscendente a tutte le voglie infami dei suoi smascolatori; nella gioventù pantomimo senz’ossa e senza nervi, ma, come sento dire, di una mollezza grossolana e sgarbata: e dell’istrione è noto ch’egli avesse soltanto l’impudicizia.

Apologia (Apuleio)

Brano 75Apologia (Apuleio):

Testo originale:

in hac etiam aetate qua nunc est — qui istum di perduint! multus honos auribus praefandus est — domus eius tota lenonia, tota familia contaminata: ipse propudiosus, uxor lupa, filii similes: prorsus diebus ac noctibus ludibrio iuuentutis ianua calcibus propulsata, fenestrae canticis circumstrepitae, triclinium comisatoribus inquietum, cubiculum adulteris peruium; neque enim ulli ad introeundum metus est, nisi qui pretium marito non attulit. ita ei lecti sui contumelia uectigalis est. olim sollers suo, nunc coniugis corpore uulgo meret; cum ipso plerique, nec mentior, cum ipso, inquam, de uxoris noctibus paciscuntur. iam illa inter uirum et uxorem no[n]ta[m] conlusio: qui amplam stipem mulieri detulerunt, nemo eos obseruat, suo arbitratu discedunt; qui inaniores uenere, signo dato pro adulteris deprehenduntur, et quasi ad discendum uenerint, non prius abeunt quam aliquid scripserint. quid enim faciat homo miser ampliuscula fortuna deuolutus, quam tamen fraude patris ex inopinato inuenerat? pater eius plurimis creditoribus defaeneratus maluit pecuniam quam pudorem; nam cum undique uersum tabulis flagitaretur et quasi insanus ab omnibus obuiis teneretur, ‘pax’ inquit, negat posse dissoluere, anulos aureos et omnia insignia dignitatis abicit, cum creditoribus depaciscitur. pleraque tamen rei familiaris in nomen uxoris callidissima fraude confert: ipse egens, nudus et ignominia sua tutus reliquit Rufino huic, non mentior, sestertium [XXX] deuorandum; tantum enim ad eum ex bonis matris liberum uenit praeter quod ei uxor sua cotidianis dotibus quaesiuit. quae tamen omnia in paucis annis ita hic degulator studiose in uentrem condidit et omnimodis conlurchinationibus dilapidauit, ut crederes metuere, ne quid habere ex fraude paterna diceretur; homo iustus et morum dedit operam, quod male partum erat ut male periret, nec quicquam ei relictum est ex largiore fortuna praeter ambitionem miseram et profundam gulam.

Traduzione:

Adesso, nell’età in cui si trova – che gli dei lo maledicano: mi tocca parlare con buona licenza di chi ascolta – la sua casa è tutta un antro da ruffiani, la sua famiglia è tutta una impurità, lui stesso uno svergognato, la moglie una prostituta, i figli simili ai genitori. Notte e giorno, per trastullo della gioventù, calci tirati alla porta, canzoni urlate sotto le finestre, chiassi di bevitori nel triclinio, sfilata di adulteri nella camera da letto: giacché, quando si è pagato lo scotto al marito, l’entrata è libera. Così l’ignominia del suo letto è la sua rendita. Un tempo col suo corpo, ora con quello della moglie sa bene fare i suoi pubblici guadagni. Con lui dico, non mento, proprio con lui si patteggiano a prezzo le notti della moglie, ed è ben conosciuto il segreto accordo tra moglie e marito. Quelli che fanno alla signora il regalo più generoso, nessuno li vede, hanno libera uscita; quelli venuti colla borsa poco piena, a un dato segno sono sorpresi come adulteri, e quasi fossero venuti a scuola non escono prima di aver lasciato qualche scritto. Del resto cosa poteva fare quel pover’uomo, rotolato giù da una abbastanza cospicua fortuna, capitata inopinatamente grazie alla frode paterna? Il padre suo, carico di obbligazioni, preferì il denaro all’onore. Sollecitato da ogni parte a pagare i suoi debiti e trattenuto, come fosse un pazzo, da chiunque lo incontrasse per la strada, “pace” disse: “io non posso pagare”: e tolti gli anelli d’oro e tutti i distintivi del grado, si accordò coi creditori. Frattanto, intesta al nome della moglie la maggior parte dei suoi beni con astutissima frode: e così lui, povero, nudo, ormai protetto dalla sua ignominia, lasciò a questo Rufino qui, non mento, tre milioni di sesterzi da divorare. A questa somma, ereditata intatta dalla madre, egli ha aggiunto i guadagni che ogni giorno gli ha portato in dote la moglie. Ma tutto questo denaro in pochi anni con tanta cura codesto ghiottone ha riposto nel suo ventre e sperperato in bagordi di ogni sorta, da far credere ch’egli volesse sfuggire all’accusa di possedere qualche avanzo delle frodi paterne. Uomo giusto e costumato si adoperò perché il male acquistato fosse malamente consumato e niente gli avanzasse della sua grossa fortuna, fuorché il miserabile intrigo e la insaziabile gola.

Apologia (Apuleio)

Brano 76Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Ceterum uxor iam propemodum uetula et effeta totam domum contumeliis [alere] abnuit; filia autem per adulescentulos ditiores inuitamento matris suae nequicquam circumlata, quibusdam etiam procis ad experiundum permissa, nisi in facilitatem Pontiani incidisset, fortasse an adhuc uidua ante quam nubta domi sedisset. Pontianus ei multum quidem dehortantibus nobis nuptiarum titulum falsum et imaginarium donauit, non nescius eam paulo ante, quam duceret, a quodam honestissimo iuuene, cui prius pacta fuerat, post satietatem derelictam. uenit igitur ad eum noua nupta secura et intrepida, pudore dispoliato, flore exsoleto, flammeo obsoleto, uirgo rursum post recens repudium, nomen potius adferens puellae quam integritatem. uectabatur octaphoro, uidistis profecto qui adfuistis, quam improba iuuenum circumspectatrix, quam inmodica sui ostentatrix. quis non disciplina[m] matris agnouit, cum in puella uideret i[m]medicatum os et purpurissatas genas et inlices oculos. dos erat a creditore omnis ad terruncium pridie sumpta et quidem grandior quam domus exhausta et plena liberis postulabat.

Traduzione:

Ma la moglie, ormai vecchia ed esausta, destinò tutta quanta la casa al disonore. E la figlia condotta in giro, per adescamento materno, fra i giovani più ricchi e perfino abbandonata a qualche pretendente perché ne facesse esperimento, se non si fosse imbattuta nella dabbenaggine di Ponziano, forse, vedova prima del matrimonio, sarebbe rimasta ancora a sedere nella casa paterna. Ponziano, malgrado le nostre insistenti riprovazioni, le donò un fittizio e immaginario titolo di nozze, perché ben sapeva che poco prima ch’egli la sposasse, un giovane di ottima famiglia, suo fidanzato, l’aveva abbandonata dopo che ne fu sazio. Venne frattanto a lui questa novella sposina, sicura e intrepida, spoglia di pudore, scolorito il velo nuziale, rifatta vergine dopo il recente ripudio, portando piuttosto il nome che l’integrità di fanciulla. Condotta su una lettiga a otto portatori, voi qui presenti avete certamente veduto che sguardi procaci ella volgeva intorno sui giovani e come ostentava le sue forme impudiche. Chi non riconosceva la scuola materna vedendo nella figlia la bocca dipinta, le guance imbellettate, gli occhi adescatori? Quanto alla dote, un creditore ne aveva il giorno prima sequestrato i tre quarti: ed era una dote più elevata di quanto non comportasse una casa rovinata e piena di figli.

Apologia (Apuleio)

Brano 77Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Sed enim iste, ut est rei modicus, spei immodicus, pari auaritia et egestate totum Pudentillae quadragiens praesumptione cassa deuorarat eoque me amoliendum ratus, quo facilius Pontiani facilitatem, Pudentillae solitudinem circumueniret, infit generum suum obiurgare, quod matrem suam mihi desponderat; suadet, quam primum ex tanto periculo, dum licet, pedem referat, rem matris ipse potius habeat quam homini extrario sciens transmittat; ni ita faciat, inicit scrupulum amanti adulescentulo ueterator, minatur se filiam abducturum. quid multis? iuuenem simplicem, praeterea nouae nuptae inlecebris obfrenatum suo arbitratu de uia deflectit. it ille ad matrem uerborum Rufini gerulus, sed nequicquam temptata eius grauitate ultro ipse leuitatis et inconstantiae increpitus reportat ad socerum haud mollia: matri suae praeter ingenium placidissimum immobili iram quoque sua expostulatione accessisse, non mediocre pertinaciae adiumentum; respondisse eam denique non clam se esse Rufini exoratione secum expostulari; eo uel magis sibi auxilium mariti aduersum eius desperatam auaritiam comparandum.

Traduzione:

Quest’uomo, dunque, limitato nelle sostanze e illimitato nelle speranze, di una avidità pari alla povertà, senza far conti con nessuno aveva già bell’e ingoiati tutti e quattro i milioni di Pudentilla; e perciò ritenendo che bisognava sbarazzarsi di me, per insidiare più facilmente la dabbenaggine di Ponziano e la solitudine di Pudentilla, comincia col rimproverare il genero per avermi promessa la madre, lo persuade a ritrarsi al più presto, mentre è tempo, da tanto pericolo e mantenere per sé la fortuna materna, anziché trasferirla scientemente a un estraneo: e qui, il volpone, getta uno scrupolo nel cuore innamorato di quel giovane minacciando che se non facesse così egli riprenderebbe la figlia. Poche parole: il nostro giovane, scioccherello, preso inoltre dalle lusinghe della nuova sposa, cascò, sviato, in potere di quell’uomo. Se ne va dalla madre, portatore delle parole di Rufino; tenta invano la sua fermezza e, dopo averne anzi ricevuto una solenne sgridata per la sua leggerezza e incostanza, riferisce al suocero una ben dura risposta: che la madre, contrariamente alla sua natura placidissima, irremovibile, si era adirata per quella richiesta, e resa più ostinata dall’ira, aveva risposto che ben sapeva ormai di dovere quelle richieste alle istigazioni di Rufino: e per ciò tanto più sentiva il bisogno di procurarsi l’aiuto di un marito, contro la disperata avidità di quell’uomo.

Apologia (Apuleio)

Brano 78Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Hisce auditis exacerbatus aquariolus iste uxoris suae ita ira extumuit, ita exarsit furore, ut in feminam sanctissimam et pudicissimam praesente filio eius digna cubiculo suo diceret, amatricem eam, me magum et ueneficum clamitaret multis audientibus (quos, si uoles, nominabo): se mihi sua manu mortem allaturum. uix hercule possum irae moderari, ingens indignatio animo oboritur. tune, effeminatissime, tua manu cuiquam uiro mortem minitari[s]? at qua tandem manu? Philomelae an Medeae an Clyteme[n]strae? quas tamen cum saltas — tanta mo[l]litia animi, tanta formido ferri est — , sine cludine saltas. sed ne longius ab ordine digrediar: Pudentilla postquam filium uidet praeter opinionem contra suam esse sententiam deprauatum, rus profecta scripsit ad eum obiurgandi gratia illas famosissimas litteras, quibus, ut isti aiebant, confessa est sese mea magia in amorem inductam dementire; quas tamen litteras tabulario Pontiani praesente et contra scribente Aemiliano nudius tertius tuo iussu, Maxime, testato describsimus; in quibus omnia contra praedicationem istorum pro me reperiuntur.

Traduzione:

Esacerbato per tale risposta codesto sciacquacosce della propria moglie, talmente arse di collera che contro quella santissima e pudicissima donna, in presenza del figlio, avventò parole degne della sua alcova, chiamando lei una sgualdrina, me un mago e un avvelenatore, dinanzi a molti che ascoltavano – i cui nomi potrò fare, se vorrai – e dicendo che di sua mano mi avrebbe dato la morte. Ma io freno a stento la mia collera: non posso più contenere lo sdegno dell’animo mio. Tu, tu, il più smascolinato degli esseri, minacci un uomo di farlo morire di tua mano? Con quale mano? Di Filomela, di Medea, di Clitemestra? Ma quando tu balli questi pantomimi, è tanta la snervatezza del tuo animo, tanta la paura del ferro, che balli senza il punteruolo. Torniamo sui nostri passi. Pudentilla quando vide che suo figlio, contro ogni aspettazione, si era rivoltato contro di lei, andata in campagna, gli scrisse per rimproverarlo quella famosissima lettera nella quale – come costoro affermavano – confessava che indotta in amore con le mie arti magiche aveva smarrito la ragione. Di questa lettera, presente il segretario di Ponziano e col controllo di Emiliano, l’altro ieri, per ordine tuo, Massimo, abbiamo fatto trascrivere una copia con ogni legale garanzia. E in essa, contro le asserzioni di costoro, tutto è in mio favore.

Apologia (Apuleio)

Brano 79Apologia (Apuleio):

Testo originale:

quamquam, etsi destrictius magum me dixisset, posset uideri excusabunda se filio uim meam quam uoluntatem suam causari maluisse. an sola Phaedra falsum epistolium de amore commenta est, ac non omnibus mulieribus haec ars usitata est, ut, cum aliquid eius modi uelle coeperunt, malint coactae uideri? quod si etiam animo ita putauit, me magum esse, idcircone magus habear, quia hoc scripsit Pudentilla? uos tot argumentis, tot testibus, tanta oratione magum me non probatis: illa uno uerbo probaret? et quanto tandem grauius habendum est quod in iudicio subscribitur quam quod in epistola scribitur. quin tu me meismet factis, non alienis uerbis reuincis? ceterum eadem uia multi rei cuiusuis maleficii postulabuntur, si ratum futurum est quod quisque in epistola sua uel amore uel odio cuiuspiam scripserit. ‘magum te scripsit Pudentilla: igitur magus es.’ quid, si consulem me scripsisset: consul essem? quid enim, si pictorem, si medicum, quid denique, si innocentem? num aliquid horum putares idcirco, quod illa dixisset? nihil scilicet. atqui periniurium est ei fidem in peioribus [habere, cui in melioribus] non haberes, posse litteras eius ad perniciem, non posse ad salutem. ‘sed’ inquit ‘animi [furens] fuit, efflictim te amabat.’ concedo interim. num tamen omnes qui amantur magi sunt, si hoc forte qui amat scripserit? c[r]edo nunc quod Pudentilla me in eo tempore non amabat, siquidem id foras scripsit, quod palam erat mihi obfuturum.

Traduzione:

Ma voglio pure ammettere che Pudentilla senz’altro mi abbia chiamato mago. Ciò potrebbe significare che essa, per giustificarsi presso il figlio, abbia voluto addurre a pretesto il mio potere piuttosto che la sua voglia. Forse la sola Fedra, in grazia del suo amore, ideò una letterina bugiarda, o non è questo piuttosto un artificio di tutte le donne che, quando han cominciato a esser prese dal desiderio amoroso, preferiscono sembrare di aver ceduto alla forza? E se anche credette sinceramente che io fossi un mago, per questo devo essere giudicato mago, perché lo scrisse Pudentilla? Voi con tanti argomenti, con tanti testimoni, con tanti discorsi, non riuscite a provare la mia magia: e quella con una sola parola, si? Una dichiarazione sottoscritta in giudizio ha infine un peso assai maggiore che una lettera privata. Perché non mi combatti con le mie stesse azioni, anzi che con le parole altrui? Con questo sistema molti saranno accusati di un qualsiasi maleficio, se si darà valore a ciò che un tale in una lettera avrò scritto o per amore o per odio. “Pudentilla ha scritto che sei mago: dunque sei mago”. E se avesse scritto che sono console, sarei console? E se pittore, medico e infine innocente, sarei tale per voi, perché essa l’ha detto? No, certamente. È una vera iniquità prestar fede ad uno quando è contrario, e quando è favorevole, no: dire che una lettera è valida se manda in rovina e non lo è se può salvare. “Ma, dice, essa era troppo turbata allora: essa ti amava perdutamente”. Sia pure; tutte le persone amate, dunque, sono dei maghi, se così ha scritto chi ama. Debbo ammettere ora che Pudentilla non mi amasse in quel tempo, se davvero le scappò scritto ciò che pubblicamente mi avrebbe nociuto.

Apologia (Apuleio)

Brano 80Apologia (Apuleio):

Testo originale:

postremo quid uis, sanam an insanam fuisse, dum scriberet? sanam dices? nihil ergo erat magicis artibus passa. insanam respondebis? nesciit ergo quid scribserit, eoque ei fides non habenda est; immo etiam, si fuisset insana, insanam se esse nescisset. nam ut absurde facit qui tacere se dicit, quod ibidem dicendo tacere sese non tacet et ipsa professione quod profitetur infirmat, ita uel magis hoc repugnat: ‘ego insanio’, quod uerum non est, nisi sciens dicit; porro sanus est, qui scit quid sit insania, quippe insania scire se non potest, non magis quam caecitas se uidere. igitur Pudentilla compos mentis fuit, si compotem mentis se non putabat. possum, si uelim, pluribus, sed mitto dialectica. ipsas litteras longe aliud clamantis et quasi dedita opera ad iudicium istud praeparatas et accommodatas recitabo. accipe tu et lege, usque dum ego interloquar. — Sustine paulisper quae secuntur; nam ad deuerticulum rei uentum est. adhuc enim, Maxime, quantum equidem animaduerti, nusquam mulier magiam nominauit, sed ordinem repetiuit eundem, quem ego paulo prius, de longa uiduitate, de remedio ualetudinis, de uoluntate nubendi, de meis laudibus, quas ex Pontiano cognouerat, de suasu ipsius, ut mihi potissimum nuberet.

Traduzione:

Insomma che cosa vuoi? Era sana o no, quando scriveva? Era sana? E allora non era vittima di arti magiche. Era insana? Allora, non sapeva per certo quello che scriveva, e le sue parole non meritano fede; anzi, se fosse stata veramente insana avrebbe ignorato di esserlo. Come opera assurdamente colui che dice di tacere, perché nel momento in cui dice di tacere non tace, e con la stessa dichiarazione infirma ciò che dichiara: così è più contraddittorio dire “sono pazzo”, perché non è vero se non quello che si dice scientemente; e sano è colui il quale sa che cosa sia la pazzia, perché la pazzia non si può conoscere da sé come la cecità non può vedere se stessa. Dunque Pudentilla era in possesso della sua ragione se credeva di non esserlo. Potrei, se volessi, seguitare ancora, ma lascio la dialettica. Farò leggere la lettera: essa proclama ben altro, e pare sia stata appositamente preparata e adattata a questo processo. (Al cancelliere.) Ecco, tieni e leggi fino a che ti interromperà (lettura del documento). Sospendi per un momento, perché siamo giunti alla svolta. Fino a questo punto, Massimo, per quanto ho notato, la donna non ha mai fatto cenno di magia; essa ha mantenuto lo stesso ordine mio nel parlare della lunga vedovanza, delle cure occorrenti alla sua salute, della sua volontà di sposare, dei meriti miei, quali aveva sentito da Ponziano, e dei consigli dello stesso perché mi preferisse come marito.

Apologia (Apuleio)

Brano 81Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Haec usque adhuc lecta sunt. superest ea pars epistulae, quae similiter pro me scripta in memet ipsum uertit cornua, ad expellendum a me crimen magiae sedulo [o]missa memorabili laude Rufini uice[m] mutauit et ultro contrariam mihi opinionem quorundam Oeensium quasi mago quaesiuit. multa fando, Maxime, audisti, etiam plura legendo didicisti, non pauca experiendo comperisti: sed enim uersutiam tam insidiosam, tam admirabili scelere conflatam negabis te umquam cognouisse. quis Palamedes, qui[s] Sisyphus, quis denique Eurybates aut Phrynondas talem excogitasset? omnes isti quos nominaui et si qui praeterea fuerunt dolo memorandi, si cum hac una Rufini fallacia contendantur, macc[h]i prorsus et bucc[h]ones uidebuntur. o mirum commentum! o subtilitas digna carcere et robore! quis credat effici potuisse, ut quae defensio fuerat, eadem manentibus eisdem litteris in accusationem transuerteretur? est hercule incredibile. sed hoc incredibile qui sit factum, probabo.

Traduzione:

Si è letto fin qui. Resta quella parte della lettera che, similmente scritta in mio favore, rivolge le corna contro di me; mandata appositamente per espellere da me l’imputazione di magia, mercè la memorabile abilità di Rufino, sortì un effetto diverso ed anzi confermò la opinione di taluni di Oea che mi avversavano come mago. Molte cose hai udite con la conversazione, Massimo; di più ne hai apprese con la lettura; non poche hai trovate con l’esperienza: ma una furberia così insidiosa, combinata con così mirabile scelleraggine, non dirai di averla mai conosciuta. Quale Palamede, quale Sisifo, quale Euribate o Frinonda, ne avrebbero escogitato una simile? Tutti costoro che ho nominato e quanti altri sono stati memorandi per trappolerie, al paragone di codesta unica falsità di Rufino appariranno dei perfetti sciocconi da farsa, Oh mirabile trovata! Sottigliezza degna del carcere duro. Chi crederebbe si possa convertire in accusa quella che era stata una difesa, senza mutare una lettera sola? È incredibile: ma l’incredibile dimostrerò com’è avvenuto.

Apologia (Apuleio)

Brano 82Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Obiurgatio erat matris ad filium, quod me, talem uirum qualem sibi praedicasset, nunc de Rufini sententia magum dictitaret. uerba ipsa ad hunc modum se habebant: [??.]haec ipsa uerba Rufinus quae Graece interposui sola excerpta et ab ordine suo seiugata quasi confessionem mulieris circumferens et Pontianum flentem per forum ductans uulgo ostendebat, ipsas mulieris litteras illatenus qua dixi legendas praebebat, cetera supra et infra scribta occultabat; turpiora esse quam ut ostenderentur dictitabat: satis esse confessionem mulieris de magia cognosci. quid quaeris? uerisimile omnibus uisum; quae purgandi mei gratia scripta erant, eadem mihi immanem inuidiam apud imperitos conciuere. turbabat impurus hic in medio foro bacchabundus, epistulam saepe aperiens proquiritabat: ‘Apuleius magus; dicit ipsa quae sentit et patitur; quid uultis amplius?’ nemo erat qui pro me ferret ac sic responderet: ‘totam sodes epistulam cedo: sine omnia inspiciam, [a] principio ad finem perlegam. multa sunt, quae sola prolata calumniae possint uideri obnoxia. cuiauis oratio insimulari potest, si ea quae ex prioribus nexa sunt principio sui defrudentur, si quaedam ex ordine scriptorum ad lubidinem supprimantur, si quae simulationis causa dicta sunt adseuerantis pronuntiatione quam exprobrantis legantur’. haec et id genus ea quam merito tunc dici potuerunt; ipse ordo epistulae ostendat.

Traduzione:

Era un rimprovero della madre al figlio il quale, dopo avermi lodato quale personaggio di gran merito, ora, in ossequio alla volontà di Rufino, andava spacciando che ero un mago. Ecco le sue parole testuali: “Apuleio è un mago: e mi ha stregata, e sono presa d’amore. Vieni dunque da me, finché conservo ancora la ragione”. Queste parole, che ho citato in greco, staccate dal loro contesto e prese a sé, Rufino le portava in giro quale confessione della donna, traendosi dietro per il foro Ponziano piangente, e le mostrava a tutti e le dava a leggere fino al punto che ho detto, occultando tutte le altre, prima e dopo, dicendo che eran troppo scandalose per essere mostrate: e che rispetto alla magia era già abbastanza la confessione della donna. In una parola: tutti credettero. Quelle stesse parole, appunto, scritte in mio favore, presso gl’ignari sollevarono una violenta animosità. Metteva scompiglio, questo immondo, nel mezzo della piazza, come invasato; e aprendo spesso la lettera strillava: “Apuleio è mago! Lo dice lei stessa che lo sente e lo patisce. Che volete di più?” E non c’era nessuno che si presentasse per me e rispondesse: “Per favore, fammi vedere tutta la lettera; lascia ch’io legga tutto, dal principio alla fine. Molte parole ci sono che, presentate sole, potrebbero dare appiglio a calunnie. Quando alle conseguenze si tolgano le premesse e si sopprimano ad arbitrio talune frasi e le cose dette per finzione si leggano con accento di affermazione anzi che di rimprovero, allora qualsivoglia discorso si può prestare all’accusa”. Questo si poteva allora giustamente osservare. Ecco il testo della lettera.

Apologia (Apuleio)

Brano 83Apologia (Apuleio):

Testo originale:

At tu, Aemiliane, recognosce, an et haec mecum testato descripseris: [???]. Oro te, Maxime, si litterae ita, ut partim uocales dicuntur, etiam propriam uocem usurparent, si uerba ita, ut poetae aiunt, pinnis apta uulgo uolarent, nonne, cum primum epistolam istam Rufinus mala fide excerperet, pauca legeret, multa et meliora sciens reticeret, nonne tunc ceterae litterae sceleste se detineri proclamassent, uerba suppressa de Rufini manibus foras euolassent, totum forum tumultu complessent: ‘se quoque a Pudentilla missas, sibi etiam quae dicerent mandata; improbo ac nefario homini per alienas litteras falsum facere temptanti nec auscultarent, sibi potius audirent; Apuleium magiae non accusatum a Pudentilla, sed accusante Rufino absolutum’? quae omnia etsi tum dicta non sunt, tamen nunc, cum magis prosunt, luce inlustrius apparent. patent artes tuae, Rufine, fraudes hiant, detectum mendacium est: ueritas olim interuersa nun[c] se fert et uelut alto barathro calumnia se mergit.

Traduzione:

Verifica, Emiliano, se anche qui la tua copia sia stata scritta, come la mia, esattamente: Avevo deciso, per le ragioni che ho detto, di rimaritarmi, e tu stesso mi avevi persuaso scegliere costui a preferenza di tutti, per la stima che ne avevi e per il desiderio di farlo subito, per mio tramite, nostro parente. Ma ora, poiché i nostri accusatori malvagi ti hanno fatto girare la testa, ecco a un tratto Apuleio è un mago e m’ha stregata e sono presa d’amore. Vieni dunque da me finché conservo ancora la ragione. Ti prego, Massimo; se le lettere, così come hanno in parte il nome di vocali, possedessero anche una voce propria e se, munite di ali, fossero solite volare, come dicono i poeti, quando Rufino estraeva in malafede questa epistola e ne leggeva pochi passi, tacendo di proposito tutto quanto mi era favorevole, non forse allora le altre lettere avrebbero proclamato di essere state delittuosamente trattenute in arresto, e le parole soppresse non sarebbero volate via dalle mani di Rufino riempiendo di schiamazzo tutto il foro? Questo avrebbero detto: “Anche noi siamo state inviate da Pudentilla e abbiamo da esporre il nostro mandato. Non si dia ascolto a un uomo cattivo e scellerato che tenta di operare con le altre lettere il falso: noi dobbiamo essere udite. Pudentilla non ha accusato Apuleio di magia; Rufino l’ha accusato, e Pudentilla l’ha assolto”. Non sono state dette queste cose: ma oggi, quando più esse mi giovano, appariscono più chiare della luce. Sono scoperte le tue arti, Rufino: le tue frodi spalancano la bocca, la tua menzogna è senza veli. La verità un giorno rovesciata ora prorompe e la calunnia si inabissa.

Apologia (Apuleio)

Brano 84Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Ad litteras Pudentillae prouocastis: litteris uinco, quarum si uultis extremam quoque clausulam audire, non inuidebo. dic tu, quibus uerbis epistulam finierit mulier obcantata, uecors, amens, amans: [?.] etiamne amplius? reclamat uobis Pudentilla et sanitatem suam a uestris calumniis quodam praeconio uindicat nubendi autem seu rationem seu necessitatem fato adscribit, a quo multum magia remota est uel potius omnino sublata. quae enim relinquitur uis cantaminibus et ueneficiis, si fatum rei cuiusque ueluti uiolentissimus torrens neque retineri potest neque impelli? igitur hac sententia sua Pudentilla non modo me magum, sed omnino esse magiam negauit. bene, quod integras epistolas matris Pontianus ex more adseruauit; bene, quod uos festinatio iudicii anteuortit, ne quid in istis litteris ex otio nouaretis. tuum hoc, Maxime, tuaeque prouidentiae beneficium est, quod a principio intellectas calumnias, ne corroborarentur tempore, praecipitasti et nulla[m] impertita mora subneruiasti. finge nunc aliquid matrem filio secretis litteris de amore, uti adsolet, confessam. hocine uerum fuit, Rufine, hoc non dico pium, sed saltem humanum, prouulgari eas litteras et potissimum fili praeconio puplicari? sed sum[ne] ego insci[t]us, qui postulo, ut alienum pudorem conserues qui tuum perdideris?

Traduzione:

Vi siete appellati alla lettera di Pudentilla; la lettera mi da la vittoria. Se volete ascoltare anche le ultime parole della chiusa, sarò ben contento. (Al segretario.) Di’ tu con quali parole finiva la sua lettera questa donna incantata, insensata, demente, amante: “Io non sono né stregata, né innamorata: il destino…? (Si rivolge agli avversari.) Ne volete ancora di più? Grida contro di voi Pudentilla e la sua assennatezza rivendica solennemente contro le vostre calunnie; sia la ragione, sia la necessità del matrimonio essa rivendica al destino, il quale non ha rapporti con la magia, anzi, più esattamente, la sopprime. Infatti, quale potenza rimane agli incantesimi e ai malefici se il destino di ogni cosa, come impetuosissimo torrente, non può essere né fermato né sospinto? Con questa frase Pudentilla negò non solo che io sia un mago, ma addirittura che esista la magia. È bene che Ponziano abbia avuto l’abitudine di conservare intatte le lettere materne: è bene che la fretta di questo processo vi abbia tolto il tempo necessario per fare qualche mutazione in questa lettera qui. È beneficio tuo, Massimo, e della tua previdenza se, subodorata fin da principio la calunnia, perché col tempo non prendesse forza, la portasti subito in giudizio e senza indugio l’hai stroncata. Ora supponi che la madre abbia confessato al figlio, come suole avvenire in una lettera confidenziale, qualcosa intorno a un suo amore. Sarebbe stato giusto, Rufino, sarebbe stato non dico rispettoso, ma almeno umano, divulgare questa lettera e farne del figlio il banditore? Ma sono davvero un ingenuo io che chiedo ti faccia custode dell’altrui pudore, tu che hai perduto il tuo.

Apologia (Apuleio)

Brano 85Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Cur autem praeterita conqueror, cum non sint minus acerba praesentia? hocusque a uobis miserum istum puerum deprauatum, ut matris suae epistulas quas putat amatorias pro tribunali procons(ulari) recitet apud uirum sanctissimum Cl(audium) Maximum, ante has imp(eratoris) Pii statuas filius matri suae pudenda exprobret stupra et amores obiectet? quis tam est mitis quin exacerbescat? tune, ultime, parentis tuae animum in istis scrutaris, oculos obseruas, suspiritus numeras, adfectiones exploras, tabulas intercipis, amorem reuincis? tune, quid in cubiculo agat, perquiris, ne mater tua non dico amatrix, sed ne omnino femina aest[imetur. nihil]ne tu in ea cogitas nisi unam parentis religionem? o infelix uterum tuum, Pudentilla, o sterilitas liberis potior, o infausti decem menses, o ingrati XIV anni uiduitatis! uipera, ut audio, exeso matris utero in lucem proserpit atque ita parricidio gignitur: at enim tibi a filio iam adulto acerbiores morsus uiuenti et uidenti offeruntur. silentium tuum laniatur, pudor tuus carpitur, pectus tuum foditur, uiscera intima protrahuntur. hascine gratias bonus filius matri rependis ob datam uitam, ob adquisitam hereditatem, ob XIIII annorum longas alimonias? hiscine te patruus disciplinis erudiuit, ut, si compertum habeas filios tibi similes futuros, non audeas ducere uxorem? est ille poetae uersus non ignotus: ‘odi puerulos praecoqui sapientia’, sed enim malitia praecoqui puerum quis non auersetur atque oderit, cum uideat uelut monstrum quoddam prius robustum scelere quam tempore, ante nocentem quam potentem, uiridi pueritia, cana malitia? uel potius hoc magis noxium, quod cum uenia perniciosus est et nondum poenae, iam iniuriae sufficit — iniuriae dico? immo enim sceleri aduersum parentem nefando, immani, impetibili.

Traduzione:

Ma perché lamentare il passato, quando non è meno acerbo il presente? Fino a tal punto avete depravato codesto sciagurato ragazzo, sino a tal punto che egli viene a leggere le lettere di sua madre – ch’egli crede lettere di amore – dinanzi al tribunale del proconsole, dinanzi a un uomo venerabilissimo, Claudio Massimo: e qui, presenti le statue dell’imperatore Pio, rimprovera alla madre vergognosi traviamenti e le getta in faccia i suoi amori? Chi è tanto misericordioso da non esasperarsi? Tu, il più spregevole di tutti, in mezzo a costoro osi scrutare l’animo della tua genitrice, ne osservi gli sguardi, conti i suoi sospiri, esplori gli affetti, intercetti gli scritti, ne comprovi gli amori? Tu ardisci spiare quel ch’essa faccia nell’intimità dell’alcova, di guisa che alla madre tua non sia lecito essere, non dico un’amante, ma neppure una donna? E credi che in tua madre non ci debba essere altro vincolo che quello dei figli? Disgraziato fu il tuo seno, Pudentilla: e desiderabile la sterilità e infausti i dieci mesi di gravidanza, e mal compensati i quattordici anni di vedovanza. La vipera, si dice, divorato il seno della madre, striscia fuori alla luce e così nasce mercè un parricidio. Ma tu, Pudentilla, dal tuo figlio ormai cresciuto sei addentata mentre vivi e mentre guardi, è fatto a pezzi il tuo silenzio, assalito il tuo pudore, scavato il tuo cuore, tratti fuori i visceri più riposti. Questi sono i ringraziamenti che il buon figlio porge alla madre in compenso della vita che gli è stata data, dell’eredità salvata, del lungo mantenimento per quattordici anni? Sono queste le lezioni con cui t’ha istruito tuo zio, tali, che se tu fossi certo di avere figli simili a te, dovresti ben guardarti dal pigliar moglie? È noto quel verso del poeta: “Odio i fanciulli di saggezza precoce”; ma, perdinci, anche per un fanciullo di precoce cattiveria chi non ha avversione e odio, quando vede un mostro più avanti nell’infamia che nella vita, delinquente prima che capace a delinquere, di verde puerizia e di canuta malizia? tanto più nocivo in quanto fa il male impunemente, e non ancora maturo per le pene, lo è per l’ingiuria. Per l’ingiuria, ho detto? No, no, per il delitto verso la madre, nefando, mostruoso, intollerabile.

Apologia (Apuleio)

Brano 86Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Athenienses quidem propter commune ius humanitatis ex captiuis epistulis Philippi Macedonis hostis sui unam epistulam, cum singulae publice legerentur, recitari prohibuerunt, quae erat ad uxorem Olympiadem conscripta; hosti potius pepercerunt, ne maritale secretum diuulgarent, praeferendum rati fas commune propriae ultioni. tales hostes aduersum hostem: tu qualis filius aduersum matrem. uides, quam similia contendam. tu tamen filius matris epistulas de amore, ut ais, scriptas in isto coetu legis, in quo si aliquem poetam lasciuiorem iubereris legere, profecto non auderes; pudore tamen aliquo impedirere. immo enim nunquam matris tuae litteras attigisses, si ullas alias litteras attigisses. at quam ausus es tuam ipsius epistulam legendam dare, quam nimis irreuerenter, nimis contumeliose et turpiter de matre tua scriptam, cum adhuc in eius sinu alerere, miseras clanculo ad Pontianum, scilicet ne semel peccasses ac tam bonum tuum factum optutu capesseret. miser, non intellegis iccirco patruum tuum hoc fieri passum, quod se hominibus purgaret, si ex litteris tuis nosceretur te etiam prius, quam ad eum commigrasses, etiam cum matri blandirere, tamen iam tum uolpionem et impium fuisse.

Traduzione:

Caddero nelle mani degli Ateniesi alcune lettere di Filippo, col quale erano in guerra: e furono lette in pubblico tutte quante, tranne una, diretta alla moglie Olimpiade: di questa fu proibita la lettura in forza di un comune diritto di umanità. Usarono riguardo al nemico piuttosto che divulgare un segreto maritale, pensando che il diritto comune vale pi? della propria vendetta. Tali i nemici col nemico; tu come ti sei comportato con la madre? Vedi quanto siano simili i termini del mio confronto. Ma tu, figlio, le lettere materne – lettere di amore, come dici – leggi in questa adunanza dove se ti invitassero a leggere versi di qualche poeta un po’ licenzioso, non oseresti certamente, trattenuto da un resto di pudore. Dirò di più: se tu avessi alcun gusto di lettere, non avresti mai toccato le lettere di tua madre. Inoltre, hai avuto l’audacia di far leggere proprio la lettera tua, quella lettera così irriverente, oltraggiosa, turpe nei riguardi di tua madre, scritta quando eri ancora nutrito dalle sue cure, mandata di nascosto a tuo fratello Ponziano, s’intende bene, per non limitarti a un solo peccato e perché egli, Ponziano, con un’occhiata potesse cogliere la tua magnifica azione. Miserabile, non intendi che tuo zio lasciò che tu operassi in tal modo per potersi giustificare con la gente, quando dalle tue lettere fosse apparso che ancor prima di recarti presso di lui, mentre ancora facevi le carezze alla mamma, eri fin da allora un volpone e un perverso.

Apologia (Apuleio)

Brano 87Apologia (Apuleio):

Testo originale:

ceterum nequeo in animum inducere tam stultum Aemilianum esse, ut arbitretur mihi litteras pueri et eiusdem accusatoris me[i] offuturas. Fuit et illa commenticia epistula neque mea manu scripta neque uerisimiliter conficta, qua uideri uolebant blanditiis a me mulierem sollicitatam. cur ego blandirem, si magia confidebam? qua autem uia ad istos peruenit epistula, ad Pudentillam scilicet per aliquem fidelem missa, ut in re tali accurari solet? cur praeterea tam uitiosis uerbis, tam barbaro sermone ego scriberem, quem idem dicunt nequaquam Graecae linguae imperitum? cur autem tam absurdis tamque tabernariis blanditiis subigitarem, quem idem aiunt uersibus amatoriis satis scite lasciuire? sic est profecto, cuiuis palam est: hic, qui epistulam Pudentillae Graecatiorem legere non potuerat, hanc ut suam facilius legit et aptius commendauit. Sed iam de epistulis satis dictum habebo, si hoc unum addidero: Pudentillam, quae scribserat dissimulamenti causa et deridiculi: [?.] post hasce litteras euocasse ad se filios et nurum, cum his ferme duobus mensibus conuersatam. dicat hic pius filius, quid in eo tempore sequius agentem uel loquentem matrem suam propter insaniam uiderit; neget eam rationibus uilliconum et upilionum et equisonum sollertissime subscripsisse; neget fratrem suum Pontianum grauiter ab ea monitum, ut sibi ab insidiis Rufini caueret; neget uere obiurgatum, quod litteras, quas ad eum miserat, uulgo circumtulisset nec tamen bona fide legisset; neget post ista quae dixi matrem suam mihi apud uillam iam pridem condicto loco nubsisse.

Traduzione:

D’altra parte non posso immaginarmi Emiliano tanto sciocco da credere possa danneggiarmi la lettera di un ragazzo che è inoltre mio accusatore. Ma c’é ancora una lettera, falsa, non scritta di mia mano, messa insieme senza verosimiglianza, con la quale volevano far apparire la donna sollecitata dalle mie blandizie. Perché dovevo ricorrere alle biandizie, se potevo disporre della magia? E per quali vie poté giungere alle mani di costoro una lettera mandata a Pudentilla, naturalmente per mezzo di fidata persona, come si ha cura di fare in tali circostanze? E perché poi avrei scritto con errori, in un linguaggio tanto barbaro, io che, siccome essi stessi dicono, m’intendo un poco di lingua greca? E finalmente perché avrei dovuto stuzzicare la donna con lusinghe così assurde e grossolane, mentre essi stessi decantano il mio gusto nelle procaci galanterie poetiche? Così è certamente: la cosa è manifesta a chiunque: costui, che non ha saputo leggere la lettera di Pudentilla, scritta in miglior greco, ha potuto leggere con più scioltezza ed efficacia questa lettera, in quanto era sua. Ma ora basta con le lettere. Mi si consenta una sola osservazione. Pudentilla che aveva scritto ironicamente e per beffa: “Vieni dunque da me, finché conservo la ragione”, dopo questa lettera chiamò a sé i figli e la nuora e convisse con loro circa due mesi. Dica questo pietoso figliuolo se egli abbia visto allora la madre sua operare e ragionare male per pazzia; neghi che lei abbia riveduto e sottoscritto con la massima accortezza i conti degli affittuari, dei pastori, degli stallieri; neghi che suo fratello Ponziano sia stato da lei gravemente ammonito perché si guardasse dalle insidie di Rufino; neghi ch’egli sia stato meritamente biasimato per aver portato in giro e aver letto in malafede una lettera che la madre gli aveva mandato: e dopo questo, neghi che la madre sua si è con me sposata in una casa di campagna, come si era da un pezzo convenuto. Si era deciso così, di sposarci in una villa del suburbio, per evitare che la gente accorresse di nuovo ai regali, dopo che Pudentilla aveva gettato via al popolo cinquantamila sesterzi, il giorno in cui Ponziano prese moglie e questo ragazzo vestì la toga; inoltre si era voluto fare a meno dei tanti banchetti e fastidi che per lo più, secondo l’usanza, i mariti novelli devono patire.

Apologia (Apuleio)

Brano 88Apologia (Apuleio):

Testo originale:

quippe ita placuerat, in suburbana uilla potius ut coniungeremur, ne ciues denuo ad sportulas conuolarent, cum haud pridem Pudentilla de suo quinquaginta milia nummum [in] populum expunxisset ea die, qua Pontianus uxorem duxit et hic puerulus toga est inuolutus, praeterea, ut conuiuiis multis ac molestiis supersederemus, quae ferme ex more nouis maritis obeunda sunt. Habes, Aemiliane, causam totam, cur tabulae nubtiales inter me ac Pudentillam non in oppido sint, sed in uilla suburbana consignatae: ne quinquaginta milia nummum denuo profundenda essent nec tecum aut apud te cenandum. estne causa idonea? miror tamen, quod tu a[m] uilla[m] tantopere abhorreas, qui plerumque rure uersere. lex quidem Iulia de maritandis ordinibus nusquam sui ad hunc modum interdicit: ‘uxorem in uilla ne ducito’; immo si uerum uelis, uxor ad prolem multo auspicatius in uilla quam in oppido ducitur, in solo uberi quam in loco sterili, in agri cespite quam in fori silice. mater futura in ipso materno si[nu] nubat, in segete adulta, super fecundam glebam, uel enim sub ulmo marita cubet, in ipso gremio terrae matris, inter suboles herbarum et propagines uitium et arborum germina. ibi et ille celeberrimus in comoediis uersus de proximo congruit: [??.]. Romanorum etiam maioribus Quintis et Serranis et multis aliis similibus non modo uxores, uerum etiam consulatus et dictaturae in agris offerebantur. cohibe[b]am me in tam prolixo loco, ne tibi gratum faciam, si uillam laudauero.

Traduzione:

Eccoti, Emiliano, la sola ragione per cui l’atto nuziale fra me e Pudentilla fu sottoscritto in campagna e non in città, per non gettare di nuovo cinquantamila sesterzi e per non pranzare né con te né a casa tua. Non ti pare motivo sufficiente? Mi stupisco tuttavia perché hai tanto in orrore la campagna, tu che ci passi quasi tutta la vita. La legge Giulia sul matrimonio degli ordini sociali, in nessuna parte interdice: “è vietato sposare in campagna”; anzi, se vuoi saperlo, è molto più di buon auspicio per la prole prender moglie in campagna che in città, in un terreno fertile anziché in un luogo sterile, sulle zolle erbose dei campi anziché sopra il selciato di una piazza. Quella che sarà madre sia sposa nel medesimo seno materno, tra le messi cresciute, sulla gleba feconda, o si giaccia a più dell’olmo maritale, sullo stesso grembo della terra madre, fra la progenie delle erbe e le propaggini delle viti e i germogli degli alberi. E qui torna benissimo quel verso tante volte ripetuto nelle commedie: “per la generazione dei figli legittimi”. Anche agli antichi Romani, ai Quinzii, ai Serrani, e a molti altri non soltanto le mogli, ma anche i consolati e le dittature venivano offerti in campagna. È bene che io mi arresti in un campo tanto esteso, per non far piacere a te, a un campagnolo, se avrò fatto le lodi della campagna.

Apologia (Apuleio)

Brano 89Apologia (Apuleio):

Testo originale:

De aetate uero Pudentillae, de qua post ista satis confidenter mentitus es, ut etiam sexaginta annos natam diceres nubsisse, de ea tibi paucis respondebo: nam [non] necesse est in re tam perspicua pluribus disputare. Pater eius natam sibi filiam more ceterorum professus est. tabulae eius partim tabulario publico partim domo adseruantur, quae iam tibi ob os obiciuntur. porrige tu Aemiliano tabulas istas: linum consideret, signa quae impressa sunt recognoscat, consules legat, annos computet, quos sexaginta mulieri adsignabat. probet quinque et quinquaginta: lustro mentitus sit. parum hoc est, liberalius agam, — nam et ipse Pudentillae multos annos largitus est, redonabo igitur uicissim decem annos — Mezentius cum Vlixe errauit: quinquaginta saltem annorum mulierem ostendat. quid multis? ut cum quadruplatore agam, bis duplum quinquennium faciam, uiginti annos semel detraham. iube, Maxime, consules computari: nisi fallor, inuenies nunc Pudentillae haud multo amplius quadragensimum annum aetatis ire. o falsum audax et nimium, o mendacium uiginti annorum exilio puniendum. dimidio tanta, Aemiliane, mentiris, falsa audes sesquealtera. si triginta annos pro decem dixisses, posses uideri computationis gestu errasse, quos circulare debueris digitos adgessisse. cum uero quadraginta, quae facilius ceteris porrecta palma significantur, ea quadraginta tu dimidio auges, non potes[t] digitorum gestu errasse, nisi forte triginta annorum Pudentillam ratus binos cuiusque anni consules numerasti.

Traduzione:

Quanto all’età di Pudentilla, tu hai sfacciatamente mentito, asserendo che essa ha sposato a sessant’anni. Ti risponderò in poche parole perché su una cosa tanto chiara non c’è da fare molti ragionamenti. Il padre di Pudentilla dichiarò, secondo l’uso, la nascita della figlia: e i documenti sono conservati parte nel pubblico archivio, parte in casa: e adesso, eccoli qua. (Al segretario.) Presentali ad Emiliano: ne osservi il filo, riconosca i sigilli, legga i nomi dei consoli e faccia il conto degli anni. Gliene aveva assegnati sessanta. Ammesso che ne provi cinquantacinque, mentirebbe per un lustro soltanto. È poco. Voglio essere più liberale ancora; poiché egli ha elargito molti anni a Pudentilla, gli renderò in cambio dieci anni. Mezentio ha errato con Ulisse. Che egli dia almeno la prova di questi cinquant’anni; per finirla: giacché devo trattare con un quadruplicatore, moltiplico i cinque anni per quattro e d’un sol colpo ne detraggo venti. Massimo, fai fare il computo dei consoli: se non mi sbaglio, troverai che ora Pudentilla non ha passato di molto i quarant’anni. Falsità audace! Menzogna meritevole di un esilio di venti anni. Tu aggiungi di tuo la bagattella della metà; osi alterare i numeri di una metà in più. Se tu avessi detto trent’anni invece di dieci, si potrebbe credere che tu avessi sbagliato nelle mosse del calcolo, aprendo le dita che avresti dovuto piegare in cerchio; ma quando il numero di quaranta che, più facilmente degli altri, si indica colla palma protesa, quando il numero di quaranta tu accresci della metà, l’errore non è più delle dita. Può essere tuttavia che tu, credendo Pudentilla una giovane di trent’anni, abbia computato un anno per ognuno dei due consoli.

Apologia (Apuleio)

Brano 90Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Missa haec facio. uenio nunc ad ipsum stirpem accusationis, ad ipsam causam maleficii. respondeat Aemilianus et Rufinus, ob quod emolumentum, etsi maxime magus forem, Pudentillam carminibus et uenenis ad matrimonium pellexissem. atque ego scio plerosque reos alicuius facinoris postulatos, si fuisse quaepiam causae probarentur, hoc uno se tamen [h]abunde defendisse, uitam suam procul ab huiusmodi sceleribus abhorrere nec id sibi obesse debere, quod uideantur quaedam fuisse ad maleficiundum inuitamenta; non enim omnia quae fieri pot[u]erint pro factis habenda, rerum uices uarias euenire: certum indicem cuiusque animum esse; qui semper eodem ingenio ad uirtutem uel malitiam moratus firmum argumentum est accipiendi criminis aut respuendi. haec ego quamquam possim merito dicere, tamen uobis condono nec satis mihi duco, si me omnium quae insimulastis abunde purgaui, [ni]si nusquam passus sum uel exiguam suspicionem magiae consistere. reputate uobiscum, quanta fiducia innocentiae meae quantoque despectu uestri agam: si una causa uel minima fuerit inuenta, cur ego debuerim Pudentillae nubtias ob aliquod meum commodum appetere, si quamlibet modicum emolumentum probaueritis, ego ille sim Carmendas uel Damigeron uel + his + Moses uel I[oh]annes uel Apollobex uel ipse Dardanus uel quicumque alius post Zoroastren et Hostanen inter magos celebratus est.

Traduzione:

Ma di ciò basta. Vengo ora proprio alla base dell’accusa, alla vera ragione del magico maleficio. Rispondano Emiliano e Rufino, per quale emolumento – fossi io anche il più gran mago del mondo – avrei con incantesimi e filtri costretto Pudentilla al matrimonio. So bene che molti dei giudicabili, imputati di qualche misfatto, se anche potevasi dimostrare che non eran mancate le ragioni del delitto, con questo solo argomento si sono largamente difesi, dicendo che la loro vita era in contrasto con tal genere di delitti, e che non doveva loro recar danno l’apparente interesse a delinquere. Infatti non tutte le cose che potrebbero accadere sono da ritenersi accadute: le vicende della vita non avvengono tutte d’un modo. Sicuro indizio è il carattere di ciascuno. Una costante e naturale inclinazione al bene o al male, è questo un saldo argomento per accogliere o respingere un’accusa. Queste cose potrei a buon diritto giustamente ripetere: ma ve ne faccio grazia: io non mi ritengo interamente purgato da tutte le vostre accuse sino a che possa rimanere in qualche punto il più leggero sospetto di magia. Considerate bene con quanta fiducia nella mia innocenza io agisca e con quanto disprezzo per voi. Si trovi una causa, una minima causa di lucro che abbia potuto farmi appetire le nozze di Pudentilla; si provi che io ne abbia ricevuto un qualsiasi modestissimo vantaggio, ebbene, allora, io sia pure un Carmenda, un Damigerone, un Mosè, un Ianne, un Apollobex, un Dardano e chiunque altro, dopo Zoroastro e Ostane, ? celebrato come mago. (Alla rievocazione dei più celebri maghi la parte avversaria insorge protestando: e non è da escludere che anche parte del pubblico abbia mostrato il suo malumore per questo che poteva sembrare un appello alle potenze malefiche.)

Apologia (Apuleio)

Brano 91Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Vide quaeso, Maxime, quem tumultum suscitarint, quoniam ego paucos magorum nominatim percensui. quid faciam tam rudibus, tam barbaris? doceam rursum haec et multo plura alia nomina in bybliothecis publicis apud clarissimos scriptores me legisse an disputem longe aliud esse notitiam nominum, aliud artis eiusdem communionem nec debere doctrinae instrumentum et eruditionis memoriam pro confessione criminis haberi an, quod multo praestabilius est, tua doctrina, Claudi Maxime, tuaque perfecta eruditione fretus contemnam stultis et impolitis ad haec respondere? ita potius faciam: quid illi existiment, nauci non putabo; quod institui pergam disputare: nullam mihi causam fuisse Pudentillam ueneficiis ad nuptias prolectandi. Formam mulieris et aetatem ipsi ultro improbauerunt idque mihi uitio dederunt, talem uxorem causa auaritiae concupisse atque adeo primo dotem in congressu grandem et uberem rapuisse. ad haec, Maxime, longa oratione fatigare te non est consilium; nihil uerbis opus est, cum multo disertius ipsae tabulae loquantur, in quibus omnia contra, quam isti ex sua rapacitate de me quoque coniectauerunt, facta impraesentiarum et prouisa in posterum deprehendis: iam primum mulieris locupletissimae modicam dotem neque eam datam, sed tantum modo [creditam], praeter haec ea condicione factam coniunctionem, nullis ex me susceptis liberis [si] uita demigrasset, uti dos omnis apud filios eius Pontianum et Pudentem maneret, sin uero uno unaue superstite diem suum obisset, uti tum diuidua pars dotis posteriori filio, reliqua prioribus cederet.

Traduzione:

Vedi, Massimo, quale schiamazzo hanno fatto perché ho enunciato i nomi di alcuni maghi. Come comportarsi con gente così rozza, così barbara? Dovrei loro ancora insegnare che questi nomi e molti altri ancora ho letto nelle pubbliche biblioteche in opere di chiarissimi scrittori, oppure dovrei sostenere che una cosa è conoscere i nomi delle persone, un’altra cosa è praticarne le arti, e che lo studio e la cultura non devono essere considerati come la confessione di una colpa? Oppure non sarà molto meglio che io mi affidi alla tua scienza, Claudio Massimo, e alla tua compiuta erudizione, sdegnando di rispondere a gente sciocca e incivile? Si, si: così è meglio. Pensino essi quello che vogliono: non me ne importa nulla. Questo riprenderò a dimostrare: che non ebbi nessun motivo per allettare Pudentilla al matrimonio con magiche fatture. Dell’aspetto e dell’età della donna hanno parlato con disprezzo, e mi hanno accusato di aver desiderato una donna né bella, né giovane per avidità di denaro: e per ciò di averne estorto, appena uniti, una grossa e proficua dote. Di fronte a tale accusa, Massimo, non intendo stancarti con lunghi discorsi. Non c’è bisogno di parole, qui: il contratto nuziale parla molto più eloquentemente; in esso tu trovi tutte le cose fatte e predisposte con intenzioni contrarie a quelle che costoro, secondo la propria capacità, attribuiscono anche a me; e dapprima trovi che l’assegnazione dotale è modesta, sebbene sia ricchissima la moglie, e che non vi è costituzione reale, ma soltanto obbligatoria della dote; inoltre c’è questa condizione matrimoniale, che se Pudentilla passi di vita senza avermi dato figlioli, la dote intera rimane ai due figli Ponziano e Pudente; se essa, prima del suo ultimo giorno, lasci un figlio o una figlia, metà della dote viene al figlio del secondo letto, il resto gli altri due.

Apologia (Apuleio)

Brano 92Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Haec, ut dico, tabulis ipsis docebo. fors fuat an ne sic quidem credat Aemilianus sola trecenta milia nummum scripta eorumque repetitionem filiis Pudentillae pacto datam. cape sis ipse tu manibus tuis tabulas istas, da impulsori tuo Rufino: legat, pudeat illum tumidi animi sui et ambitiosae mendicitatis; quippe ipse egens, nudus CCCC milibus nummum a creditore acceptis filiam dotauit, Pudentilla locuples femina trecentis milibus dotis fuit contenta et maritum habet, et multis saepe et ingentibus dotibus spretis, inani nomine tantulae dotis contentum, ceterum praeter uxorem suam nihil computantem, omnem supellectilem cunctasque diuitias in concordia coniugii et mutuo amore ponentem. quamquam quis omnium uel exigue rerum peritus culpare auderet, si mulier uidua et mediocri forma, at non aetate mediocri, nubere uolens longa dote et molli condicione inuitasset iuuenem neque corpore neque animo neque fortuna paenitendum? uirgo formosa etsi sit oppido pauper, tamen [h]abunde dotata est; affert quippe ad maritum nouum animi indolem, pulchritudinis gratiam, floris rudimentum. ipsa uirginitatis commendatio iure meritoque omnibus maritis acceptissima est; nam quodcumque aliud in dotem acceperis, potes, cum libuit, ne sis beneficio obstrictus, omne ut acceperas retribuere, pecuniam renumerare, mancipia restituere, domo demigrare, praediis cedere: sola uirginitas cum semel accepta est, reddi nequitur, sola apud maritum ex rebus dotalibus remanet. uidua autem qualis nuptiis uenit, talis diuortio digreditur; nihil affert inreposcibile, sed uenit iam ab alio praeflorata, certe tibi ad quae uelis minime docilis, non minus suspectans nouam domum quam ipsa iam ob unum diuortium suspectanda, siue illa morte amisit maritum, ut scaeui ominis mulier et infausti coniugii minime appetenda, seu repudio digressa est, utramuis habe[n]s culpam mulier, quae aut tam intolerabilis fuit, ut repudiaretur, aut tam insolens, ut repudiaret. ob haec et alia uiduae dote aucta procos sollicitant. quod Pudentilla quoque in alio marito fecisset, si philosophum spernentem dotis non rep[p]erisset.

Traduzione:

Questo, dico, dimostrerò con gli atti alla mano. Forse Emiliano neppure così crederà che soli trecentomila sesterzi siano stati messi in contratto con il patto di riversibilità in favore dei figli di Pudentilla. Prendilo tu stesso in mano, quest’atto, e passalo al tuo consigliere, a Rufino; legga, si vergogni delle sue furie e della sua ambiziosa mendicità: lui, povero, nudo, ha preso in prestito quattrocentomila sesterzi per dotare la figlia; la ricca Pudentilla si contentò di una dote di trecentomila sesterzi ed ha un marito che, dopo avere rifiutato in tante occasioni molte e ricche doti, si è contentato di un meschino e illusorio titolo dotale. Perché egli, all’infuori della moglie, non fa conto di altra cosa: e ogni corredo e ogni ricchezza ripone nella concordia e nella pienezza dell’amore coniugale. D’altra parte, quale uomo, che abbia un poco di esperienza, oserebbe incolpare una vedova scarsa di bellezza ma non scarsa di anni che, volendosi rimaritare, cercasse con la sua ampia dote e la sua vantaggiosa condizione di allettare un giovane non sgradevole né di aspetto né di animo né di fortuna? Una vergine bella, se anche poverissima, è copiosamente dotata: essa porta al marito la freschezza dell’anima, la grazia della bellezza, la primizia del suo fiore. Giustamente, a ragione, a tutti i mariti è graditissimo il pregio della verginità, perché qualunque altro bene tu abbia ricevuto in dono, puoi, quando ti piaccia, per non sentirti obbligato, restituire intero come l’hai ricevuto: rimborsare i denari, riconsegnare gli schiavi, lasciare la casa, abbandonare i poderi; la sola verginità una volta ricevuta, non si può rendere più; dei beni dotali essa sola resta al marito. La vedova quale giunge nella casa del marito tale per divorzio se ne allontana. Nulla porta che non si possa ridomandare. Essa viene, posseduta da un altro, per nulla pieghevole ai tuoi voleri, sospettosa della nuova casa, siccome sospettata è anche lei a cagione della sua prima separazione coniugale: perché se essa ha perduto il marito, come donna di malaugurio e d’infausto connubio è tutt’altro che desiderabile; se c’è stato ripudio, allora la colpa è della donna tanto intollerabile da essere ripudiata o tanto insolente da ripudiare. Per queste e per altre ragioni le vedove sollecitano i loro pretendenti con doti più ricche. Pudentilla anch’essa l’avrebbe fatto con un altro marito, se non avesse trovato un filosofo spregiatore di doti.

Apologia (Apuleio)

Brano 93Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Age uero, si auaritiae causa mulierem concupissem, quid mihi utilius ad possidendam domum eius fuit quam simultatem inter matrem et filios serere, alienare ab eius animo liberorum caritatem, quo liberius et artius desolatam mulierem solus possiderem? fuitne hoc praedonis? quod uos fingitis. ego uero quietis et concordiae et pietatis auctor, conciliator, fauisor non modo noua odia non serui, sed uetera quoque funditus extirpaui. suasi uxori meae, cuius, ut isti aiunt, iam uniuersas opes transuoraram, suasi, inquam, ac denique persuasi, ut filiis pecuniam suam reposcentibus, de qua supra dixeram, ut eam pecuniam sine mora redderet in praedis uili aestimatis et quanto ipsi uolebant, praeterea ex re familiari sua fructuosissimos agros et grandem domum opulente ornatam magnamque uim tritici et ordei et uini et oliui ceterorumque fructuum, seruos quoque haud minus CCCC, pecora amplius neque pauca neque abiecti pretii donaret, ut eos et ex ea parte quam tribuisset securos haberet et ad cetera hereditatis bona spe[i] inuitaret. haec ergo ab inuita Pudentilla — patietur enim me, uti res fuit, ita dicere — aegre extudi, ingentibus precibus inuitae et iratae extorsi, matrem filiis reconciliaui, priuignos meos primo hoc uitrici beneficio grandi pecunia auxi.

Traduzione:

Ebbene, se io avessi desiderato la donna per avidità di denaro, non sarebbe stato più vantaggioso per me, allo scopo di impadronirmi della sua casa, seminare discordia tra madre e figli, alienare dal suo animo l’amore per le sue creature affinché io solo possedessi quella donna, così isolata, con più libertà e intimità? Non sarebbe stata questa l’opera degna di un predone, come voi immaginate che io sia? Invece, no. Della quiete, della concordia, della tenerezza, io sono stato promotore, conciliatore, fautore e invece che seminarne di nuovi, ho estirpato dalle radici i vecchi odi. Io esortai mia moglie – della quale, come dicono costoro, avevo tranghiottito tutte le sostanze – la esortai, dico, e finalmente la persuasi, a rendere ai figli senza indugio il denaro ch’essi reclamavano – come sopra ho detto – : e renderglielo in poderi, stimati a basso prezzo, quanto essi volevano; inoltre la persuasi a donare del patrimonio suo fruttuosissimi campi e una grande casa riccamente provveduta e una gran quantità di grano, di vino, di orzo, di olio e di altri prodotti, e non meno di quattrocento servi e ancora mandrie numerose e di non poco valore: perché fossero intanto con quell’assegno rassicurati ed invitati con buona speranza al resto della successione. Pudentilla non voleva – essa permetterà ch’io dica come avvenne la cosa – , io ottenni a fatica il suo consenso, lo strappai, con grandi preghiere, alle sue riluttanze e alla sua collera, riconciliai la madre con i figli, e per primo beneficio di patrigno, ho arricchito di una considerevole somma i miei figliastri.

Apologia (Apuleio)

Brano 94Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Cognitum hoc est tota ciuitate. Rufinum omnes execrati me laudibus tulere. uenerat ad nos, priusquam istam donationem perficeret, cum dissimili isto fratre suo Pontianus, pedes nostros aduolutus ueniam et obliuionem praeteritorum omnium postularat, flens et manus nostras osculabundus ac dicens paenitere quod Rufino et similibus auscultarit. petit postea suppliciter, uti se Lolliano quoque Auito C. V. purgem, cui haud pridem tirocinio orationis suae fuerat a me commendatus; quippe compererat ante paucos dies omnia me, ut acta erant, ad eum perscripsisse. id quoque a me impetrat. itaque acceptis litteris Carthaginem pergit, ubi iam prope exacto consulatus sui munere Lollianus Auitus te, Maxime, opperiebatur. [h]is epistulis meis lectis pro sua eximia humanitate gratulatus Pontiano, quod cito [h]errorem suum correxisset, rescripsit mihi per eum quas litteras, di boni, qua doctrina, quo lepore, qua uerborum amoenitate simul et iucunditate, prorsus ut ‘uir bonus dicendi peritus’. scio te, Maxime, libenter eius litteras auditurum; et quide[m] si praelegam, mea uoce pronuntiabo. cedo tu Auiti epistulas, ut quae semper ornamento mihi fuerunt sint nunc etiam saluti. at tu licebit aquam sinas fluere; namque optimi uiri litteras ter et quater aueo quantouis temporis dispendio lectitare.

Traduzione:

Tutta la città conosce queste cose. Rufino esecrato da tutti, io portato alle stelle. Prima che la donazione fosse legalmente perfetta era venuto a trovarmi Ponziano, con codesto suo fratello, tanto diverso da lui: e caduto ai miei piedi aveva chiesto perdono e dimenticanza di tutto il passato: e piangeva e mi baciava le mani, tutto pentito di aver dato ascolto a Rufino e ai suoi pari. Mi supplicò poi di farlo rientrare in grazia dell’illustrissimo Lolliano Avito, a cui l’avevo da poco raccomandato, durante il suo tirocinio oratorio: giacché aveva saputo ch’io lo avevo informato per iscritto di tutto quanto era avvenuto. Lo contentai anche in questo. Pertanto, avuta la lettera, se ne va a Cartagine, dove, quasi alla fine del suo proconsolato, Lolliano Avito aspettava il tuo arrivo, Massimo. Lolliano legge la mia lettera e, conforme alla sua esimia umanità, si congratula con Ponziano per l’errore sollecitamente riparato e lo incarica di portarmi una lettera: ma che lettera, buon Dio, e con quale dottrina, con quale grazia e amabilità e piacevolezza di espressione! Insomma “il buon cittadino esperto della parola”. So, Massimo, che ascolterai volentieri quella lettera; e se potrò, voglio leggerla io stesso. (Al segretario.) Dammi la lettera di Avito: essa mi fu sempre un titolo di onore; adesso mi sia anche di salvezza. (Al custode della clepsidra.) E tu lascia pure che l’acqua scorra. Questa lettera di quell’uomo eccellente io voglio rileggerla, tre, quattro volte, con qualsiasi dispendio di tempo. (Lettura della lettera.)

Apologia (Apuleio)

Brano 95Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Non sum nescius debuisse me post istas Auiti litteras perorare. quem enim laudatorem locupletiorem, quem testem uitae meae sanctiorem producam, quem denique aduocatum facundiorem? multos in uita mea Romani nominis disertos uiros sedulo cognoui, sed sum [m]aeque neminem ammiratus. nemo est hodie, quantum mea opinio fert, alicuius in eloquentia laudis et spei, quin Auitus esse longe malit, si cu[m] eo se remota inuidia uelit conferre; quippe omnes fandi uirtutes paene diuersae in illo uiro congruunt. quamcumque ora[tio]nem struxerit Auitus, ita illa erit undique sui perfecte absoluta, ut in illa neque Cato grauitatem requirat neque Laelius lenitatem nec Gracchus impetum nec Caesar calorem nec [H]ortensius distributionem nec Caluus argutias nec parsimoniam Salustius nec opulentiam Cicero: prorsus, inquam, ne omnis persequar, si Auitum audias, neque additum quicquam uelis neque detractum neque autem aliquid commutatum. Video, Maxime, quam benigne audias, quae in amico tuo Auito recognosces. tua me comitas, ut uel pauca dicerem de eo, inuitauit. at non usque adeo tuae beniuolentiae indulgebo, ut mihi permittam iam propemodum fesso in causa prorsus ad finem inclinata de egregiis uirtutibus eius nunc demum incipere, quin potius eas integris uiribus et tempori libero seruem.

Traduzione:

So bene che dopo questa lettera di Avito dovrei porre termine al mio discorso. Quale più ricco lodatore, quale più illibato testimone della mia vita, io potrei produrre, quale avvocato più eloquente? Molti oratori di romana nominanza ho bene conosciuto nella mia vita, ma per nessuno ho avuto pari ammirazione. Nessuno è oggi, siccome io penso, nel campo dell’eloquenza, oggetto di lode e di speranza, che non preferisca di gran lunga essere Avito, se con lui, senza ombra di gelosia, voglia compararsi: perché tutte le varie e presso che opposte virtù dell’oratoria si accordano in quell’uomo. Qualunque orazione Avito abbia composta, sarà essa in ogni sua parte così perfettamente compiuta che né Catone sentirebbe mancanza di gravità, né Lelio di scorrevolezza, né Gracco di impeto, né Cesare di calore, né Ortensio di ordine, né Calvo di arguzie, né Sallustio di sobrietà, né Cicerone di abbondanza. Insomma, per non nominarli tutti, quando si ascolta un discorso di Avito, non si desidera aggiungere né togliere né mutare alcuna cosa. Vedo, Massimo, con quanta benignità tu ascolti queste lodi che riconoscerai nel tuo amico Avito. La tua benignità mi ha invogliato a dire di lui qualche cosa: ma io non voglio secondare la tua indulgenza fino a permettermi, stanco come sono e ormai alla fine della causa, l’elogio delle sue rare virtù, che preferisco riserbare a quando avrò più di forze e di tempo.

Apologia (Apuleio)

Brano 96Apologia (Apuleio):

Testo originale:

nunc enim mihi, quod aegre fero, a commemoratione tanti uiri ad pestes istas oratio reuoluenda est. Audesne te ergo, Aemiliane, cum Auito conferre? quemme ille bonum uirum ait, cuius animi disputationem tam plene suis litteris collaudat, eum tu magiae maleficii criminis insectabere? an inuasisse me domum Pudentillae et concipilare bona eius tu magis dolere debes quam doluisset Pontianus, qui mihi ob paucorum dierum uestro scilicet instinctu ortas simultates etiam absenti apud Auitum satisfecit, qui mihi apud tantum uirum gratias egit? puta me acta apud Auitum, non litteras ipsius legisse. quid posses uel quas quis in isto negotio accusare? Pontianus ipse quod a matre donatum acceperat meo muneri acceptum ferebat, Pontianus me uitricum sibi contigisse intimis affectionibus laetabatur. quod utinam incolumis Carthagine reuertisset. uel, quoniam sic ei fuerat fato decretum, utinam tu, Rufine, supremum eius iudicium non impedisses. quas mihi aut coram aut denique in testamento gratias egisset. litteras tamen, quas ad me Carthagine[m] uel iam adueniens ex itinere praemisit, quas adhuc ualidus, quas iam aeger, plenas honoris, plenas amoris, quaeso, Maxime, paulisper recitari sinas, ut sciat frater eius, accusator meus, quam in omnibus minor u[it]ae curriculum cum fratre optumae memoriae uiro currat.

Traduzione:

Perché ora, mio malgrado, dal ricordo di tanto uomo dovrò passare a questa peste. Tu vuoi dunque, Emiliano, opporti ad Avito? Quel tale che Avito chiama buon cittadino, il cui carattere loda senza riserva alcuna nella sua lettera, tu accuserai di magico maleficio? E ammesso che io abbia invaso la casa di Pudentilla e la stia spogliando dei suoi beni, proprio tu dovresti dolertene più di quanto non abbia fatto Ponziano, il quale, per un disaccordo durato pochi giorni, eccitato naturalmente da voi, mi diede, in mia assenza, soddisfazione presso Avito, e dinanzi a tanto uomo ebbe per me parole di grazie? Supponi che io abbia letto il racconto di ciò che accadde in presenza di Avito e non la sua lettera: che cosa potresti tu o quali cose potrebbe un altro biasimare in questa faccenda? Ponziano stesso riconosceva che quanto gli era stato donato dalla madre lo doveva a mia generosità: Ponziano nel fondo del suo cuore si rallegrava di aver trovato in me un tale patrigno. Magari egli fosse tornato incolume da Cartagine! Magari – poiché era questo il suo destino – tu, Rufino, non gli avessi impedito di esprimere le sue ultime volontà! Quali grazie non mi avrebbe egli reso o in persona o nel testamento! Ma le lettere che egli mi indirizzò da Cartagine, lungo la via del ritorno, quelle che ancora valido, quelle che ormai malato mi scrisse, piene di onore, piene di amore, lascia, Massimo, che siano lette per un istante, affinché il fratello suo, mio accusatore, sappia quanto poco egli sia compagno al fratello, uomo di virtuosissima memoria, nel seguire il corso di Minerva. (Si leggono le lettere di Ponziano.)

Apologia (Apuleio)

Brano 97Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Audistine uocabula, quae mihi Pontianus frater tuus tribuerat me parentem suum, me dominum, me magistrum cum saepe alias, tum in extremo te[m]pore uitae uocans, postquam * * * ; tuas quoque paris epistolas promerem, si uel exiguam moram tanti putarem. potius testamentum illud recens tui fratris quamquam inperfectum tamen proferri cuperem, in quo mei officiosissime et honestissime meminit. quod tamen testamentum Rufinus neque comparari neque perfici passus est pudore perditae hereditatis, quam [praemium] paucorum mensium, quibus socer Pontiani fuit, magno quidem pretio noctium computarat. praeterea nescio quos Chaldaeos consuluerat, quo lucro filiam collocaret, qui, ut audio, utinam illud non uere respondissent, primum eius maritum in paucis mensibus moriturum; cetera enim de hereditate, ut adsolent, ad consulentis uotum confinxerunt. uerum, ut dii uoluere, quasi caeca bestia in cassum hiauit. Pontianus enim filiam Rufini male compertam non modo heredem non reliquit, sed ne honesto quidem legato impertiuit, quippe qui ei ad ignominiam lintea adscribi ducentorum fere denariorum iusserit, ut intellegeretur iratus potius aestimasse eam quam oblitus praeterisse. scribsit autem heredes tam hoc testamento quam priore, quod lectum est, matrem cum fratre, cui, ut uides, admodum puero eandem illam filiae suae machinam Rufinus admouet ac mulierem aliquam multo natu maiorem, nuperrime uxorem fratris, misero puero obicit et obsternit.

Traduzione:

Hai sentito le parole con le quali Ponziano, tuo fratello, mi chiamava: suo padre, suo signore, suo maestro: tante volte fino all’estrema ora della sua vita. Dopo di che potrei anche produrre alcune tue lettere dello stesso tono, se le credessi degne del benché minimo indugio. Piuttosto avrei tanta voglia di presentare il recente testamento di tuo fratello, sebbene incompiuto, dove egli mi ricordò coi termini più riguardosi e onorevoli. Ma quel testamento Rufino non permise che fosse redatto e compiuto, per la mortificazione della perduta eredità, da lui valutata siccome compenso, veramente assai salato, per le notti di quei pochi mesi in cui la sua figliola fu moglie di Ponziano. Inoltre egli aveva consultato alcuni Caldei sui guadagni che gli sarebbero venuti collocando la figlia: e risposero (così non fosse stato vero!) che il suo primo marito in poco tempo sarebbe morto; gli altri responsi intorno all’eredità, combinarono, com’è loro costume, secondo il desiderio del consulente. Ma, grazie al cielo, a guisa di cieca bestia, rimase a gola aperta inutilmente. Infatti Ponziano, conosciuta, per quel che valeva, la figlia di Rufino, non solo non la lasciò erede, ma le fece un legato infamante, un tessuto di lino di circa duecento denari, perché si capisse ch’egli l’aveva rinnegata per disprezzo e non trascurata per dimenticanza. In questo testamento, come nel primo, di cui si è data lettura, lasciò eredi la madre e il fratello, contro il quale, come vedi, ancora ragazzo, Rufino fa avanzare quella medesima catapulta della sua figliola, e mostra ed espone nel letto a questo povero giovincello una donna, di molto pi? anziana, che poco fa era sua cognata.

Apologia (Apuleio)

Brano 98Apologia (Apuleio):

Testo originale:

A[i]t ille puellae meretricis blandimentis et lenonis patris illectamentis captus et possessus, exinde ut frater eius animam edidit, relicta matre ad patruum commigrauit, quo facilius remotis nobis coepta perficerentur; fauet enim Rufino Aemilianus et prouentum cupit. — ehem, recte uos ammonetis: etiam suam spem bonus patruus temperat in isto ac fouet, qui sciat intestati pueri legitimum magis quam iustum heredem futurum. nollem hercule hoc a me profectum; non fuit meae moderationis tacitas omnium suspiciones palam abrumpere; male uos, qui sugge[s]sistis. plane quidem, si [p]uerum uelis, multi mirantur, Aemiliane, tam repentinam circa puerum istum pietatem tuam, postquam frater eius Pontianus est mortuus, cum antea tam ignotus illi fueris, ut saepe ne in occursu quidem filium fratris tui de facie agnosceres. at nunc adeo patientem te ei praebes itaque eum indulgentia corrumpis, adeo ei nulla re aduersare, ut per haec suspicacioribus fidem facias. inuestem a nobis accepisti: uesticipem ilico reddidisti; cum a nobis regeretur, ad magistros itabat: ab iis nunc magna fugela in ganeum fugit, amicos serios aspernatur, cum adulescentulis postremissumis inter scorta et pocula puer hoc aeui conuiuium agitat. ipse domi tuae rector, ipse familiae dominus, ipse magister conuiuio; in ludo quoque gladiatorio frequens uisi[ta]tor nomina gladiatorum et pugnas et uulnera plane quidem ut puer honestus ab ipso lanista docetur; loquitur nunquam nisi Punice et si quid adhuc a matre graecissat; enim Latine loqui neque uult neque potest. audisti, Maxime, paulo ante, pro nefas, priuignum meum, fratrem Pontiani, diserti iuuenis, uix singulas syllabas fringultientem, cum ab eo quaereres, dona[s]setne illis mater quae ego dicebam me adnitente donata.

Traduzione:

E il ragazzo si è lasciato accalappiare dalle carezze cortigianesche della donna e dalle manovre ruffianesche del padre. Appena spirato suo fratello, lasciata la madre, egli si trasferì in casa dello zio, dove, senza di noi, i disegni di quella gente potevano avere più facile successo. Emiliano è compare di Rufino; e desidera il buon affare. (Qualcuno del pubblico assente: Apuleio raccoglie la interruzione.) Si, è giusto: mi ci fate pensare: quel bravo zio nella persona del nipote ripone e nutrisce le proprie speranze, giacché egli sa che se il ragazzo muore intestato, egli ne sarà l’erede, secondo la legge se non secondo giustizia. Sarebbe stato meglio che questo rilievo non fosse venuto da me; non è conforme alla mia consueta riservatezza svelare i taciti sospetti del pubblico: la colpa è di voi che avete suggerito. Il fatto è che molti, Emiliano, si stupiscono per codesta tua improvvisa amorevolezza verso questo ragazzo, dopo la morte del fratello Ponziano, mentre prima gli eri talmente ignoto che neppure quando lo incontravi eri capace di riconoscerne il volto. Ma ora sei così condiscendente con lui, indulgi tanto ai suoi vizi, talmente lo assecondi in ogni cosa, da accreditare ogni sospetto. Lo hai ricevuto da noi che era un bambino, ne hai fatto subito un uomo malizioso; quando era sotto la nostra disciplina, frequentava le scuole; ora ne scappa via per andare nei luoghi malfamati; schiva gli amici seri; coi giovinastri della peggiore risma tra sgualdrine e bicchieri egli, un fanciullo di quell’età, celebra i suoi festini. Lui rettore della tua casa; lui padrone dei tuoi schiavi, lui re del convito; frequentatore assiduo della scuola gladiatoria, si fa insegnare dallo stesso lanista il nome dei gladiatori, i loro scontri, i loro colpi, assolutamente come un bravo ragazzo; non parla mai che in punicio, se anche ritiene ancora dalla madre qualche parola greca: parlare in latino non vuole né può. Hai sentito, Massimo, poco fa – che vergogna! – il mio figliastro, il fratello di Ponziano, giovane facondo, l’hai sentito che a mala pena chioccolava ad una ad una le sillabe, quando gli domandavi se la madre avesse loro fatto quelle donazioni, che io dicevo dovute al mio intervento.

Apologia (Apuleio)

Brano 99Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Testor igitur te, Claudi Maxime, uosque, qui in consilio estis, uosque etiam, qui tribunal mecum adsistitis, haec damna et dedecora morum eius patruo huic et candidato illo socero adsignanda meque posthac boni consulturum, quod talis priuignus curae meae iugum ceruice excusserit, neque postea pro eo matri eius supplicaturum. nam, quod paenissime oblitus sum, nuperrime cum testamentum Pudentilla post mortem Pontiani filii sui in mala ualetudine scrib[s]eret, diu sum aduersus illam renisus, ne hunc ob tot insignis contumelias, ob tot iniurias exheredaret; elogium grauissimum iam totum medius fidius perscriptum ut aboleret, impensis precibus oraui[t]; postremo, ni impetrarem, diuersurum me ab ea comminatus sum: mihi hanc ueniam tribueret, malum filium beneficio uinceret, me inuidia omni liberaret. nec prius destiti quam ita fecit. doleo me huncce scrupulum Aemiliano dempsisse, tam inopinatam rem ei indicasse. specta quaeso, Maxime, ut hisce auditis subito obstipuerit, ut oculos ad terram demiserit; enim longe sequius ratus fuerat, nec inmerito: mulierem filii contumeliis infectam, meis officiis deuinctam sciebat. de me quoque fuit quod timeret: quiuis uel aeque ut ego spernens hereditatis tamen uindicari de tam inofficioso priuigno non recusasset. haec praecipue sollicitudo eos ad accusationem mei stimulauit: hereditatem omnem mihi relictam falso ex sua auaritia coniectauere. soluo uos in praeteritum isto metu. namque animum meum neque hereditatis neque ultionis occasio potuit loco demouere. pugnaui cum irata matre pro priuigno malo uitricus, ueluti pater pro optimo filio aduersus nouercam, nec satis fuit, ni bonae uxoris prolixam liberalitatem circa me nimio plus aequo coercerem.

Traduzione:

Vi prendo a testimoni, Claudio Massimo e voi signori del Consiglio, e anche voi che siete con me presenti in tribunale, che di queste rovine e vergogne morali responsabili sono lo zio e il candidato suocero. Quanto a me sarò contento che un tale figliastro abbia scosso dal collo il giogo della mia custodia e che non avrò più da intercedere per lui presso la madre. Perché – me n’ero quasi quasi scordato – pochissimo tempo addietro, dopo la morte di Ponziano, suo figlio. Pudentilla, malata, fece testamento: ed io dovetti sostenere una lotta perché lei non diseredasse l’autore di tanti clamorosi oltraggi e di tante ingiurie. Essa aveva già scritto, ve lo assicuro, il motivo gravissimo della diseredazione; io la pregai con insistenti preghiere che lo cancellasse: e per ultimo minacciai, se non avesse consentito, che mi sarei separato da lei: supplicandola di accordarmi questa grazia, di vincere col beneficio il cattivo figlio, di liberarmi da ogni sospetto di ostilità. E così non desistei prima ch’ella avesse consentito. Mi dolgo di aver tolto questa sollecitudine ad Emiliano e di avergli fatto questa inattesa rivelazione. Guardalo, Massimo, te ne prego: vedi come a un tratto, udite queste cose, è rimasto stupito, come tiene gli occhi a terra. Ben altro egli si aspettava, e non a torto: che sapeva la donna avvelenata dalle contumelie del figlio e attaccata alla mia devozione. Egli aveva ragione di temere anche di me. Chiunque, anche se noncurante – come sono io – di eredità, non avrebbe rinunciato a vendicarsi di un figliastro cos? poco rispettoso. Una sollecitudine principalmente li stimolò ad accusarmi: ch’io fossi istituito erede universale. Non era così: ma essi lo pensavano, conforme alla loro avarizia. Vi libero per il passato da questo timore. Nessuna occasione, né quella della eredità né quella della vendetta, ha potuto smuovere l’animo mio. Ho combattuto con una madre incollerita a favore del figliastro, io, patrigno, come farebbe un padre a favore di un ottimo figlio contro la matrigna: né fui contento finché non riuscii a trattenere, più di quanto l’equità non esigesse, la generosa liberalità di una buona moglie nei miei riguardi.

Apologia (Apuleio)

Brano 100Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Cedo tu testamentum iam inimico filio a matre factum me, quem isti praedonem dicunt, uerba singula cum precibus praeeunte[m]. rumpi tabulas istas iube, Maxime: inuenies filium heredem, mihi uero tenue nescio quid honoris gratia legatum, ne, si quid ei humanitus attigisset, nomen maritus in uxoris tabulis non haberem. cape ist[a]ut matris tuae testamentum, uere hoc quidem inofficiosum; qui[d]ni? in quo obsequentissimum maritum exheredauit, inimicissimum filium scribsit heredem, immo enimuero non filium, sed Aemiliani spes et Rufini nuptias, set temulentum illud collegium, parasitos tuos. accipe, inquam, filiorum optime, et positis paulisper epistulis amatoriis matris lege potius testamentum: si quid quasi insana scripsit, hic reperies et quidem mox a principio: ‘Sicinius Pudens filius meus mihi heres esto’. fateor, qui ho[c] legerit insanum putabit. hicine filius heres, qui te in ipso fratris sui funere aduocata perditissimorum iuuenum manu uoluit excludere e domo quam ipsa donaueras, qui te sibi a fratre coheredem relictam grauiter et acerbe tulit, qui confestim te cum tuo luctu et maerore deseruit et ad Rufinum et Aemilianum de sinu tuo aufugit, qui [t]ibi plurimas postea contumelias dixit coram et adiuuante patruo fecit, qui nomen tuum pro tribunalibus uentilauit, qui pudorem tuum tuismet litteris conatus est publice dedecorare, qui maritu[m] tuum, quem elegeras, quem, ut ipse obiciebat, efflictim amabas, capitis accusauit? aperi quaeso, bone puer, aperi testamentum: facilius insaniam matris sic probabis. Quid abnuis, quid recusas, postquam sollicitudinem de hereditate materna reppulisti?

Traduzione:

(A un segretario.) Dammi il testamento fatto dalla madre in favore del figlio che le si era già dichiarato nemico, fatto per preghiera e sotto dettatura mia: cioè di questo predone, com’essi dicono. Massimo fa’ rompere i sigilli; troverai che il figlio è istituito erede; a me è lasciata non so che piccola cosa, per semplice convenienza, acciocché, se le fosse toccato qualche male, non mi mancasse il titolo di marito nel testamento della moglie. (A Sicinio Pudente.) Prendilo, prendilo questo testamento di tua madre, questo testamento davvero è inofficioso?. Come no? È un testamento dove il più devoto dei mariti è diseredato e si istituisce erede un figlio inimicissimo. Ma che dico figlio? Eredi sono le speranze di Emiliano, le vagheggiate nozze di Rufino, tutta un’associazione di briachi parassiti. Prendilo, dico, tu, la perla dei figliuoli, e messe per un poco da parte le lettere amatorie della madre, leggi piuttosto il suo testamento; se qualcosa essa vi ha scritto con la mente traviata, la troverai qui: e per l’appunto subito, alle prime parole: “Sicinio Pudente, figlio mio, è mio erede”. Lo confesso: chi leggerà questo, dirà che l’ha scritto un pazzo. Erede è questo figlio che proprio durante i funerali del fratello, chiamata una banda di giovinastri teppisti, volle cacciarti da quella casa che tu stessa gli avevi donato; quel figlio che considerò grave ed acerba offesa che il fratello ti abbia lasciata coerede con lui; che subito ti abbandonò nel lutto e nel dolore, per correre dalle tue braccia materne a Rufino e ad Emiliano; che moltissime volte poi ti oltraggi? di presenza con le parole e, aiutato dallo zio, coi fatti; che portò in giro per i tribunali il tuo nome, che tentò di svergognare pubblicamente il tuo pudore con le tue lettere, che accusò di un delitto capitale il marito tuo, quello che tu avevi scelto, quello che, come lui stesso ti rimproverava, tu amavi appassionatamente. Suvvia, apri, bravo figliuolo, apri il testamento: così più agevolmente dimostrerai la pazzia della madre.

Apologia (Apuleio)

Brano 101Apologia (Apuleio):

Testo originale:

at ego hasce tabulas, Maxime, hic ibidem pro pedibus tuis abicio testorque me deinceps incuriosius habiturum, quid Pudentilla testamento suo scribat. ipse iam, ut libet, matrem suam de cetero exoret: mihi, ut ultra pro eo deprecer, locum non reliquit. ipse iam, ut [qui] sui potens ac uir acerbissimas litteras matri dictet, iram eius deleniat; qui potuit perorare, poterit exorare. mihi iam dudum satis est, si non modo crimina obiecta plenissime dilui, uerum etiam radicem iudicii huius, id est hereditatis quaesitae inuidiam, funditus sustuli. Illud etiam, [c] ne quid omnium praeteream, priusquam peroro, falso obiectum reuincam. dixistis me magna pecunia mulieris pulcherrimum praedium meo nomine emisse. dico exiguum herediolum LX milibus nummum, id quoque non me, sed Pudentillam suo nomine emisse, Pudentillae nomen in tabulis esse, Pudentillae nomine pro eo agello tributum dependi. praesens est quaestor publicus, cui depensum est, Coruinius Celer, uir ornatus; adest etiam tutor auctor mulieris, uir grauissimus et sanctissimus, omni cum honore mihi nominandus, Cassius Longinus. quaere, Maxime, cuius emptionis auctor fuerit, quantulo pretio mulier locuples agellum suum praestinarit. — [testimonium Cassi Longini tutoris et Coruini Clementis quaestor(is)] Estne ita ut dixi? uspiam in hac emptione nomen meum ascriptum est? num ipsum heredioli pretium inuidiosum est, num uel hoc saltem in me collatum?

Traduzione:

Rifiuti, non vuoi? E già: ormai ti sei liberato da ogni preoccupazione sulla materna eredità. Ma io, Massimo, questo testamento, lo getto dinanzi ai tuoi piedi e attesto che d’ora innanzi non mi curerò di ciò che Pudentilla scriverà nel suo testamento. Ci pensi lui per l’avvenire, come gli piace, a scongiurare sua madre; a me non ha lasciato più possibilità di intervenire in suo favore. Egli, ormai padrone di sé e uomo, siccome scrive alla madre amarissime lettere, così cerchi lui stesso di placarne la collera: chi è stato buono a incolpare, sarà buono a scolparsi. A me basta di avere pienamente confutato le accuse mosse contro di me, non solo: ma di avere anche estirpato dal fondo la radice di questo processo, cioè l’odioso sospetto di una captata eredità. Ma, perché nulla sia trascurato, prima di finire, voglio ribattere un’altra calunnia. Avete detto che io, con una forte somma appartenente a mia moglie, ho comprato a mio nome un bellissimo podere. Dico che si tratta di un poderetto di sessantamila sesterzi, che non io, ma Pudentilla acquistò a suo nome: e il nome di Pudentilla è nel contratto e a nome di Pudentilla si pagano le imposte. È qui il questore pubblico, cui è stata pagata la somma, Corvinio Celere, rispettabile uomo; è presente anche il tutore autorizzante di Pudentilla, uomo serio e scrupolosissimo, da nominare con ogni riguardo, Cassio Longino. Chiedi, Massimo, quale acquisto egli abbia autorizzato e con quale piccola somma, quella ricca donna, abbia comperato questo piccolo campo. (Testimonianza di Cassio Longino e di Corvinio Celere.) È così come ho detto? Il mio nome apparisce in qualche parte dell’atto di compera? O forse ha destato sospetto il prezzo del poderetto o forse questo, almeno, mi è stato trasmesso in proprietà.

Apologia (Apuleio)

Brano 102Apologia (Apuleio):

Testo originale:

Quid etiam est, Aemiliane, quod non te iudice refutauerim? quod pretium magiae meae repperisti? cur ergo Pudentillae animum ueneficiis flecterem? quod ut ex ea commodum caperem? uti dotem mihi modicam potius quam a[m]mpla[m] diceret? o praeclara carmina. an ut eam dotem filiis suis magis restipularetur quam penes me sineret? quid addi ad hanc magiam potest? an uti rem familiarem suam meo adhortatu pleramque filiis condonasset, quae nihil illis ante me maritum fuerat largita, mihi [nihil] quicquam impertiret? o graue ueneficium dicam an ingratum beneficium. an ut testamento, quod irata filio scribebat, filium potius, cui offensa erat, quam me, cui deuincta, heredem relinqueret? hoc quidem multis cantaminibus difficile impetraui. putate uos causam non apud Cl(audium) Maximum agere, uirum aequum et iustitiae pertinacem, sed alium aliquem prauum et saeuum iudicem substituite, accusationum fautorem, cupidum condem[p]nandi: date ei quod sequatur, ministrate uel tantulam uerisimilem occasionem secundum uos pronuntiandi; saltim fingite aliquid, eminiscimini quod respondeatis, qui uos ita rogarit. et quoniam omnem conatum necesse est quaepiam causa praecedat, respondete qui Apuleium dicitis animum Pudentillae magicis illectamentis ad[h]ortum, quid ex ea petierit, cur fecerit. formam eius uoluerat? negatis. diuitias saltim concupierat? negant tabulae dotis, negant tabulae donationis, negant tabulae testamenti, in quibus non modo non cupide appetisse, uerum etiam dure reppulisse liberalitatem suae uxoris [h]ostenditur. quae igitur alia causa est? quid ommutuistis? quid tacetis? ubi illud libelli uestri atrox principium nomine priuigni mei form[orm]atum: ‘hunc ego, domine Maxime, reum apud te facere institui’?

Traduzione:

C’è qualcosa, ancora, Emiliano, che a tuo giudizio io non abbia confutato? Della mia magia quale premio hai trovato? Perché avrei piegato con incantesimi l’animo di Pudentilla? Per cavarne quale vantaggio? Perché mi assegnasse una piccola anziché una ricca dote? Che splendidi incantesimi! O perché stipulasse la riversibilità della dote in favore dei figli invece che lasciarla in mio potere? Che c’è di più perfetto di una simile magia? O perché dietro mia esortazione lasciasse ai figli quasi tutta la sua sostanza, mentre, prima di sposarmi, nessuna largizione aveva loro fatto: e a me lasciasse una piccolezza? Che grave veneficio, dovrei dire: o non piuttosto, che ingrato beneficio? Oppure perché nel testamento che ella redasse adirata contro il figlio, lasciasse erede il figlio che l’aveva offesa, anzi che me, cui era obbligata? Certamente occorrevano di molti incantesimi per ottenere con fatica questo bel risultato. Supponete che la causa non si tratti dinanzi a Claudio Massimo, uomo giusto e pertinace nella giustizia, ma al suo posto mettete qualche altro giudice perverso e crudele, che si compiaccia di accuse, bramoso di condanne: dategli una pista da seguire, somministrategli un piccolissimo pretesto per decidere secondo le vostre richieste, inventate almeno qualche cosa, immaginare una risposta da dare alle sue domande. Poiché ogni tentativo è necessario che muova da qualche causa, voi che accusate Apuleio di aver assalito l’animo di Pudentilla con magiche seduzioni, rispondete, spiegate per che cosa egli l’avrebbe fatto, che cosa voleva da lei. La sua bellezza? Dite di no. Era avido delle sue ricchezze? Lo nega il contratto di nozze, lo nega l’atto di donazione, lo nega il testamento, il quale dimostra ch’egli non soltanto non ha cupidamente desiderato, ma che anzi ha rigidamente respinto la liberalità della moglie. Quale altra causa c’è dunque? Perché ammutolite, perché tacete? Dov’è quell’atroce esordio del vostro atto di accusa formulato a nome del mio figliastro: “Io mi costituisco, o massimo, davanti a te accusatore di quest’uomo…?”

Apologia (Apuleio)

Brano 103Apologia (Apuleio):

Testo originale:

quin igitur addis; ‘reum magistrum, reum uitricum, reum deprecatorem’? sed quid deinde? ‘plurimorum maleficiorum et manifestissimorum’. cedo unum de plurimis, cedo dubium uel saltem obscurum de manifestissimis. ceterum ad haec, quae obiecistis, numera an binis uerbis respondeam. ‘dentes sp[l]endidas’: ignosce munditiis. ‘specula inspicis’: debet philosophus. ‘uersus facis’: licet fieri. ‘pisces exploras’: Aristoteles docet. ‘lignum consecras’: Plato suadet. ‘uxorem ducis’: leges iubent. ‘prior natu is[ta] est’: solet fieri. ‘lucrum sectatus es’: dotalis accipe, donationem recordare, testamentum lege. quae si omnia affatim retudi, si calumnias omnes refutaui, si me in omnibus non modo criminibus, uerum etiam maledictis procul a culpa [philosophiae] tutus sum, si philosophiae honorem, qui mihi salute mea antiquior est, nusquam minui, immo contra ubique si cum septem pennis eum tenui: si haec, ut dico, ita sunt, possum securus existimationem tuam reuereri quam potestatem uereri, quod minus graue et uerendum mihi arbitror a[c] procons(ule) damnari quam si a tam bono tamque emendato uiro improber. Dixi.

Traduzione:

Perché non aggiungi: “accusatore del mio maestro, del mio patrigno, del mio intercessore”? E poi continuando: “… di quest’uomo reo di moltissimi e manifestissimi malefici”. Dimmene uno solo di questi moltissimi, di questi manifestissimi, dimmene uno solo, che lasci alcun dubbio o per lo meno una certa oscurità. Quanto al resto delle vostre accuse, fai bene il conto se non rispondo con due parole. “Ti lustri i denti”. È pulizia. “Guardi gli specchi”: un filosofo deve. “Componi versi”. È lecito. “Esamini i pesci”: Aristotele insegna. “Consacri un legno”: Platone consiglia. “Prendi moglie”: la legge vuole. “È più anziana di te”: suole accadere. “L’hai fatto per lucro”. Prendi il contratto, ricorda la donazione, leggi il testamento. (Si rivolge concludendo al proconsole.) Se tutte queste cose ho abbastanza rintuzzato, se io ho messo la mia innocenza al riparo non solo di ogni accusa, ma anche di ogni ingiuria, se l’onore della filosofia, che mi è più caro della vita, non ho mai menomato, anzi al contrario se l’ho dovunque, come un invitto gladiatore, mantenuto: se questo è così come dico, io posso con rispettosa fiducia attendere la espressione della tua stima anziché temere la tua potestà; perché la condanna del proconsole sarebbe per me cosa meno grave e temibile che il biasimo di un uomo tanto degno e illibato. Ho detto.

Apologia (Apuleio)

Se ti piaccio i contenuti che trovi su Free Attitude, aiutaci a crescere seguendo la nostra pagina Facebook!